Salute 29 Gennaio 2020 12:41

Coronavirus, la corsa al vaccino è iniziata: in prima fila due società italiane

Takis ed Evvivax hanno annunciato l’inizio delle ricerche e degli studi per ottenere, il prima possibile, un vaccino efficace contro il virus proveniente dalla Cina: «Grazie alla nostra esperienza possiamo dare il nostro contributo a questa emergenza, ma servono investimenti e finanziamenti da grandi aziende»

Coronavirus, la corsa al vaccino è iniziata: in prima fila due società italiane

Takis ed Evvivax, due società di biotecnologia di Roma, hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro 2019-nCoV, il nuovo Coronavirus originario di Wuhan, in Cina: «Questa è un’emergenza mondiale alla quale i ricercatori di Takis possono e devono contribuire – dichiara Luigi Aurisicchio, CEO/CSO delle due società –. Metteremo immediatamente a disposizione le nostre competenze, acquisite nello sviluppo di vaccini contro il cancro e altre malattie infettive, per combattere la diffusione di questo coronavirus».

Negli anni Takis ed Evvivax hanno sviluppato vaccini basati su tecnologie genetiche in grado di indurre importanti risposte immunitarie: «In vari studi clinici condotti in Italia e negli Stati Uniti – spiega invece la dottoressa Antonella Conforti, Direttore di Evvivax –, i nostri vaccini veterinari hanno indotto una potente risposta immunitaria e hanno prolungato la sopravvivenza di cani con cancro che, come noi umani, lo sviluppano ad alta frequenza. Anche contro le zoonosi, cioè le malattie infettive che vengono trasmesse dagli animali all’uomo e viceversa, possiamo usare lo stesso tipo di approccio».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS CINA, SIMEDET: «ECCO QUELLO CHE C’È DA SAPERE»

«La biologia del coronavirus e la disponibilità della sequenza del genoma 2019-nCoV sono tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno per la progettazione del vaccino. Lo sviluppo dei metodi e la sperimentazione saranno fondamentali per arrivare alle sperimentazioni cliniche umane il più presto possibile», spiega Fabio Palombo, area vaccini immunologici e antitumorali e Direttore di NeoMatrix.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, LA SALUTE GLOBALE NELLE MANI DELLA SANITA’ CINESE. MA E’ IN GRADO DI AFFRONTARE L’EMERGENZA?

«Grazie all’esperienza dei nostri scienziati, Takis ed Evvivax sono tecnologicamente competitivi a livello internazionale e possono dare il loro contributo a questa emergenza sanitaria con le risorse interne attualmente disponibili. Tuttavia, la ricerca scientifica richiede investimenti importanti ed è essenziale ottenere finanziamenti e/o collaborazioni con grandi aziende il prima possibile, in modo da sviluppare il vaccino contro 2019-nCoV il più rapidamente possibile», conclude il CEO Aurisicchio.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid: «Fuga da laboratorio non è da escludere». Le dichiarazioni shock dello scienziato cinese
L'ipotesi che il virus Sars-Cov-2 sia fuoriuscito da un laboratorio non dovrebbe essere scartata. Questa è la dichiarazione scioccante che un importante scienziato ex componente del governo cinese ha rilasciato a BBC News
Covid: in Cina ondata variante XBB, attesi 65 milioni di casi a settimana a fine giugno
Anche se l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha dichiarato la fine della pandemia, non sono escluse ondate di contagi anche molto forti. Sarà così molto presto in Cina, dove si prevede che la nuova ondata di Covid-19 in corso raggiunga un picco da circa 65 milioni di casi a settimana a fine giugno. L'allarmante scenario è stato paventato da Zhong Nanshan, il principale esperto di malattie respiratorie del gigante asiatico
Nel Regno Unito è allerta morbillo. In Italia vaccinazioni in calo
Le autorità sanitarie del Regno Unito sono molto preoccupate per il numero dei casi di morbillo registrati nei primi mesi di quest'anno, a causa del calo della copertura vaccinale. Anche nel nostro paese le vaccinazioni sono in calo e si inizia a temere l'insorgenza di nuove epidemie
Influenza: un passo più vicino a un vaccino «universale»
E' sicuro ed è in grado di stimolare risposte immunitarie. Sono davvero promettenti i risultati della sperimentazione di fase I di un nuovo vaccino efficace contro diverse varianti del virus dell’influenza. Stando a quanto riportato dalla rivista Science Translational Medicine siamo un passo più vicini al tanto atteso vaccino «universale»
Long Covid, per chi è vaccinato non è peggio di un’influenza
C'è un nuovo buon motivo per vaccinarsi contro Covid-19. Tra coloro che si sono sottoposti alle iniezioni, infatti, le possibili sequele dell'infezione sarebbero quasi identiche a quelle di una comune influenza. O almeno è questo quanto emerso da uno studio condotto a Queensland (Australia), che ha vaccinato il 90 per cento della popolazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ferie non godute: c’è chi ha “regalato” all’Azienda sanitaria 450 giorni (e potrebbe ricevere 117mila euro di indennizzo)

A causa della carenza di personale sono tantissimi i medici che non riescono ad andare in ferie anche se ne fanno esplicita richiesta. Ma cosa dice la giurisprudenza e cosa può fare un professi...
Salute

Dichiarazione dei redditi: tutte le novità per detrarre le spese sanitarie nel 730

A Sanità Informazione Marco Petrillo (Presidente commissione fiscale UNEBA) spiega le regole del modello precompilato. Tra le novità meno documenti da conservare
Salute

Covid: in Cina ondata variante XBB, attesi 65 milioni di casi a settimana a fine giugno

Anche se l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha dichiarato la fine della pandemia, non sono escluse ondate di contagi anche molto forti. Sarà così molto presto in Cina, d...