Salute 30 Settembre 2019

Al concerto del cuore la coppia Max Pezzali-Arisa: «Check up e controlli regolari per stare tranquilli»

I due cantanti all’evento benefico della fondazione Gruppo San Donato per porre l’attenzione sull’importanza della ricerca sulle malattie cardiovascolari. Pezzali: «Non sono ipocondriaco, ma…». Arisa: «Ho cura della mia salute grazie ad Eros Ramazzotti»

di Federica Bosco

All’invito di Max Pezzali e di Arisa hanno risposto davvero in tanti ieri sera al teatro degli Arcimboldi di Milano per il concerto del cuore, un evento benefico della fondazione Gruppo San Donato per porre l’attenzione sull’importanza della ricerca in tema di malattie cardiovascolari. A salire sul palco, anche Bianca Atzei, Federica Carta, Paola Iezzi, Enrico Nigiotti, The Kolors e Virginio, guidati dalla simpatia di Katia Follesa e Angelo Pisani.

«Sostenendo questa ricerca si possono ottenere grandi risultati – ha commentato Max Pezzali durante le prove –. Viviamo in un’epoca in cui la tecnologia ci permette di fare progressi rapidi in pochissimo tempo. Quindi dobbiamo sostenerla».

«Non sono ipocondriaco – risponde il cantante ai nostri microfoni quando gli chiediamo del suo rapporto con la salute – ma faccio controlli regolari e sto attento per famigliarità ai punti deboli che devono essere controllati di più. Mi piace uscire dal laboratorio medico sapendo che tutto sta andando bene, è una bella sensazione perché credo che grazie alla prevenzione si possano evitare danni gravi nel tempo, anche semplicemente agendo con le tempistiche giuste».

Sul palco degli Arcimboldi Max Pezzali ha cantato insieme ad Arisa Come Mai, « un lento d’amore che ricorda chi ha vissuto il sentimento negli anni ’90 e rappresenta il cuore come sede di sentimenti e come grande pompa di sangue».

LEGGI ANCHE: CURARE CON LA MUSICA, SPERIMENTAZIONE DEI RICERCATORI DELL’ICS MAUGERI IN CAMPO ONCOLOGICO E DEL DOLORE RESISTENTE

«Io faccio in media un check up all’anno – aggiunge Arisa -. Mi controllo grazie ad Eros Ramazzotti, che mi ha instradato in questo percorso. Faccio un controllo capillare una volta ogni dodici mesi così che, quando sento qualche dolore, posso stare tranquilla. Ho 37 anni e mi controllo con la convinzione che occorre essere previdenti, volersi bene, avere cura di sé stessi e della propria salute».

In che modo? «In questo periodo, ad esempio – continua – sto prendendo la vitamina D e la vitamina C e poi faccio le inalazioni alle terme di Milano per liberare le vie respiratorie. Poi in realtà dovrei anche andare in palestra, ma non lo faccio; dovrei mangiare meglio, ma non riesco… nessuno è perfetto».

Ed è proprio degli 883 la canzone del cuore della cantante: «Il primo CD che ho ricevuto è stato quello con la canzone Grazie Mille, che canto sempre quando sono triste, perché è giusto non dimenticare ciò che la vita ci ha donato».

Articoli correlati
L’Oms sospende il trial sull’idrossiclorochina contro il Covid-19 per ragioni di sicurezza
Ad annunciarlo in conferenza stampa il direttore generale Ghebreyesus: «L'esecutivo del Solidarity Trial ha concordato di rivalutare un'analisi completa di tutte le prove disponibili a livello globale sul farmaco»
di Gloria Frezza
Farmaci e vaccini coronavirus, se la ricerca va più veloce delle autorizzazioni
Centri di ricerca e di analisi lavorano a pieno regime, spiega il New England Journal of Medicine: le autorizzazioni per analogia farmaceutica sono cruciali
di Tommaso Caldarelli
Studio su Science: «Macachi guariti dal Covid-19 non si riammalano»
Per il prof. Dan H. Barouch, direttore del centro di virologia dell'Beth Israel Deaconess Medical Center, è un buon segno: «Nostre ricerche consolidano ottimismo»
Covid-19, scoperto un nuovo meccanismo coinvolto nell’aggravamento della malattia
Una ricerca italiana condotta dall’Irccs Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico e dall’Irccs Istituto Auxologico Italiano, entrambi di Milano, apre nuove strade nella terapia dell’infezione da Coronavirus
Lotta ai tumori: scoperto meccanismo molecolare con cui ingannano le cellule “natural killer”
I ricercatori del Bambino Gesù, insieme all’Università di Genova e con il sostegno di AIRC, hanno svelato come si attiva il check-point inibitore PD-1 sulle cellule NK. Lo studio pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 27 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...