Salute 7 Marzo 2017 11:25

Antibiotico-resistenza, Ministro Lorenzin: «Combatterla coinvolgendo le associazioni e i pazienti»

Dopo che l’OMS ha reso note le 12 famiglie di batteri immuni agli antibiotici il Ministero della Salute lancia il monito: «Fronteggiare l’emergenza con un Piano nazionale che sarà pronto in primavera»

Una lista di 12 famiglie di batteri pericolosi resistenti agli antibiotici. Ecco l’elenco stilato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che sostiene l’urgente necessità di combattere questi patogeni prioritari, incentivando la ricerca e lo sviluppo di nuovi farmaci efficaci. L’antibiotico-resistenza è una grande minaccia per la salute pubblica mondiale e proprio in quest’ottica, il Ministero della Salute annuncia un nuovo Piano Nazionale concepito ‘ad hoc’ che dovrebbe vedere luce in primavera.

«Questo è un tema globale inserito nell’agenda del G7» spiega il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin in occasione degli ‘Stati generali sulla meningite’, organizzati a Roma dalla Simit, Società italiana di malattie infettive e tropicali.

«Abbiamo lavorato con la Direzione Generale Prevenzione per realizzare il primo Piano Nazionale sulla resistenza agli antibiotici o ai batteri multi-resistenti, è stato un lavoro molto approfondito fatto con delle ispezioni accurate e delle analisi sul campo prossime ad essere rese note». «Io stessa – continua il Ministro – ho già in precedenza portato il tema all’attenzione della Conferenza Stato-Regioni nelle Commissioni degli assessori alla salute, chiedendo che venisse messo in cima all’agenda di tutti coloro che hanno competenza a riguardo. Si tratta di un piano ad ampio spettro che affronta vari temi, primo fra tutti il tema della messa in sicurezza delle strutture ospedaliere, quindi maggiore consapevolezza dei meccanismi di disinfettazione degli ospedali, delle sale operatorie e degli ausili operativi».

Inoltre, il secondo aspetto posto all’attenzione delle istituzioni è stato «il consumo degli antibiotici e quindi una campagna che diffonda la consapevolezza dell’utilizzo responsabile dei farmaci – dichiara la Lorenzin -. Ci sono aree del territorio dove il consumo è nella norma europea altre zone invece dove c’è un iper-consumo di antibiotici. Inoltre, anche da parte dei medici, è fondamentale che ci sia prescrizione dell’antibiotico quando ce n’è necessità». Il corollario di tutte queste disposizioni è l’urgenza di incentivare la ricerca che «permetta di intercettare il tipo di antibiotico efficace su quel tipo di patologia, su quel tipo di batterio e quindi di poter agire in modo mirato» spiega il Ministro.

L’antibiotico-resistenza è un allarme a livello mondiale, «Questo è innegabile – prosegue la Lorenzin – dobbiamo fare bene i conti anche a casa nostra e superare difficoltà di frammentazione, infatti abbiamo ospedali in assoluta sicurezza che utilizzano il massimo delle tecnologie disponibili, mentre altri sono piuttosto carenti. Dobbiamo procedere con un’azione sinergica a livello nazionale coinvolgendo tutti gli attori che giocano un ruolo. Fondamentale in quest’ottica è la formazione personale, ogni medico deve essere preparato, inoltre un importante ruolo lo gioca anche il coinvolgimento delle associazioni e dei pazienti. I pazienti in particolar modo, devono capire che l’autoterapia è un metodo pericoloso, bisogna affidarsi ai medici. Per raggiungere tutti questi obiettivi, abbiamo avviato un’azione preparatoria durata più di un anno, su cui sono state fatte molte ispezioni e indagini, adesso bisogna fare un programma che durerà parecchi anni e che pensiamo sia inevitabile».

Per approfondire:

Amit, antibiotico-resistenza: 700mila decessi ogni anno. Dal 9 al 10 marzo a milano il VI Congresso Internazionale

Articoli correlati
Covid, Simedet: «Vili minacce no vax verso ex ministro Lorenzin. Ora intercettare esitanti ai vaccini»
Il Presidente Nazionale della Simedet (Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica ) Fernando Capuano ha incontrato l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin negli uffici di Montecitorio per esprimere i sentimenti di solidarietà umana da parte della Comunità Scientifica multidisciplinare della Simedet per i vili attacchi e minacce ricevuti dai no vax. La solidarietà e il sostegno […]
In 8 paesi europei in quattro anni è diminuito l’uso degli antibiotici
Secondo un Rapporto dell'ECDC, tra il 2014 e il 2018 in otto paesi europei l'informazione e l'impegno contro l'antibiotico-resistenza hanno dato i primi frutti. I più usati restano gli antibiotici ACCESS, che secondo l'Oms devono arrivare al 60% del totale di consumo
Patologie croniche respiratorie, MMG e istituzioni concordi: «Serve assistenza più vicina alle persone»
Se ne parlerà all’evento “La gestione delle cronicità respiratorie: la lezione di Covid-19” organizzato da Fortune Italia con il contributo non condizionante di Chiesi Italia
Antibiotico-resistenza, i nuovi dati in occasione della Giornata europea della consapevolezza
I dati del 2019 sull'antibiotico-resistenza, pubblicati dall'Ecdc in occasione della giornata, mostrano percentuali più elevate nel sud ed est Europa. Resistenza alla vancomicina nell'Enterococcus faecium il dato più alto
Delegazione Pd incontra Ministro Manfredi, tutte le richieste per gli specializzandi
Una delegazione del Partito Democratico e del Forum Sanità Giovani Democratici composta dall’Onorevole Beatrice Lorenzin e da Stefano Manai in qualità di Resposabile formazione sanitaria del PD, ha avuto un incontro con il ministro dell’Università Manfredi nel corso del quale ha avanzato delle proposte – frutto anche di una sintesi delle istanze portate avanti dalle diverse […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 ottobre, sono 244.073.373 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.954.951 i decessi. Ad oggi, oltre 6,83 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?