Salute 26 Giugno 2020

Chirurgia estetica, dalla SICPRE le quattro regole per una bellezza senza rischi

La campagna di sensibilizzazione della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva-rigenerativa ed Estetica per non pentirsi dopo

Immagine articolo

Una campagna di sensibilizzazione e informazione dedicata a medicina e chirurgica estetica. Quattro buone regole da seguire per insegnare ai pazienti sicurezza e rischi. E’ quella appena lanciata dalla Società italiana di chirurgia plastica ricostruttiva-rigenerativa ed estetica (Sicpre).

«Spesso i trattamenti di medicina estetica e gli interventi di chirurgia estetica non vengono affrontati con la giusta serietà. In modo molto semplice, con l’aiuto di quattro immagini, con questa iniziativa comunichiamo ai pazienti le ‘buone regole’ da seguire» commenta Francesco D’Andrea, presidente della Sicpre.

SI ALLO SPECIALISTA IN CHIRURGIA PLASTICA

Strano ma vero, in Italia è possibile sottoporsi a un intervento di oculistica, ortopedia, ginecologia e molte altre specialità rivolgendosi a un medico generico. Lo stesso si può fare, ad eccezione degli interventi che comprendono l’uso di protesi mammarie, con la chirurgia plastica. Ma perché scegliere uno Specialista? «Lo specialista in Chirurgia Plastica – dice Francesco D’Andrea, anche direttore della Scuola di Specializzazione in Chirurgia Plastica dell’Università Federico II di Napoli – è un medico che dopo la laurea si è formato per altri 5 anni frequentando la Scuola di Specializzazione e la sala operatoria, approfondendo le tecniche chirurgiche alla base dei migliori risultati e delle minori complicanze. E, nel caso in cui si verificassero, solo lo specialista le può gestire al meglio». Come si fa a sapere se il medico a cui ci si è rivolti è specialista in Chirurgia Plastica? Il modo migliore è chiederlo apertamente e consultare il curriculum. Se ha conseguito la specializzazione, questa appare sicuramente nel curriculum, con il nome della Scuola e l’anno.

NO AL DISCOUNT, VUOL DIRE RISPARMIARE SULLA SICUREZZA  

Gli interventi di chirurgia ricostruttiva possono avvenire a carico del Servizio Sanitario Nazionale. Non così per quelli di chirurgia estetica, in cui il paziente si può trovare a dover raffrontare dei prezzi e magari a cercare quello più conveniente. «Ma costi estremamente bassi devono insospettire – dice ancora D’Andrea -. Per essere eseguito in sicurezza, un trattamento o un intervento presuppongono il giusto setting, cioè a seconda dei casi lo studio, l’ambulatorio o la sala operatoria; la presenza di tutto il personale necessario, come un anestesista rianimatore quando viene somministrata l’anestesia; dispositivi a norma, dai filler alle protesi mammarie, in possesso di tutte le certificazioni. Attenzione, quindi, a chi propone trattamenti e interventi a prezzi ridottissimi. Un prezzo da discount nella stragrande maggioranza dei casi indica una scarsa sicurezza».

 SI ALLE VISITE ACCURATE, CHE DISSIPANO OGNI DUBBIO 

Come in tanti incontri della vita, l’importante è capirsi, sentire di potere aver fiducia, entrare in sintonia. E l’incontro con il chirurgo plastico non fa eccezione. «La visita è il momento in cui dissipare tutti i dubbi e chiedere tutto, senza timori – spiega il presidente SICPRE – . Attenzione anche a chi è particolarmente sbrigativo sulla convalescenza e sulle possibili complicanze, o che in qualche modo dimostra di voler convincere il paziente o mettergli fretta. Il bravo chirurgo plastico vuole solo pazienti consapevoli, sicuri e sereni. Soprattutto in estetica, la nostra missione interpretata in senso etico è quella di realizzare desideri in sintonia con il buonsenso e stabili nel tempo. Tornare indietro può essere molto difficile, se non impossibile».

NO AI SOTTERFUGI, NON C’E’ NIENTE DI CUI VERGOGNARSI

La chirurgia estetica è una possibilità. Chi desidera sfruttarla deve sentirsi libero di farlo alla luce del sole. «Non vuol dire sbandierare un ritocco – puntualizza D’Andrea -, ma neanche fare le cose di nascosto. È importante che le persone più vicine al paziente siano al corrente dei suoi desideri e delle sue scelte, per un giusto confronto e sostegno. Agire alla luce del sole, anche se magari con riservatezza, è sinonimo di un atteggiamento maturo e consapevole. Se ben eseguita la chirurgia plastica è sicura, ma è comunque un’altra cosa rispetto a un trattamento dal parrucchiere. Il paziente deve aver approfondito pro e contro, e possibili evoluzioni nel tempo».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, D’Andrea (SICPRE): «Vi racconto la mia battaglia (vinta) contro il virus e le falle del sistema sanitario campano»
«Ormai è chiaro: nessuno è immune. Il Covid-19 può colpire chiunque in qualsiasi momento. Pur rispettando tutti i protocolli di sicurezza, basta un solo attimo per essere contagiati»
Il 21 ottobre si celebra il Bra Day, D’Andrea (SICPRE): «Ogni anno 50mila nuovi casi di tumore al seno»
Il presidente della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva-rigenerativa ed Estetica: «Invito alle donne a rivolgersi ai centri specializzati breast unit»
«No ai saldi sulla pelle dei cittadini». La denuncia di SICPRE: «Falsi specialisti all’arrembaggio»
Francesco D’Andrea, Presidente della Società Italiana di Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica, lancia l’allarme: «Aumentano casi di abusivi della professione. No alle promozioni stile "3x2"»
Covid-19, D’Andrea (SICPRE): «Il Governo punti sul rispetto delle regole per la sicurezza»
Covid-19, sarà emergenza fino al 31 dicembre? La proposta è di questi giorni, come annunciato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ha parlato di una possibile proroga dello stato di emergenza dopo il 31 luglio come ulteriore misura di prevenzione per tenere sotto controllo il virus. Un pericolo che, infatti, non è terminato, come […]
Chirurgia estetica, i trend del 2020
D’Andrea (SICPRE): «Dopo lockdown, con estate incremento filler per ringiovanire»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare