Salute 7 Marzo 2017

Antibiotico-resistenza, Ministro Lorenzin: «Combatterla coinvolgendo le associazioni e i pazienti»

Dopo che l’OMS ha reso note le 12 famiglie di batteri immuni agli antibiotici il Ministero della Salute lancia il monito: «Fronteggiare l’emergenza con un Piano nazionale che sarà pronto in primavera»

Una lista di 12 famiglie di batteri pericolosi resistenti agli antibiotici. Ecco l’elenco stilato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che sostiene l’urgente necessità di combattere questi patogeni prioritari, incentivando la ricerca e lo sviluppo di nuovi farmaci efficaci. L’antibiotico-resistenza è una grande minaccia per la salute pubblica mondiale e proprio in quest’ottica, il Ministero della Salute annuncia un nuovo Piano Nazionale concepito ‘ad hoc’ che dovrebbe vedere luce in primavera.

«Questo è un tema globale inserito nell’agenda del G7» spiega il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin in occasione degli ‘Stati generali sulla meningite’, organizzati a Roma dalla Simit, Società italiana di malattie infettive e tropicali.

«Abbiamo lavorato con la Direzione Generale Prevenzione per realizzare il primo Piano Nazionale sulla resistenza agli antibiotici o ai batteri multi-resistenti, è stato un lavoro molto approfondito fatto con delle ispezioni accurate e delle analisi sul campo prossime ad essere rese note». «Io stessa – continua il Ministro – ho già in precedenza portato il tema all’attenzione della Conferenza Stato-Regioni nelle Commissioni degli assessori alla salute, chiedendo che venisse messo in cima all’agenda di tutti coloro che hanno competenza a riguardo. Si tratta di un piano ad ampio spettro che affronta vari temi, primo fra tutti il tema della messa in sicurezza delle strutture ospedaliere, quindi maggiore consapevolezza dei meccanismi di disinfettazione degli ospedali, delle sale operatorie e degli ausili operativi».

Inoltre, il secondo aspetto posto all’attenzione delle istituzioni è stato «il consumo degli antibiotici e quindi una campagna che diffonda la consapevolezza dell’utilizzo responsabile dei farmaci – dichiara la Lorenzin -. Ci sono aree del territorio dove il consumo è nella norma europea altre zone invece dove c’è un iper-consumo di antibiotici. Inoltre, anche da parte dei medici, è fondamentale che ci sia prescrizione dell’antibiotico quando ce n’è necessità». Il corollario di tutte queste disposizioni è l’urgenza di incentivare la ricerca che «permetta di intercettare il tipo di antibiotico efficace su quel tipo di patologia, su quel tipo di batterio e quindi di poter agire in modo mirato» spiega il Ministro.

L’antibiotico-resistenza è un allarme a livello mondiale, «Questo è innegabile – prosegue la Lorenzin – dobbiamo fare bene i conti anche a casa nostra e superare difficoltà di frammentazione, infatti abbiamo ospedali in assoluta sicurezza che utilizzano il massimo delle tecnologie disponibili, mentre altri sono piuttosto carenti. Dobbiamo procedere con un’azione sinergica a livello nazionale coinvolgendo tutti gli attori che giocano un ruolo. Fondamentale in quest’ottica è la formazione personale, ogni medico deve essere preparato, inoltre un importante ruolo lo gioca anche il coinvolgimento delle associazioni e dei pazienti. I pazienti in particolar modo, devono capire che l’autoterapia è un metodo pericoloso, bisogna affidarsi ai medici. Per raggiungere tutti questi obiettivi, abbiamo avviato un’azione preparatoria durata più di un anno, su cui sono state fatte molte ispezioni e indagini, adesso bisogna fare un programma che durerà parecchi anni e che pensiamo sia inevitabile».

Per approfondire:

Amit, antibiotico-resistenza: 700mila decessi ogni anno. Dal 9 al 10 marzo a milano il VI Congresso Internazionale

Articoli correlati
L’ex ministro Beatrice Lorenzin chiude il ciclo di incontri dei “Venerdì degli igienisti dentali”
Tra gli ospiti dell'evento UNID anche Fernando Capuano, presidente della Simedet, l'avvocato Laila Perciballi in rappresentanza del Movimento consumatori e il Presidente dell’Ordine TSRM-PSTRP di Roma e provincia, Claudio Dal Pont
Rapporto Gimbe, Lorenzin: «Non può non destare preoccupazione. Ci aspetta un autunno difficile»
L’ex ministro della Salute a Farma & Friends: «Necessaria una chiamata alle armi di tutte le forze politiche. Gli operatori della sanità sono preoccupati per i tagli preventivati al settore»
A Milano è il giorno del Patto per la Scienza di Burioni e Silvestri. Garattini: «Metodologia scientifica va insegnata a scuola»
Alla Statale l’evento di presentazione del Patto promosso dai virologi Burioni e Silvestri. Tra gli ospiti l’ex ministro della Salute Lorenzin e l’ex Magistrato Raffaele Guariniello. Presidente del Patto l’epidemiologo Pierluigi Lopalco
Diritto alla salute, Cisl e Simedet ne parlano a Roma. Papotto (Cisl): «Regionalismo differenziato può aumentare diseguaglianze»
Convegno a Roma per fare il punto sull’articolo 32 della Costituzione. Tra i relatori Filippo Anelli (FNOMCeO) e l’ex ministro Beatrice Lorenzin. Il leader Cisl medici: «Sarà occasione per ribadire che il finanziamento alla sanità è sottostimato. Mancato rinnovo contratto è una vergogna»
Professioni sanitarie, l’ex ministro Lorenzin: «Maxi ordine fondamentale per combattere abusivismo. Non si torni indietro»
La ‘madre’ della legge 3 del 2018 che ha riunito le professioni sanitarie nel maxi ordine TSRM e PSTRP spiega l’importanza della norma: «Gli ordini hanno non solo una capacità di intervenire sulla formazione e quindi sull’aggiornamento professionale ma anche di adottare provvedimenti disciplinari quando questi professionisti non rispettano il Codice deontologico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...