Salute 31 Agosto 2020

Covid-19, Science: «Gli USA potrebbero arrivare al vaccino prima delle elezioni». L’ipotesi che spaventa gli esperti

Secondo Science, l’approvazione del vaccino potrebbe diventare una mossa politica, in vista delle elezioni presidenziali statunitensi

Immagine articolo

Accelerare i tempi e rilasciare un vaccino per il nuovo coronavirus prima delle elezioni americane sarebbe una mossa vincente per Donald Trump. La dimostrazione di aver imboccato la strada giusta per rispondere alle critiche arrivate da più parti sulla sua gestione della pandemia che ha ucciso più di 180 mila americani.

TRUMP E LA MISSIONE VACCINO COVID-19

Ed è per questo che, come riporta la rivista scientifica Science, quando alla Convention repubblicana ha accettato la nomina per un altro mandato, ha promesso che la “missione vaccino Covid-19” avrebbe avuto successo «prima della fine dell’anno, o forse anche prima».

Ma tanti temono che per raggiungere l’ambizioso obiettivo l’amministrazione possa cadere in «approvazioni premature e pericolose», come l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA). «Un percorso utilizzato dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti per consentire un rapido accesso a diagnosi, trattamenti e vaccini» spiega Science.

La FDA era già stata criticata per aver permesso l’uso di emergenza del plasma convalescente e l’idrossiclorochina «sulla base di dati scarsi e apparente pressione politica» per poi vedersi costretta a revocare l’autorizzazione dell’idrossiclorochina per il trattamento contro Covid-19.

L’OPERAZIONE “WARP SPEED”

La paura di tanti è che la corsa al vaccino, insomma, possa essere una mossa politica, una questione economica e di potere, sopratutto dopo la registrazione del primo vaccino cinese e russo. La pensa così Paul Offit, un pediatra del Children’s Hospital di Philadelphia, membro di un gruppo che consiglia la FDA sui vaccini, secondo il quale il presidente potrebbe cercare un vaccino Covid-19 prima delle elezioni per poter dire: «We Warp Speeded our way to a vaccine».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fatica, dolore e sintomi dopo Covid-19: è malattia cronica?
Paola Pisanti (Ministero della Salute): «Molti rimangono affetti in maniera subacuta, serve un SSN attento alle cronicità»
di Tommaso Caldarelli
Covid-19, Vergallo (Aaroi): «Ora degenza in terapia intensiva più breve, ma pazienti gravi come a marzo»
Il Presidente del sindacato degli anestesisti rianimatori: «I fondi europei non siano persi in rivoli non produttivi. Come la medicina di famiglia»
L’India ha comprato 100 milioni di dosi del vaccino russo anti-Covid
L'annuncio da una società farmaceutica autoctona: l'India avrà il vaccino russo Sputnik V quando le sperimentazioni di Fase 3 saranno finite. Forse per fine anno le prime dosi
Parkinson e Covid-19: quali aspettative? Il simposio al Virtual Congress 2020
Al Virtual International Congress of Parkinson's Disease and Movement Disorders 2020 si è parlato della gestione dei sintomi del Parkinson nel corso della pandemia di COVID-19
Influenza, in aumento copertura vaccinale ma l’Italia è ancora lontana dagli obiettivi Oms
Nella campagna 2019-20 si è arrivati al 16,8%. Gli esperti raccomandano il vaccino per l'inverno, sopratutto a over 65 e persone a rischio. Preoccupa la co-circolazione con Sars-CoV-2
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 17 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

«La prima ondata? Non è mai finita. Ora però risparmiamoci un altro lockdown»

Intervista all'infettivologo Stefano Vella: «Doveva finire la fase del terrore, non della paura. La paura in questi casi ci salva la vita»