Salute 7 marzo 2017

Antibiotico-resistenza, Ministro Lorenzin: «Combatterla coinvolgendo le associazioni e i pazienti»

Dopo che l’OMS ha reso note le 12 famiglie di batteri immuni agli antibiotici il Ministero della Salute lancia il monito: «Fronteggiare l’emergenza con un Piano nazionale che sarà pronto in primavera»

Una lista di 12 famiglie di batteri pericolosi resistenti agli antibiotici. Ecco l’elenco stilato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che sostiene l’urgente necessità di combattere questi patogeni prioritari, incentivando la ricerca e lo sviluppo di nuovi farmaci efficaci. L’antibiotico-resistenza è una grande minaccia per la salute pubblica mondiale e proprio in quest’ottica, il Ministero della Salute annuncia un nuovo Piano Nazionale concepito ‘ad hoc’ che dovrebbe vedere luce in primavera.

«Questo è un tema globale inserito nell’agenda del G7» spiega il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin in occasione degli ‘Stati generali sulla meningite’, organizzati a Roma dalla Simit, Società italiana di malattie infettive e tropicali.

«Abbiamo lavorato con la Direzione Generale Prevenzione per realizzare il primo Piano Nazionale sulla resistenza agli antibiotici o ai batteri multi-resistenti, è stato un lavoro molto approfondito fatto con delle ispezioni accurate e delle analisi sul campo prossime ad essere rese note». «Io stessa – continua il Ministro – ho già in precedenza portato il tema all’attenzione della Conferenza Stato-Regioni nelle Commissioni degli assessori alla salute, chiedendo che venisse messo in cima all’agenda di tutti coloro che hanno competenza a riguardo. Si tratta di un piano ad ampio spettro che affronta vari temi, primo fra tutti il tema della messa in sicurezza delle strutture ospedaliere, quindi maggiore consapevolezza dei meccanismi di disinfettazione degli ospedali, delle sale operatorie e degli ausili operativi».

Inoltre, il secondo aspetto posto all’attenzione delle istituzioni è stato «il consumo degli antibiotici e quindi una campagna che diffonda la consapevolezza dell’utilizzo responsabile dei farmaci – dichiara la Lorenzin -. Ci sono aree del territorio dove il consumo è nella norma europea altre zone invece dove c’è un iper-consumo di antibiotici. Inoltre, anche da parte dei medici, è fondamentale che ci sia prescrizione dell’antibiotico quando ce n’è necessità». Il corollario di tutte queste disposizioni è l’urgenza di incentivare la ricerca che «permetta di intercettare il tipo di antibiotico efficace su quel tipo di patologia, su quel tipo di batterio e quindi di poter agire in modo mirato» spiega il Ministro.

L’antibiotico-resistenza è un allarme a livello mondiale, «Questo è innegabile – prosegue la Lorenzin – dobbiamo fare bene i conti anche a casa nostra e superare difficoltà di frammentazione, infatti abbiamo ospedali in assoluta sicurezza che utilizzano il massimo delle tecnologie disponibili, mentre altri sono piuttosto carenti. Dobbiamo procedere con un’azione sinergica a livello nazionale coinvolgendo tutti gli attori che giocano un ruolo. Fondamentale in quest’ottica è la formazione personale, ogni medico deve essere preparato, inoltre un importante ruolo lo gioca anche il coinvolgimento delle associazioni e dei pazienti. I pazienti in particolar modo, devono capire che l’autoterapia è un metodo pericoloso, bisogna affidarsi ai medici. Per raggiungere tutti questi obiettivi, abbiamo avviato un’azione preparatoria durata più di un anno, su cui sono state fatte molte ispezioni e indagini, adesso bisogna fare un programma che durerà parecchi anni e che pensiamo sia inevitabile».

Per approfondire:

Amit, antibiotico-resistenza: 700mila decessi ogni anno. Dal 9 al 10 marzo a milano il VI Congresso Internazionale

Articoli correlati
Il primo rapporto OMS sulla salute di migranti e rifugiati, che non portano malattie
Migranti e rifugiati arrivano in Europa in buona salute, ma gli spostamenti e le condizioni di vita nei Paesi ospitanti aumentano il rischio di malattie
Malaria. Severini (Iss): «In Italia 700 casi ogni anno. Malattia è d’importazione ma non da escludere coinvolgimento di zanzare locali»
«Nel mondo, ogni anno, si contano oltre 200 milioni di nuovi contagi e 445 mila decessi. Oggi manca vaccino efficace e occorre combattere resistenza ai farmaci». L’intervista a Carlo Severini, ricercatore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità
di Isabella Faggiano
Legge Lorenzin: approvati i decreti attuativi per Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici
«Questo è un momento di svolta storico nella nostra professione perché arriva alla fine di un iter lungo che ha permesso di dare il giusto valore e riconoscimento a una professione con un ruolo sempre più fondamentale e centrale nella tutela della salute pubblica» così Nausicaa Orlandi, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici
Tennis&Friends al Foro Italico: i vip scendono in campo per la prevenzione
Tennis&Friends, il torneo Celebrities che unisce Salute, Sport, Solidarietà e Spettacolo ha registrato quest’anno 6000 presenze e 850 check up gratuiti. Giorgio Meneschincheri (Gemelli): «Oltre 50mila visite specialistiche in sei anni. In Italia la percentuale di mortalità è molto più alta nelle città in cui non viene fatta prevenzione»
Ebola in Congo, OMS: «Rischio da ‘alto’ a ‘molto alto’. 4mila dosi di vaccino pronte, ne servono più di 7mila»
Di nuovo l'incubo, dopo gli 11mila morti causati dall'epidemia del 2013-16, il virus torna e provoca 25 decessi in pochi giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano