Voci della Sanità 27 Settembre 2019

Curare con la musica, sperimentazione dei ricercatori dell’ICS Maugeri in campo oncologico e del dolore resistente

Conferenza stampa alla Camera con la capogruppo in Commissione Affari Sociali M5S Fabiola Bologna e Alfredo Raglio, Coordinatore scientifico e didattico del Master in Musicoterapia dell’Università di Pavia. La deputata Cinque Stelle: «Impegno politico volto a definire linee guida nei vari ambiti clinici perché si arrivi ad una applicazione rigorosa e documentata»

«Puntiamo a porre in evidenza le basi scientifiche della musicoterapia e degli interventi con la musica in ambito clinico per le persone con disabilità. Credo che sia particolarmente importante che una discussione di questo tipo avvenga nel cuore delle Istituzioni: dimostra infatti che c’è grande attenzione ai soggetti più vulnerabili come le persone con disabilità, ma anche al tema dell’innovazione in ambito sanitario e della ricerca scientifica. Conoscenza e sensibilizzazione, anche in questo ambito, sono alla base di ogni intervento normativo che si voglia realizzare». Con queste parole la deputata e neurologa Fabiola Bologna, capogruppo Movimento 5 Stelle della XII Commissione Affari Sociali, ha introdotto la conferenza stampa dal titolo “Curare con la musica: premesse scientifiche e ambiti applicativi e di ricerca della musicoterapia” che si è svolta nella Sala Stampa della Camera dei Deputati.

Il prof. Alfredo Raglio (Phd Istituti Clinici Scientifici Maugeri – Pavia – e Coordinatore scientifico e didattico del Master in Musicoterapia presso l’Università di Pavia) è stato invitato a relazionare sulla materia che ha conosciuto notevole impulso di ricerca negli ultimi venti anni.

Lo studioso e ricercatore ha da subito sottolineato la valenza relazionale del rapporto terapeuta-paziente: un approccio basato sull’emozione che solo dopo è stato tradotto in sforzo riabilitativo perché, «come Oliver Sacks ricorda nel suo testo ‘Musicofilia’, la musica fa parte della nostra capacità innata di esprimerci, indipendentemente dalla nostra cultura musicale. Per questo motivo può essere accostato al concetto di biofilia».

I risultati dei numerosi studi richiamati dimostra come le sedute di musicoterapia abbiano effetti concreti riflettendosi in una netta diminuzione di episodi di ansia e deliri, oltre che sui parametri vitali e sulla stimolazione neurochimica dei pazienti. La musica può quindi essere lo strumento per rivolgersi a problematiche di natura psico-comportamentale e cognitiva. Da queste premesse si è sviluppata la Neurologic Music Therapy, una tecnica utilizzata per contrastare le disfunzioni neurologiche del sistema nervoso dal punto di vista cognitivo, sensoriale e motorio.

Dopo alcune ricerche condotte sullo stato di coscienza (minima e stato vegetativo), sulla riabilitazione della mano con strumenti di realtà virtuale e musicoterapie su pazienti con esito di stroke, dopo la creazione di musica algoritmica, attualmente i ricercatori dell’ICS Maugeri stanno sperimentando la musica algoritmica anche nel contesto oncologico (pazienti con tumore al seno che sono sottoposte per la prima volta alla radioterapia) e nell’ambito del dolore resistente (in particolare nei pazienti con fibromialgia).

A fronte di questi dati, la speranza e l’impegno politico – come evidenziato in chiusura dall’On. Bologna e dal Prof. Raglio – non possono che essere rivolti alla promozione della musicoterapia come pratica terapeutica-riabilitativa a tutti gli effetti, definendo delle linee guida nei vari ambiti clinici perché si arrivi ad una applicazione rigorosa e documentata che supporti la ricerca scientifica.

Articoli correlati
Specializzazioni mediche, Tuzi (M5S): «Più trasparenza sulla nomina della Commissione per esperti»
Il deputato Manuel Tuzi (M5S) ha presentato una interrogazione al Ministero dell’Università e della Ricerca allo scopo di conoscere le ragioni per cui «si è preferito istituire una Commissione di esperti piuttosto che procedere alla nomina dei nuovi membri dell’Osservatorio nazionale»
Camera, 40 milioni di restituzioni dal bilancio al personale sanitario in prima linea contro il Covid
A stabilirlo un ordine del giorno al Decreto Rilancio a prima firma del deputato questore M5S Francesco D'Uva, con l’adesione dei membri dell'Ufficio di Presidenza di Montecitorio. L’altra metà delle restituzioni alle popolazioni terremotate del Centro Italia
Dl Rilancio, Bologna (Misto): «Avviato percorso per uscire da crisi con SSN più efficiente»
«È stato approvato anche un mio ordine del giorno con cui si impegna il governo a valutare l’opportunità di formulare linee di indirizzo sui requisiti strutturali, sul sistema di finanziamento e sull’offerta di servizi delle Rsa» sottolinea Fabiola Bologna del Gruppo Misto
Sanità, Lorefice (Comm. Affari Sociali): «Agli operatori sanitari 40 milioni di euro di restituzioni dal bilancio della Camera»
«Parliamo della metà delle restituzioni totali dal bilancio di quest’anno, il resto delle quali andranno alle popolazioni terremotate del Centro Italia» sottolinea la Presidente della Commissione Affari Sociali
«Rivedere convenzione MMG e far scegliere ai medici tra libera professione e dipendenza da SSN»
La proposta di Rosa Menga (M5S), che interviene anche sulla questione degli indennizzi Covid per i medici di Medicina Generale: «Bisogna intervenire sulle compagnie assicurative»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 16 luglio, sono 13.565.020 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 584.385 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 15 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»