Salute 30 Settembre 2019 12:00

Al concerto del cuore la coppia Max Pezzali-Arisa: «Check up e controlli regolari per stare tranquilli»

I due cantanti all’evento benefico della fondazione Gruppo San Donato per porre l’attenzione sull’importanza della ricerca sulle malattie cardiovascolari. Pezzali: «Non sono ipocondriaco, ma…». Arisa: «Ho cura della mia salute grazie ad Eros Ramazzotti»

di Federica Bosco

All’invito di Max Pezzali e di Arisa hanno risposto davvero in tanti ieri sera al teatro degli Arcimboldi di Milano per il concerto del cuore, un evento benefico della fondazione Gruppo San Donato per porre l’attenzione sull’importanza della ricerca in tema di malattie cardiovascolari. A salire sul palco, anche Bianca Atzei, Federica Carta, Paola Iezzi, Enrico Nigiotti, The Kolors e Virginio, guidati dalla simpatia di Katia Follesa e Angelo Pisani.

«Sostenendo questa ricerca si possono ottenere grandi risultati – ha commentato Max Pezzali durante le prove –. Viviamo in un’epoca in cui la tecnologia ci permette di fare progressi rapidi in pochissimo tempo. Quindi dobbiamo sostenerla».

«Non sono ipocondriaco – risponde il cantante ai nostri microfoni quando gli chiediamo del suo rapporto con la salute – ma faccio controlli regolari e sto attento per famigliarità ai punti deboli che devono essere controllati di più. Mi piace uscire dal laboratorio medico sapendo che tutto sta andando bene, è una bella sensazione perché credo che grazie alla prevenzione si possano evitare danni gravi nel tempo, anche semplicemente agendo con le tempistiche giuste».

Sul palco degli Arcimboldi Max Pezzali ha cantato insieme ad Arisa Come Mai, « un lento d’amore che ricorda chi ha vissuto il sentimento negli anni ’90 e rappresenta il cuore come sede di sentimenti e come grande pompa di sangue».

LEGGI ANCHE: CURARE CON LA MUSICA, SPERIMENTAZIONE DEI RICERCATORI DELL’ICS MAUGERI IN CAMPO ONCOLOGICO E DEL DOLORE RESISTENTE

«Io faccio in media un check up all’anno – aggiunge Arisa -. Mi controllo grazie ad Eros Ramazzotti, che mi ha instradato in questo percorso. Faccio un controllo capillare una volta ogni dodici mesi così che, quando sento qualche dolore, posso stare tranquilla. Ho 37 anni e mi controllo con la convinzione che occorre essere previdenti, volersi bene, avere cura di sé stessi e della propria salute».

In che modo? «In questo periodo, ad esempio – continua – sto prendendo la vitamina D e la vitamina C e poi faccio le inalazioni alle terme di Milano per liberare le vie respiratorie. Poi in realtà dovrei anche andare in palestra, ma non lo faccio; dovrei mangiare meglio, ma non riesco… nessuno è perfetto».

Ed è proprio degli 883 la canzone del cuore della cantante: «Il primo CD che ho ricevuto è stato quello con la canzone Grazie Mille, che canto sempre quando sono triste, perché è giusto non dimenticare ciò che la vita ci ha donato».

Articoli correlati
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
Una persona su 8 è ipertesa e non lo sa, nel 15% picchi di pressione di notte
Uno studio dell'Università di Oxford ha rilevato che in alcune persone la pressione sanguigna aumenta pericolosamente di notte ed è per questo che non si arriva correttamente a una diagnosi di ipertensione
Il cerotto intelligente: lo applichi sulla pelle e ti “dice” come stai
I ricercatori dell’Università di Chicago: «Il nostro dispositivo è dotato di un chip che, imitando il cervello umano, è in grado di raccogliere dati da più biosensori e trarre conclusioni sulla salute di una persona». In futuro potrebbe essere utilizzato anche per inviare avvisi a pazienti e medici in caso di necessità
Giffoni Innovation Hub, grande accoglienza per “Hai mai visto un unicorno?”, il cortometraggio che parla di vita e di SMA
Ragazzi dai 18 ai 30 anni hanno partecipato alla presentazione del film realizzato da Famiglie SMA, OMaR e GoGo Frames ponendo numerose domande per giungere a una riflessione: necessario parlare, raccontarsi ed essere ascoltati, soprattutto quando c’è di mezzo una disabilità
La ricerca non può avere confini amministrativi, intervenga l’Autorità Garante
di Luigi Cajazzo, Direttore Generale Fondazione Ricerca Biomedica Lombardia
di Luigi Cajazzo, Direttore Generale Fondazione Ricerca Biomedica Lombardia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 febbraio 2023, sono 671.739.364 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.844.833 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...