Salute 30 Settembre 2019 12:00

Al concerto del cuore la coppia Max Pezzali-Arisa: «Check up e controlli regolari per stare tranquilli»

I due cantanti all’evento benefico della fondazione Gruppo San Donato per porre l’attenzione sull’importanza della ricerca sulle malattie cardiovascolari. Pezzali: «Non sono ipocondriaco, ma…». Arisa: «Ho cura della mia salute grazie ad Eros Ramazzotti»

di Federica Bosco

All’invito di Max Pezzali e di Arisa hanno risposto davvero in tanti ieri sera al teatro degli Arcimboldi di Milano per il concerto del cuore, un evento benefico della fondazione Gruppo San Donato per porre l’attenzione sull’importanza della ricerca in tema di malattie cardiovascolari. A salire sul palco, anche Bianca Atzei, Federica Carta, Paola Iezzi, Enrico Nigiotti, The Kolors e Virginio, guidati dalla simpatia di Katia Follesa e Angelo Pisani.

«Sostenendo questa ricerca si possono ottenere grandi risultati – ha commentato Max Pezzali durante le prove –. Viviamo in un’epoca in cui la tecnologia ci permette di fare progressi rapidi in pochissimo tempo. Quindi dobbiamo sostenerla».

«Non sono ipocondriaco – risponde il cantante ai nostri microfoni quando gli chiediamo del suo rapporto con la salute – ma faccio controlli regolari e sto attento per famigliarità ai punti deboli che devono essere controllati di più. Mi piace uscire dal laboratorio medico sapendo che tutto sta andando bene, è una bella sensazione perché credo che grazie alla prevenzione si possano evitare danni gravi nel tempo, anche semplicemente agendo con le tempistiche giuste».

Sul palco degli Arcimboldi Max Pezzali ha cantato insieme ad Arisa Come Mai, « un lento d’amore che ricorda chi ha vissuto il sentimento negli anni ’90 e rappresenta il cuore come sede di sentimenti e come grande pompa di sangue».

LEGGI ANCHE: CURARE CON LA MUSICA, SPERIMENTAZIONE DEI RICERCATORI DELL’ICS MAUGERI IN CAMPO ONCOLOGICO E DEL DOLORE RESISTENTE

«Io faccio in media un check up all’anno – aggiunge Arisa -. Mi controllo grazie ad Eros Ramazzotti, che mi ha instradato in questo percorso. Faccio un controllo capillare una volta ogni dodici mesi così che, quando sento qualche dolore, posso stare tranquilla. Ho 37 anni e mi controllo con la convinzione che occorre essere previdenti, volersi bene, avere cura di sé stessi e della propria salute».

In che modo? «In questo periodo, ad esempio – continua – sto prendendo la vitamina D e la vitamina C e poi faccio le inalazioni alle terme di Milano per liberare le vie respiratorie. Poi in realtà dovrei anche andare in palestra, ma non lo faccio; dovrei mangiare meglio, ma non riesco… nessuno è perfetto».

Ed è proprio degli 883 la canzone del cuore della cantante: «Il primo CD che ho ricevuto è stato quello con la canzone Grazie Mille, che canto sempre quando sono triste, perché è giusto non dimenticare ciò che la vita ci ha donato».

Articoli correlati
Leucemia, nei podcast “Diamo voce al futuro” di AIL e Janssen storie di pazienti per sostenere la ricerca
L’obiettivo è rendere le terapie con cellule Car-T sostenibili dal sistema sanitario nazionale e accessibili a tutti
di Federica Bosco
Amalia Bruni: «Burocrazia ottusa nemica della ricerca. Ma non cambierei la scelta di restare in Calabria»
I suoi studi sull’Alzheimer hanno dato un grande contributo per capire i meccanismi della malattia. Oggi la corsa per la presidenza della Regione appoggiata da Pd e M5S: «La sanità torni in mano ai calabresi, ripagheremo i debiti»
di Francesco Torre
Ipovisione e cecità, il “miracolo” della terapia genica
Falsini (oculista): «Sono attualmente eleggibili al trattamento i pazienti con difetto del gene RPE65. Ma, grazie ai progressi della scienza, la terapia genica sarà presto utilizzabile anche per le malattie ereditarie della retina causate da una mutazione diversa»
di Isabella Faggiano
Le emozioni possono aiutare la scienza. La storia di Sammy, il giovane alla ricerca di una cura per l’invecchiamento precoce
“Sammy-seq”, “base-editing” e farmaci che rallentano la progressione della patologia: ecco le tre scoperte che hanno rivoluzionato il trattamento della progeria, la patologia dell’invecchiamento precoce
di Isabella Faggiano
Ricerca, il tumore al seno oggi si combatte con nanosfere d’oro intelligenti
Un team di scienziate dell’Università di Pavia, guidato dalla professoressa Livia Visai, ha messo a punto una piattaforma di nanosfere d’oro in grado di colpire solo le cellule tumorali e ridurre in questo modo gli effetti collaterali delle cure chemioterapiche
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre, sono 230.090.110 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.719.197 i decessi. Ad oggi, oltre 5,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco