Salute 26 Agosto 2020 09:00

In un anno 6 mila incidenti con dispositivi medici. Il 50% dei decessi collegati riguarda apparecchi per il cuore

Il Ministero della Salute ha pubblicato il primo Rapporto sulle attività di vigilanza sui dispositivi medici relativo all’anno 2018. Ecco cosa emerge

In un anno 6 mila incidenti con dispositivi medici. Il 50% dei decessi collegati riguarda apparecchi per il cuore

Nell’anno 2018, sono stati registrati 6.068 incidenti con i dispositivi medici. Di questi, 261 hanno avuto come conseguenza un decesso, un peggioramento dello stato di salute o un serio pericolo per la salute pubblica. Oltre il 50% dei decessi coinvolgono dispositivi per apparato cardiocircolatorio: il 31,7% degli incidenti che hanno avuto come conseguenza la morte riguardano protesi vascolari e cardiache e il 20,8 % dispositivi per funzionalità cardiaca.

Sono alcuni dei dati che emergono dal Rapporto sulle attività di vigilanza sui dispositivi medici pubblicato dal Ministero della Salute, che svolge questa mansione per garantire la circolazione di prodotti sicuri ed efficaci sul territorio nazionale per pazienti ed operatori sanitari. Oltre al monitoraggio costante degli apparecchi, il Ministero esamina gli incidenti segnalati per la tutela della salute pubblica.

IL RAPPORTO SUI DISPOSITIVI MEDICI

Il Report contiene l’analisi dei dati del 2018 sugli eventi avversi occorsi con i dispositivi medici comunicati dagli operatori sanitari e raccolti nella banca dati del sistema di vigilanza. L’obiettivo del report è condividere i risultati dell’attività di vigilanza, in maniera trasparente e con finalità informativa con fabbricanti, operatori sanitari, associazioni di pazienti, istituzioni locali e centrali per prevenire situazioni potenzialmente pericolose.

PROTESI MAMMARIE E DISPOSITIVI MEDICI DI INTERESSE CARDIOVASCOLARE

Nel rapporto sono riportati approfondimenti relativi a impianti protesici mammari e a dispositivi medici di interesse cardiovascolare (dispositivi per la funzionalità cardiaca e protesi vascolari e cardiache). Nel 2018, le segnalazioni di incidente per impianti protesici mammari sono state 649: la maggior parte di questi riguardano rottura della protesi e di contrattura capsulare. Dai dati raccolti e relativamente al periodo 2014-2018, si stima che la durata mediana di vita delle protesi mammarie è di circa 7 anni.

I dispositivi medici di interesse cardiovascolare sono pace-maker, defibrillatori, neurostimolatori e protesi vascolari e cardiache. Per l’anno 2018 sono stati comunicati 1568 incidenti con dispositivi per la funzionalità cardiaca: 23 hanno riportato il decesso del paziente, 19 hanno causato un grave peggioramento della salute. Per quanto riguarda le protesi vascolari e cardiache, gli eventi avversi sono stati 331, di cui 37 i hanno riportato il decesso del paziente e 3 incidenti hanno causato un grave peggioramento della salute.

LE SEGNALAZIONI PER REGIONI: SPICCA LA LOMBARDIA

Il report evidenzia una forte disomogeneità territoriale di segnalazione che fa ipotizzare fenomeni di under-reporting. Ad ogni modo, le regioni che segnalano maggiormente gli incidenti sono la Lombardia, l’Emilia-Romagna, il Veneto e la Toscana.

 

Articoli correlati
Covid-19, la speranza arriva dalle staminali cordonali. Il nuovo studio
La ricerca, pubblicata sulla rivista Stem Cells Translational Medicine, è stata coordinata dallo scienziato italiano Camillo Ricordi: «Le cellule staminali mesenchimali possono rappresentare un valido strumento contro la pandemia»
Accordo Ministero Salute-Cineca su intelligenza artificiale e Big Data
Zampa: «Il primo ambito nel quale si esplicita la collaborazione è la popolazione over 65 e 0-18 anni». Vannozzi (Cineca): «Una svolta nella gestione dei dati per la salute degli italiani»
LEA 2010-2018, Gimbe: «Il 25% delle spese per la sanità non ha prodotto servizi per i cittadini»
L’analisi Gimbe documenta una percentuale cumulativa degli adempimenti delle regioni ai LEA del 75% con una forbice molto ampia: in testa alla classifica 11 regioni tutte del centro-nord, ad eccezione della Basilicata
Sono un contatto stretto di un positivo, per quanto tempo devo stare in quarantena?
Sono un contatto stretto di un positivo, per quanto tempo devo stare in quarantena? Il Ministero della Salute lo specifica attraverso la circolare emanata lo scorso 12 ottobre
Sono positivo sintomatico, quando devo fare il tampone?
Sono positivo sintomatico, quando devo fare il tampone? Il Ministero della Salute lo specifica attraverso la circolare emanata lo scorso 12 ottobre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»