Salute 24 Aprile 2019

Leucemie, i punti fermi dell’AIL secondo Viganò (RomAIL): «Ricerca scientifica, assistenza domiciliare e formazione permanente dei volontari»

Quest’anno, l’AIL celebra 50 anni e festeggia questa importante ricorrenza con una serie di appuntamenti che ripercorrono le tappe della sua storia. Tra questi, l’incontro ”La Scelta Volontaria – Riflessioni sul Volontariato” che si è svolto a Roma presso la Residenza di Ripetta, dove abbiamo incontrato la presidente di RomAIL Maria Luisa Rossi Viganò

Immagine articolo

LAIL (Associazione Italiana contro le Leucemie, i linfomi e il mieloma Onlus) ha ormai una storia cinquantennale alle sue spalle, fatta di amore e grande partecipazione. È, infatti, una delle associazioni con il maggior numero di volontari: quasi 20.000, diffusi su tutto il territorio nazionale dove si contano 81 Sezioni provinciali AIL.

L’attività dell’AIL si svolge in collaborazione con le strutture pubbliche, sia universitarie che ospedaliere, a favore dei malati. Negli ultimi anni, progressi straordinari della ricerca scientifica e terapie sempre più efficaci – compreso il trapianto di cellule staminali – hanno reso leucemie, linfomi e mieloma sempre più curabili.

Maria Luisa Rossi Viganò, prima vice presidente dell’AIL nazionale e dal 2006 presidente di RomAIL, ne ha parlato a Sanità Informazione. Una cara amica del professor Franco Mandelli e una veterana del settore che rappresenta l’associazione all’esterno con impegno e tanta passione.

RomAIL si avvale di diverse tipologie di volontari: gli interni, che lavorano nel Centro di ematologia dell’Università Sapienza di Roma; i volontari esterni, che seguono le grandi campagne nazionali AIL e infine, i volontari che si occupano della Casa di accoglienza AIL, che può ospitare fino a 15 pazienti con gli accompagnatori. RomAIL è sempre presente a livello istituzionale per portare all’attenzione degli enti locali e nazionali i bisogni dei pazienti soprattutto in relazione all’assistenza domiciliare.

LEGGI ANCHE: 50 ANNI AIL, MARCO VIGNETTI (GIMEMA): «MEZZO SECOLO FA IMPENSABILE GUARIRE UN TUMORE DEL SANGUE CON DUE PASTICCHE. GRAZIE A MANDELLI ITALIA ALL’AVANGUARDIA»

L’AIL festeggia quest’anno i suoi primi 50 anni. Quali sono i traguardi raggiunti finora e gli obiettivi futuri?

«Come ha ricordato il professor Amadori, sono stati raggiunti traguardi enormi nella ricerca. Per quanto riguarda i futuri obiettivi, penso che sia importante soffermarsi sulle guarigioni e continuare a finanziare la ricerca. L’AIL Roma si sta occupando moltissimo di questo, finanziando iniziative di sostegno ed aiuto a tutti i nostri pazienti ed anche progetti solidali come le cure domiciliari. Curare i nostri pazienti nelle loro abitazioni, infatti, è davvero una cosa straordinaria ed è anche un grande risparmio per la comunità perché costa un quinto rispetto alle strutture ospedaliere».

L’AIL conta quasi 20mila volontari: com’è cambiato il ruolo del volontario nel tempo e qual è la sua importanza?

«Le adesioni all’AIL, nel tempo, sono aumentate sempre di più, soprattutto negli ospedali, come sostegno a chi è sotto il colpo di una sentenza come quella della diagnosi di una malattia ematologica. Il volontario mantiene il suo ruolo straordinario: nasce in Toscana intorno al ‘500 con le misericordie, quelle persone che si recavano nei centri per aiutare i malati poco abbienti a vestirsi, a lavarsi e a mangiare. Oggi i volontari sono figure più preparate, più attive, consapevoli e competenti rispetto al passato».

Articoli correlati
ECM, anche gli infermieri in azione per chiudere al meglio il triennio
Attraverso la Rete nazionale dei referenti degli Ordini provinciali degli infermieri per l’Ecm, gli infermieri puntano a terminare il triennio con i crediti formativi in regola. L'intervista a Pierpaolo Pateri, presidente OPI Cagliari e componenti della Commissione Nazionale per la Formazione continua
Oncologia, Beretta (Aiom): «Screening organizzati fondamentali. Grandi potenzialità per la medicina di precisione»
«La formazione dei medici è fondamentale: da quando mi sono laureato ad oggi sono cambiate tantissime cose. È necessario ridefinire un sistema di welfare per evitare costi aggiuntivi della malattia sui pazienti», così il presidente eletto Aiom a margine del convegno al Senato
Psicologia, nasce la Consulta degli studenti: «Eliminare il 3+2 e regolamentare la retribuzione dei tirocini»
Leopoldo Pizzetti, studente promotore della Consulta: «È un organo consultivo e non vincolante dell’Ordine degli Psicologi che favorirà la sinergia tra il mondo della formazione e quello professionale
di Isabella Faggiano
Papa Francesco sulla sanità: «No ad aziendalizzazione e turni massacranti, sì a strumenti per formare adeguatamente il personale»
Il Pontefice ha parlato durante il suo incontro con l’Associazione cattolica degli operatori sanitari: «Trattare i malati come persone, e non come numeri»
ECM, Lavalle (OMCeO Bari): «Medici obbligati moralmente a formarsi per rapporto con pazienti»
Il vicepresidente OMCeO di Bari, Franco Lavalle si dice soddisfatto dell’azione intrapresa dalla Federazione Medici Chirurghi e Odontoiatri riguardo l’aggiornamento professionale: «A Bari ogni anno organizziamo una ventina di corsi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...