Salute 8 Giugno 2020 08:40

Fase 3 e chirurgia estetica, Sicpre: «Boom interventi per ridurre segni mascherine sul viso»

«In particolare – spiega Francesco D’Andrea, presidente della Società italiana di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica – si cerca di far scomparire con tecniche mini invasive come botulino e filler o con interventi chirurgici quali blefaroplastica e minilifting le rughe che sono comparse intorno alla zona oculare, sulla fronte e sugli zigomi e rimodellare così i lineamenti del viso»

C’è voglia di ritornare in gran forma con la Fase 3: la “bellezza” come priorità per l’estate che si avvicina. Per riprendersi dai danni estetici provocati dal lockdown soprattutto al viso per la mascherina che ciascuno ha indossato in questi tre mesi, sono in tanti, sia uomini che donne, a fare ricorso alla chirurgia estetica per ridurre le rughe su fronte, viso e occhi e rimodellare i tratti del volto. Ma è soprattutto la richiesta di un seno perfetto da sfoggiare in spiaggia, con l’estate ormai alle porte, a tenere banco da parte delle donne.

«Con il ritorno graduale alla normalità – spiega Francesco D’Andrea, presidente della Società italiana di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica – sono aumentate le richieste di pazienti che vogliono rifarsi il seno per arrivare alla prova costume con un décolleté perfetto come quello delle star del mondo dello spettacolo. Richieste che arrivano da donne che vanno dalle giovanissime alle over 50 anni». E con l’avvio della Fase 3 le grandi star dei social restano il punto di riferimento di giovanissimi e meno giovani. «Tutti cercano di imitarle – prosegue D’Andrea – Ovviamente la serietà e la professionalità dello specialista sta nel sapere dire no laddove le aspettative vanno oltre quelle che sono le possibilità tecniche per ottenere ciò che viene richiesto».

LEGGI ANCHE: FASE 2, DA SICPRE VADEMECUM PER LA MEDICINA E CHIRURGIA ESTETICA: «VISITE E TRATTAMENTI PER PREVENIRE IL CONTAGIO»

Ma gli effetti della quarantena sono quelli che si vedono sul viso di tantissime persone che, per rispettare le restrizioni imposte dai vari decreti ministeriali, hanno dovuto indossare la mascherina ogni qualvolta uscivano di casa. «Gli interventi più richiesti vengono da chi, a seguito dell’uso delle mascherine, per la mancanza di ossigenazione e l’assunzione di espressioni anomale dello sguardo ha subito alterazioni della pelle e dei contorni del volto, in particolare si cerca di far scomparire con tecniche mini invasive come botulino e filler o con interventi chirurgici quali blefaroplastica e minilifting le rughe che sono comparse intorno alla zona oculare, sulla fronte e sugli zigomi e rimodellare così i lineamenti del viso. I nostri consigli – conclude il presidente SICPRE – sono di prendersi cura della pelle prima di esporsi al sole, soprattutto quella del viso, che è maggiormente esposta ai danni che possono essere provocati dai raggi ultravioletti».

Non c’è limite e non c’è misura infatti alla fantasia delle donne e molti chirurghi cercano di accontentare i desideri per una sana bellezza che non comprometta però il fisico. Ecco perché la SICPRE con il suo vademecum post Covid ha dato come principale consiglio a tutti coloro che ricorrono alla chirurgia estetica di rivolgersi esclusivamente a professionisti per evitare danni irreparabili. «La battaglia contro l’abusivismo della professione è uno dei nostri obiettivi prioritari – dice D’Andrea – purtroppo a causa della pandemia abbiamo dovuto rinviare al 2021 il nostro convegno che avrà questa tematica al centro del dibattito e si rivolgerà ai massimi esponenti del Governo per fare in modo che la legge diventi più chiara a tutela degli utenti e delle nostre professionalità».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Bra Day 2021, D’Andrea (SICPRE): «Ricostruzione del seno tappa fondamentale per guarigione»
Nella giornata del 20 ottobre si terranno visite gratuite in tutte le Breast Unit d’Italia rivolte alle donne con tumore alla mammella che devono sottoporsi all’intervento o che lo hanno già eseguito
Covid, trend in continuo miglioramento: 4 Regioni a rischio moderato
Rt a 0.83, variante delta predominante in Italia. Incidenza sotto i 50 casi su 100mila abitanti. Sicilia torna in zona bianca
Malattie cardiovascolari prima causa di morte in Italia. Il 63% dei medici cerca nuove forme di connessione con pazienti
Lo studio IQVIA-Sanofi, in collaborazione con la Fondazione Italiana per il Cuore, fotografa l'impatto del Covid nelle malattie cardiovascolari. In conseguenza alla riduzione delle visite, anche l’aderenza alle terapie è diminuita in modo significativo
BPER Banca eroga 100mila euro alle famiglie degli infermieri colpiti da Covid
La donazione alla FNOPI per sostenere la raccolta “Noi con gli infermieri”
Dal post Covid al PNRR. Aiop: «Nel Lazio si punta a sinergia pubblico-privato»
Dopo il Covid e con i finanziamenti inseriti nel PNRR, quale modello di sanità nascerà per i cittadini? Questo il tema dibattuto venerdì sera al Chiostro del Bramante durante la tavola rotonda “La nuova sanità dopo il PNRR” organizzato da AIOP Lazio nel corso della quale, moderati dal giornalista Gerardo D’Amico, si sono confrontati l’Assessore […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 241.152.349 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.906.104 i decessi. Ad oggi, oltre 6,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?