Lavoro 26 aprile 2018

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche

Immagine articolo

E se gli infermieri copiassero il modello organizzativo e formativo dei medici? Se si distinguessero in infermieri di famiglia ed infermieri specialisti? È quanto auspica Annalisa Silvestro, infermiera, ex Presidente della Federazione Nazionale Collegi IPASVI (prima che diventasse FNOPI, Federazione Nazionale Ordini delle Professioni Infermieristiche) e Senatrice PD nella scorsa legislatura.

Ma di fatto, l’infermiere di famiglia esiste già, «anche se assume nomi diversi nelle varie Regioni d’Italia – spiega la Silvestro ai nostri microfoni -: in Emilia Romagna si parla di infermiere di famiglia, in Friuli Venezia Giulia di infermiere di comunità, e da qualche altra parte di infermiere domiciliare, creando molta confusione ed ostacolando la nascita di un percorso formativo omogeneo su tutto il territorio nazionale».

LEGGI ANCHE: UNA GIORNATA CON… L’INFERMIERE DI FAMIGLIA. ECCO COSA FA LA NUOVA FIGURA E IL SUO RAPPORTO CON I MEDICI

Definito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come un infermiere che svolge le sue funzioni assistenziali nel contesto delle famiglie e nei loro luoghi di vita, quella dell’infermiere di famiglia è una figura che «dovrebbe farsi carico – a detta della Silvestro – dei bisogni di salute e delle prestazioni che servono a tutti i componenti di una famiglia, cercando quindi di intervenire da un punto di vista assistenziale in un ambito di integrazione relazionale, affettivo ed emozionale come quello che c’è all’interno di una famiglia. Una figura quindi molto bella – prosegue – che riuscirebbe a fornire le risposte di cui le famiglie, soprattutto con persone con patologie croniche o degenerative, hanno bisogno».

Eppure l’infermiere di famiglia non è ancora riuscito a «superare una certa stasi nell’ordinamento giuridico e professionale – continua la dottoressa -. In Italia un’assistenza infermieristica sul territorio e domiciliare esiste, anche se purtroppo in molte Regioni del Sud è molto frammentata; ma le specializzazioni infermieristiche, che concretamente esistono, non sono formalmente riconosciute. Bisognerebbe quindi fare in modo che l’infermiere di famiglia sia presente in maniera omogenea e diffusa, anche perché – aggiunge – per come è impostato adesso il medico di famiglia è impossibile che riesca a farsi carico dei problemi dei suoi assistiti in maniera olistica, globale e completa».

Ma come rendere più omogenei il ruolo e la presenza dell’infermiere di famiglia in tutta Italia? Intervenendo sul percorso formativo di chi vuole intraprendere questa strada. «Oggi per diventare infermiere di famiglia– spiega Annalisa Silvestro – bisogna seguire un percorso formativo ad hoc che si impianta sulla formazione che l’infermiere acquisisce nei tre anni del corso di laurea. Noi auspichiamo che la laurea triennale diventi la base su cui gli infermieri possano poggiare specializzazioni e approfondimenti delle loro competenze rispetto ad alcuni ambiti di esercizio o a dei bisogni particolari delle persone. Tant’è che oggi molti definiscono il neolaureato in infermieristica un infermiere generalista, in grado quindi di posizionarsi nelle diverse situazioni assistenziali. Però, come i medici specialisti approfondiscono un aspetto, così dovrebbe essere anche per gli infermieri. E quindi – prosegue – l’infermiere di famiglia sarà in grado di rilevare i bisogni evidenti e potenziali, le necessità dei componenti della famiglia e di dar vita ad interventi collegati con quelli del medico di medicina generale; l’infermiere specializzato nelle situazioni d’emergenza e urgenza invece, per esempio, si occuperà di ciò che riguarda le acuzie, la criticità vitale, eccetera. E per fare questo dovrà acquisire ulteriori competenze».

Commenta, poi, il passaggio da Collegi a Ordini degli Infermieri introdotto dalla Legge Lorenzin, un passaggio motivato proprio dal percorso formativo della professione: «L’evoluzione è ineludibile, visto che anticamente si aggregavano in Ordini le professioni laureate e in Collegi le professioni diplomate. Poiché da oltre 20 anni gli infermieri si laureano, lo Stato è stato quasi costretto a modificarne l’organizzazione, riconoscendo – conclude – indubbiamente un prestigio superiore che gli infermieri hanno raggiunto».

LEGGI ANCHE: ANDREA CECCONI (EX M5S): «DA INFERMIERE A DEPUTATO, DICO CHE IL CONTRATTO NON VA BENE. IN PARLAMENTO PORTERÒ LE NOSTRE ISTANZE»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
“Estate Tranquilla”, parla il Comandante dei NAS Generale Lusi: «Molti casi di esercizio abusivo della professione infermieristica»
Presentato il report sui controlli estivi del Nucleo Anti Sofisticazioni dell’Arma dei Carabinieri. 3700 le ispezioni, 14 strutture socio-sanitarie chiuse. Grillo: «I nostri cittadini più fragili non possono vivere in strutture igienicamente carenti o in cui la manutenzione dei locali è scarsa o, peggio ancora, in cui le cure non sono erogate come previsto»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
FNOPI, arriva il codice di condotta ‘social’ per gli infermieri. Sanzioni per chi non lo rispetterà
Un documento firmato dai 102 presidenti degli Ordini provinciali regolerà l’uso dei social da parte dei 440mila infermieri in Italia. La FNOPI – Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche ha deciso di stilare un codice di condotta per i suoi iscritti. Guai quindi all’infermiere che qualificandosi tale agisce sui social e sul web, magari […]
Gli infermieri Nursing Up al ministro Grillo: «Se non ci sono fondi per sostenere Ccnl il Governo riapra contrattazioni»
«Anche il ministro Grillo riconosce ufficialmente quello che noi abbiamo sottolineato e continuiamo a sottolineare da lungo tempo, cioè che non ci sono i fondi per sostenere i contratti: allora ad un certo punto, se non ci sono le risorse, questi contratti nazionali di lavoro che contratti sono? Possono essere considerati tali? Non è meglio […]
Carenza infermieri, la proposta FNOPO: «Restituiamo a sole ostetriche la cura delle donne nelle aree materno-infantili»
La strategia della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica punta alla razionalizzazione delle risorse umane in sanità e all'utilizzo “appropriato” dei professionisti sanitari. «L'ostetrica può offrire da sola l’80% delle cure ostetriche, come certificato dalla stessa Organizzazione Mondiale della Sanità»
La carenza di infermieri Regione per Regione nel Ssn. FNOPI: «Correre ai ripari»
Anche l’Oms nel documento sull’Italia predisposto per la sua 68esima Assemblea generale in svolgimento in questi giorni a Roma sottolinea che percentualmente ci sono molti medici (rispetto al numero di abitanti), ma pochi infermieri (rispetto al numero di medici) Gli infermieri impiegati nel Ssn sono carenti in tutta Italia,  dove il rapporto con i medici […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...