Salute 24 Agosto 2018 13:18

Antibiotici contro la tosse? Meglio di no. È più efficace il miele (anche per combattere l’antibiotico-resistenza)

Secondo le nuove linee guida inglesi sulla prescrizione di antibiotici, la maggior parte delle tossi è causata da virus contro i quali gli antibiotici non servono. Prima di andare dal medico di famiglia, è meglio provare i rimedi della nonna e farmaci da banco a base di pelargonium, guaifenesina o destrometorfano

Antibiotici contro la tosse? Meglio di no. È più efficace il miele (anche per combattere l’antibiotico-resistenza)

Medici di famiglia, non prescrivete gli antibiotici a chi ha la tosse. Nella maggior parte dei casi non aiutano a combatterne i sintomi, ma rischiano di rendere ancora più complessa la lotta contro l’antibiotico-resistenza. Considerando che la maggioranza delle tossi è causata da virus (raffreddori, influenze o bronchiti) e che dopo circa tre settimane scompare da sola, si consiglia ai pazienti di assumere miele e farmaci da banco a base di pelargonium, guaifenesina o destrometorfano.

Insomma, le nostre nonne avevano ragione: una bella tazza di latte caldo con il miele, magari con un po’ di limone e zenzero, è il miglior rimedio contro la tosse. Poi, se la tosse peggiora o si avvertono malessere diffuso o difficoltà a respirare, sarà meglio farsi visitare dal proprio medico di famiglia. Ma solo in un secondo momento.

Avvertimenti e consigli arrivano dal Regno Unito, dove il National Institute for Health and Care Excellence ed il Public Health England (PHE) hanno proposto nuove linee guida sulla prescrizione di antibiotici. È infatti venuto alla luce che il 48% dei medici di base inglesi prescrivano antibiotici contro la tosse o la bronchite. Tuttavia, avvertono gli esperti della Regina, gli antibiotici sono necessari solo nel caso in cui il paziente soffra di patologie importanti o sia a rischio di ulteriori complicanze, come chi è affetto da malattie polmonari o gli immunosoppressi. Inoltre, è meglio non dare il miele ai bambini al di sotto di un anno, poiché può contenere dei batteri che possono causare botulismo.

L’obiettivo dichiarato delle nuove linee guida è quello di evitare il consumo di antibiotici quando non necessario per combattere l’antibiotico-resistenza: «Si tratta di un problema enorme – dichiara Susan Hopkins, vicedirettore del PHE – ed è necessario agire per ridurre il consumo di antibiotici. Assumerli quando non servono porta il rischio di sviluppare infezioni ancora più difficili da combattere». I batteri, insomma, imparano a resistere ai farmaci.

Un allarme particolarmente preoccupante in Italia, che risulta il Paese europeo con i livelli più alti di antibiotico-resistenza ed il terzo per consumo di antibiotici. L’antibiotico-resistenza provoca ogni anno in Europa 4 milioni di infezioni da germi e 37mila morti. Negli ospedali italiani, le infezioni da germi antibiotico-resistenti colpiscono 300mila pazienti e causano tra i 4500 e i 7mila decessi. Ma secondo l’OMS nel 2050, se non si interviene per tempo, le morti provocate da germi multi-resistenti potrebbero arrivare a 10 milioni. Più che per i tumori.

LEGGI ANCHE: ANTIBIOTICO-RESISTENZA, IL MINISTRO: «COMBATTERLA COINVOLGENDO LE ASSOCIAZIONI E I PAZIENTI»

Articoli correlati
Report Osmed 2019, Italia nella fascia peggiore per antibiotico resistenza
Acquisti aumentati a marzo con l'avvento della pandemia. L'uso inappropriato degli antibiotici con virus e influenze è ancora alto, specie al Sud. Il fantasma dell'antibiotico resistenza si fa più reale. Magrini: «Occorrono riduzioni del 50% negli utilizzi»
HappyAgeing: «Contro i virus non servono antibiotici. Puntare su vaccinazioni contro influenza e pneumococco per over 65»
Michele Conversano, presidente CTS HappyAgeing: «Un uso eccessivo ed errato degli antibiotici aumenta il rischio di sviluppare antibioticoresistenza: è un fenomeno che rende più deboli e porta a lunghi ricoveri, da evitare #Oggipiùchemai»
Studio del Bambino Gesù, così viaggia il virus dopo un colpo di tosse
Con una simulazione 3D gli scienziati del Bambino Gesù hanno riproposto la trasmissione del virus in una stanza chiusa dopo un colpo di tosse
«Che fine hanno fatto le altre malattie?»
di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Antibiotico-resistenza, l’igiene personale e domestica può fare la differenza
Lo studio del Global Hygiene Council: «Migliorando le pratiche igieniche si riducono infezioni e costi per la sanità pubblica. E si combatte la resistenza agli antibiotici»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...