Salute 24 Agosto 2018

Antibiotici contro la tosse? Meglio di no. È più efficace il miele (anche per combattere l’antibiotico-resistenza)

Secondo le nuove linee guida inglesi sulla prescrizione di antibiotici, la maggior parte delle tossi è causata da virus contro i quali gli antibiotici non servono. Prima di andare dal medico di famiglia, è meglio provare i rimedi della nonna e farmaci da banco a base di pelargonium, guaifenesina o destrometorfano

Immagine articolo

Medici di famiglia, non prescrivete gli antibiotici a chi ha la tosse. Nella maggior parte dei casi non aiutano a combatterne i sintomi, ma rischiano di rendere ancora più complessa la lotta contro l’antibiotico-resistenza. Considerando che la maggioranza delle tossi è causata da virus (raffreddori, influenze o bronchiti) e che dopo circa tre settimane scompare da sola, si consiglia ai pazienti di assumere miele e farmaci da banco a base di pelargonium, guaifenesina o destrometorfano.

Insomma, le nostre nonne avevano ragione: una bella tazza di latte caldo con il miele, magari con un po’ di limone e zenzero, è il miglior rimedio contro la tosse. Poi, se la tosse peggiora o si avvertono malessere diffuso o difficoltà a respirare, sarà meglio farsi visitare dal proprio medico di famiglia. Ma solo in un secondo momento.

Avvertimenti e consigli arrivano dal Regno Unito, dove il National Institute for Health and Care Excellence ed il Public Health England (PHE) hanno proposto nuove linee guida sulla prescrizione di antibiotici. È infatti venuto alla luce che il 48% dei medici di base inglesi prescrivano antibiotici contro la tosse o la bronchite. Tuttavia, avvertono gli esperti della Regina, gli antibiotici sono necessari solo nel caso in cui il paziente soffra di patologie importanti o sia a rischio di ulteriori complicanze, come chi è affetto da malattie polmonari o gli immunosoppressi. Inoltre, è meglio non dare il miele ai bambini al di sotto di un anno, poiché può contenere dei batteri che possono causare botulismo.

L’obiettivo dichiarato delle nuove linee guida è quello di evitare il consumo di antibiotici quando non necessario per combattere l’antibiotico-resistenza: «Si tratta di un problema enorme – dichiara Susan Hopkins, vicedirettore del PHE – ed è necessario agire per ridurre il consumo di antibiotici. Assumerli quando non servono porta il rischio di sviluppare infezioni ancora più difficili da combattere». I batteri, insomma, imparano a resistere ai farmaci.

Un allarme particolarmente preoccupante in Italia, che risulta il Paese europeo con i livelli più alti di antibiotico-resistenza ed il terzo per consumo di antibiotici. L’antibiotico-resistenza provoca ogni anno in Europa 4 milioni di infezioni da germi e 37mila morti. Negli ospedali italiani, le infezioni da germi antibiotico-resistenti colpiscono 300mila pazienti e causano tra i 4500 e i 7mila decessi. Ma secondo l’OMS nel 2050, se non si interviene per tempo, le morti provocate da germi multi-resistenti potrebbero arrivare a 10 milioni. Più che per i tumori.

LEGGI ANCHE: ANTIBIOTICO-RESISTENZA, IL MINISTRO: «COMBATTERLA COINVOLGENDO LE ASSOCIAZIONI E I PAZIENTI»

Articoli correlati
Pierpaolo Sileri (M5S): «Allarme infezioni ospedaliere, ecco le proposte per prevenirle e combatterle»
«L’utilizzo adeguato degli antibiotici è il primo passo, la corretta informazione su come e quando assumerli il secondo, il terzo è investire sempre di più nella gestione degli ospedali». La strategia del presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato per contrastare una grave minaccia per la salute globale
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Infezioni ospedaliere, Bartoletti (Fimmg): «Riorganizzare e potenziare assistenza sanitaria sul territorio»
Il vicesegretario nazionale della Fimmg denuncia le condizioni strutturali degli ospedali italiani e auspica nuovi modelli organizzativi dell’assistenza per prevenire le infezioni: «Se nei Pronto soccorso ci sono anziani che rimangono lì per giorni, la contaminazione batterica diventa certezza»
Antibiotico-resistenza, una corretta igiene delle mani può ridurre del 30% le infezioni ospedaliere
L’igiene delle mani rappresenta la più semplice ed efficace procedura per la prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza (ICA) e per il controllo dell’antibiotico-resistenza (AMR). Lo ricorda il Ministero della Salute che ha recentemente organizzato il convegno «L’igiene delle mani: strumento per la prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza e dell’antimicrobico-resistenza», in collaborazione con l’Istituto Superiore di […]
Medici veterinari, la svolta della REV nella lotta alle antibiotico-resistenze
All’indomani della presentazione del rapporto Censis che ha evidenziato luci e ombre di una professione in cerca della propria identità, l’entrata in vigore della Ricetta Veterinaria Elettronica rende l’Italia «un modello virtuoso in Europa». L’intervista ad Antonio Limone, tesoriere FNOVI
Antibiotico-resistenza, Colletti (M5S): «Serve commissione d’inchiesta». E chiede una sanità più «centralizzata»
Il presidente del Collegio di Appello alla Camera: «Ho proposto una commissione d’inchiesta per valutare le best practice dei Sistemi Sanitari Nazionale e Regionale, con particolare attenzione all’antibiotico-resistenza, uno dei principali problemi attuali e futuri della Sanità italiana»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...