Salute 30 Settembre 2019

Al concerto del cuore la coppia Max Pezzali-Arisa: «Check up e controlli regolari per stare tranquilli»

I due cantanti all’evento benefico della fondazione Gruppo San Donato per porre l’attenzione sull’importanza della ricerca sulle malattie cardiovascolari. Pezzali: «Non sono ipocondriaco, ma…». Arisa: «Ho cura della mia salute grazie ad Eros Ramazzotti»

di Federica Bosco

All’invito di Max Pezzali e di Arisa hanno risposto davvero in tanti ieri sera al teatro degli Arcimboldi di Milano per il concerto del cuore, un evento benefico della fondazione Gruppo San Donato per porre l’attenzione sull’importanza della ricerca in tema di malattie cardiovascolari. A salire sul palco, anche Bianca Atzei, Federica Carta, Paola Iezzi, Enrico Nigiotti, The Kolors e Virginio, guidati dalla simpatia di Katia Follesa e Angelo Pisani.

«Sostenendo questa ricerca si possono ottenere grandi risultati – ha commentato Max Pezzali durante le prove –. Viviamo in un’epoca in cui la tecnologia ci permette di fare progressi rapidi in pochissimo tempo. Quindi dobbiamo sostenerla».

«Non sono ipocondriaco – risponde il cantante ai nostri microfoni quando gli chiediamo del suo rapporto con la salute – ma faccio controlli regolari e sto attento per famigliarità ai punti deboli che devono essere controllati di più. Mi piace uscire dal laboratorio medico sapendo che tutto sta andando bene, è una bella sensazione perché credo che grazie alla prevenzione si possano evitare danni gravi nel tempo, anche semplicemente agendo con le tempistiche giuste».

Sul palco degli Arcimboldi Max Pezzali ha cantato insieme ad Arisa Come Mai, « un lento d’amore che ricorda chi ha vissuto il sentimento negli anni ’90 e rappresenta il cuore come sede di sentimenti e come grande pompa di sangue».

LEGGI ANCHE: CURARE CON LA MUSICA, SPERIMENTAZIONE DEI RICERCATORI DELL’ICS MAUGERI IN CAMPO ONCOLOGICO E DEL DOLORE RESISTENTE

«Io faccio in media un check up all’anno – aggiunge Arisa -. Mi controllo grazie ad Eros Ramazzotti, che mi ha instradato in questo percorso. Faccio un controllo capillare una volta ogni dodici mesi così che, quando sento qualche dolore, posso stare tranquilla. Ho 37 anni e mi controllo con la convinzione che occorre essere previdenti, volersi bene, avere cura di sé stessi e della propria salute».

In che modo? «In questo periodo, ad esempio – continua – sto prendendo la vitamina D e la vitamina C e poi faccio le inalazioni alle terme di Milano per liberare le vie respiratorie. Poi in realtà dovrei anche andare in palestra, ma non lo faccio; dovrei mangiare meglio, ma non riesco… nessuno è perfetto».

Ed è proprio degli 883 la canzone del cuore della cantante: «Il primo CD che ho ricevuto è stato quello con la canzone Grazie Mille, che canto sempre quando sono triste, perché è giusto non dimenticare ciò che la vita ci ha donato».

Articoli correlati
Una piattaforma per rivoluzionare la Medicina: nasce la Rete che analizza i dati raccolti da tutti gli IRCCS d’Italia
Il progetto, finanziato dal MEF per 55 milioni di euro, al via alla fine del 2019. La possibilità di avvalersi di modelli in grado di comprendere, elaborare e simulare con precisione ogni singola persona o paziente permetterà di aumentare l’efficacia delle terapie e di prevenire le malattie, riducendo i costi sanitari e aumentando la qualità di vita della popolazione
Healthcare e tecnologia, Leogrande (Presidente AIIC): «Rendere disponibile l’innovazione in sanità»
«Le novità ci sono, il mercato e l’industria spingono in questa direzione e le soluzioni non mancano. Manca, ancora, un collegamento più diretto e concreto con le modalità con cui questa innovazione deve essere resa disponibile» così il Presidente AIIC Lorenzo Leogrande
di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
Ricerca, il bando delle Fondazioni bancarie per attrarre in Italia giovani talenti
Sono oltre 25mila i laureati italiani che ogni anno lasciano l’Italia per trovare lavoro all’estero. E il nostro Paese va anche malissimo sul fronte dell’attrattività dei talenti: nell’indice Ocse siamo al 32° posto su 36. I cervelli fuggono, i talenti non arrivano. Per concorrere a contrastare quest’ultimo fenomeno e promuovere la ricerca scientifica e le […]
Malattie rare, Binetti: «Sanità a un punto di svolta. Chiediamo stanziamenti concreti, significativi ed efficaci»
La presentazione del libro bianco sulla malattia polmonare NTM è nata dall’iniziativa dell’intergruppo parlamentare malattie rare. «È importante per tre motivi: contribuisce alla conoscenza approfondita della patologia, aiuta a prendere decisioni sull’assistenza terapeutica e sui trattamenti personalizzati e offre spunti per l’attività di ricerca» ha spiegato a Sanità Informazione la presidente Paola Binetti
Congresso AIPO, Poletti: «Prevenzione e cure personalizzate per combattere le malattie polmonari»
Per il Presidente dell’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri, Venerino Poletti, è fondamentale focalizzare i progressi della medicina e le nuove frontiere introdotte dalla globalizzazione
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo