Salute 24 Aprile 2019 13:44

Leucemie, i punti fermi dell’AIL secondo Viganò (RomAIL): «Ricerca scientifica, assistenza domiciliare e formazione permanente dei volontari»

Quest’anno, l’AIL celebra 50 anni e festeggia questa importante ricorrenza con una serie di appuntamenti che ripercorrono le tappe della sua storia. Tra questi, l’incontro ”La Scelta Volontaria – Riflessioni sul Volontariato” che si è svolto a Roma presso la Residenza di Ripetta, dove abbiamo incontrato la presidente di RomAIL Maria Luisa Rossi Viganò

Leucemie, i punti fermi dell’AIL secondo Viganò (RomAIL): «Ricerca scientifica, assistenza domiciliare e formazione permanente dei volontari»

LAIL (Associazione Italiana contro le Leucemie, i linfomi e il mieloma Onlus) ha ormai una storia cinquantennale alle sue spalle, fatta di amore e grande partecipazione. È, infatti, una delle associazioni con il maggior numero di volontari: quasi 20.000, diffusi su tutto il territorio nazionale dove si contano 81 Sezioni provinciali AIL.

L’attività dell’AIL si svolge in collaborazione con le strutture pubbliche, sia universitarie che ospedaliere, a favore dei malati. Negli ultimi anni, progressi straordinari della ricerca scientifica e terapie sempre più efficaci – compreso il trapianto di cellule staminali – hanno reso leucemie, linfomi e mieloma sempre più curabili.

Maria Luisa Rossi Viganò, prima vice presidente dell’AIL nazionale e dal 2006 presidente di RomAIL, ne ha parlato a Sanità Informazione. Una cara amica del professor Franco Mandelli e una veterana del settore che rappresenta l’associazione all’esterno con impegno e tanta passione.

RomAIL si avvale di diverse tipologie di volontari: gli interni, che lavorano nel Centro di ematologia dell’Università Sapienza di Roma; i volontari esterni, che seguono le grandi campagne nazionali AIL e infine, i volontari che si occupano della Casa di accoglienza AIL, che può ospitare fino a 15 pazienti con gli accompagnatori. RomAIL è sempre presente a livello istituzionale per portare all’attenzione degli enti locali e nazionali i bisogni dei pazienti soprattutto in relazione all’assistenza domiciliare.

LEGGI ANCHE: 50 ANNI AIL, MARCO VIGNETTI (GIMEMA): «MEZZO SECOLO FA IMPENSABILE GUARIRE UN TUMORE DEL SANGUE CON DUE PASTICCHE. GRAZIE A MANDELLI ITALIA ALL’AVANGUARDIA»

L’AIL festeggia quest’anno i suoi primi 50 anni. Quali sono i traguardi raggiunti finora e gli obiettivi futuri?

«Come ha ricordato il professor Amadori, sono stati raggiunti traguardi enormi nella ricerca. Per quanto riguarda i futuri obiettivi, penso che sia importante soffermarsi sulle guarigioni e continuare a finanziare la ricerca. L’AIL Roma si sta occupando moltissimo di questo, finanziando iniziative di sostegno ed aiuto a tutti i nostri pazienti ed anche progetti solidali come le cure domiciliari. Curare i nostri pazienti nelle loro abitazioni, infatti, è davvero una cosa straordinaria ed è anche un grande risparmio per la comunità perché costa un quinto rispetto alle strutture ospedaliere».

L’AIL conta quasi 20mila volontari: com’è cambiato il ruolo del volontario nel tempo e qual è la sua importanza?

«Le adesioni all’AIL, nel tempo, sono aumentate sempre di più, soprattutto negli ospedali, come sostegno a chi è sotto il colpo di una sentenza come quella della diagnosi di una malattia ematologica. Il volontario mantiene il suo ruolo straordinario: nasce in Toscana intorno al ‘500 con le misericordie, quelle persone che si recavano nei centri per aiutare i malati poco abbienti a vestirsi, a lavarsi e a mangiare. Oggi i volontari sono figure più preparate, più attive, consapevoli e competenti rispetto al passato».

Articoli correlati
Covid, Locatelli e Ippolito: «Medici (in)formati su vaccini e terapie per uscire prima dall’emergenza»
Consulcesi lancia il corso ECM su vaccini e anticorpi monoclonali: una sfida aperta per scienza, politica ed economia. Il presidente Massimo Tortorella: «Solo con la formazione, punto chiave del nuovo Piano Pandemico, sarà possibile arginare l'attuale nuova ondata di fake news»
Condivisione, formazione e aggiornamento: cos’è il portale “Cuore e…”
Ambrosio (AO Perugia): «Dopo l’eccellente riscontro di “Covid e Cuore”, estendiamo l’approfondimento a contenuti nuovi e diversi»
Ortottisti. Fiore (Aiorao): «Puntiamo alla presenza sul territorio, accanto a pediatri e medici di famiglia»
Dalla pandemia gli insegnamenti per un anno migliore, la presidente Aiorao: «L’emergenza ci ha mostrato il significato dell’aggregazione con le altre professioni, il ritrovarsi tutti sotto uno stesso ordine, pur mantenendo ognuno le proprie specificità professionali»
di Isabella Faggiano
Partito il corso TO CONVEY per insegnare la comunicazione digitale agli oncologi millennial
Del Mastro (Università Genova): «Nei corsi di laurea manca formazione su comunicazione, fondamentale per il rapporto medico-paziente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 gennaio, sono 96.255.312 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.059.566 i decessi. Ad oggi, oltre 41,79 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...