Salute 12 Novembre 2020 03:30

Covid-19, siglato accordo tra ISS e Accademia dei Lincei per la condivisione dei dati epidemiologici

Brusaferro (ISS): «Credo fermamente nell’importanza di rendere disponibili i dati alla comunità scientifica». Il presidente dell’ Accademia Nazionale dei Lincei Giorgio Parisi: «Tassello importante per comprendere i meccanismi di contagio»

Una stretta collaborazione per sviluppare modelli che analizzino l’epidemia e l’impatto dell’emergenza sanitaria sul sistema sanitario nazionale. È ciò che prevede l’accordo siglato tra l’Istituto Superiore di Sanità e l’Accademia dei Lincei. L’intesa prevede che l’Istituto metterà a disposizione degli esperti dell’Accademia i dati raccolti e i ricercatori dei due enti lavoreranno alle analisi di vari aspetti epidemiologici.

BRUSAFERRO: «È IMPORTANTE RENDERE DISPONIBILI I DATI ALLA COMUNITÀ SCIENTIFICA»

«Credo fermamente nell’importanza di rendere disponibili i dati alla comunità scientifica – afferma il presidente dell’ISS Silvio Brusaferro -. Mi fa particolarmente piacere se questo avviene con un’istituzione autorevole e prestigiosa quale è l’Accademia dei Lincei».

L’appello alle istituzioni per la condivisione dei dati con la comunità scientifica era già arrivato mesi fa. Giorgio Parisi, fisico di fama mondiale e Presidente dell’Accademia dei Lincei, sosteneva a Sanità Informazione l’importanza di avere dati strutturati e fruibili per circoscrivere i focolai. Sulla stessa linea la deputata di Italia Viva Lisa Noja, raccogliendo la proposta di Parisi, presentava un’interrogazione alla Camera: «Rendere pubblici quei dati allargherebbe il dibattito, renderebbe più verificabili le indicazioni» precisava al nostro giornale.

PARISI: «ACCORDO IMPORTANTE PER MAGGIORE COMPRENSIONE DEI MECCANISMI DI CONTAGIO»

«Stiamo in una situazione in cui non sappiamo ancora con certezza quali siano i canali più rilevanti per la diffusione del virus – afferma il presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei Giorgio Parisi -. Serve un grande sforzo coordinato della comunità scientifica per arrivare a una maggiore comprensione dei meccanismi di contagio e quest’accordo è un tassello importante in questa direzione».

L’ACCORDO ISS-ACCADEMIA DEI LINCEI

L’accordo, della durata di un anno, prevede la collaborazione dei due enti nelle stime del tempo di generazione dell’epidemia e del numero di riproduzione (Rt), con un monitoraggio dell’andamento di queste variabili nel tempo. Le due istituzioni lavoreranno anche alla produzione di modelli di trasmissione per calcolare l’impatto del Covid-19 sul sistema sanitario nazionale.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ascom Digistat, le nuove frontiere dell’ICT al servizio del settore sanitario
Ascom Digistat Suite è una piattaforma software per la gestione dei dati clinici dei pazienti progettata per l’utilizzo da parte di medici, infermieri e personale sanitario. Prevede un’ampia gamma di soluzioni: dalla gestione del percorso chirurgico del paziente, al trattamento del paziente in terapia intensiva, al monitoraggio dei parametri fisiologici e di allarmi, inclusi i dispositivi indossabili
Fiaso: «Si consolida il trend di calo,-16,3% di pazienti nei reparti Covid»
Per la quinta settimana consecutiva diminuisce il numero di pazienti ricoverati nelle aree Covid, sia nei reparti ordinari sia nelle terapie intensive, del 16,3%. I dati del Report degli ospedali sentinella della Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere (Fiaso)
Un italiano su 2 usa ausili, oltre il 75% li compra di tasca propria
Un italiano su due utilizza ausili. Secondo l'indagine rATA, gli occhiali sono gli ausili più utilizzati
Gimbe: «Nuove sottovarianti omicron più contagiose, evadono la risposta immunitaria»
La Fondazione Gimbe nel consueto report settimanale rileva una diminuizione dei nuovi casi, dei decessi e dei ricoveri ordinari. La quarta dose non ingrana: coperti solo 166 mila immunocompromessi (21%) e meno di 385 mila altri fragili (8,7%). Cartabellotta: «Strategia attendista pericolosa»
Covid, ISS: «Sale l’incidenza, RT stabile. Tre regioni a rischio alto, undici moderato»
L'incidenza settimanale cresce a 699 ogni 100.000 abitanti. L'indice di trasmissibilità si mantiene stabile, in calo l'occupazione delle terapie intensive. I dati principali emersi dalla Cabina di Regia ISS-ministero della salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 agosto, sono 585.421.147 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.420.315 i decessi. Ad oggi, oltre 12,01 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale