Salute 22 Marzo 2019 16:40

Tumori del sangue, AIL festeggia 50 anni. Il presidente Amadori: «Grazie al professor Mandelli siamo punto di riferimento nel volontariato sociale»

L’associazione che segue le persone affette da leucemie, linfomi e mieloma dal 1949 traccia un bilancio del suo operato: «Prima la diagnosi di questo tipo di malattia era un dramma per il paziente e per la sua famiglia, ora le cose sono cambiate. Tra i nostri cavalli di battaglia lo sviluppo delle cure domiciliari»

Tumori del sangue, AIL festeggia 50 anni. Il presidente Amadori: «Grazie al professor Mandelli siamo punto di riferimento nel volontariato sociale»

Un tempo i pazienti affetti da tumore del sangue erano destinati ad una morte praticamente certa e molto rapida, in quanto la malattia era sostanzialmente incurabile. Dopo decenni di ricerca e di nuove terapie, la prognosi di questi pazienti è cambiata: le malattie possono essere curate e associate ad una buona qualità di vita. Merito di questi progressi è anche dell’AIL (Associazione Italiana contro le Leucemie-linfomi e mieloma) che quest’anno ha festeggiato i suoi primi 50 anni di attività. «Prima la diagnosi di questo tipo di malattia era un dramma per il paziente e per la sua famiglia – spiega ai nostri microfoni Sergio Amadori, presidente nazionale AIL dallo scorso maggio – mentre ora le cose sono fortunatamente cambiate. Uno dei nostri cavalli di battaglia è stato lo sviluppo delle cure domiciliari, ovvero trasferire a casa del paziente una parte delle terapie che deve affrontare». Ma AIL fa molto di più, con la sua rete composta da 81 sezioni provinciali sparpagliate in 20 regioni, in modo da coprire tutto il territorio nazionale. «Il nostro spirito solidaristico – spiega ancora Amadori – è nato grazie al lavoro del professor Franco Mandelli, che in 30 anni e in qualità di presidente ha lavorato strenuamente per rendere l’attività della nostra associazione il più solidale possibile. Oggi, grazie a lui, AIL è un punto di riferimento per quanto riguarda il settore del volontariato sociale».

Articoli correlati
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
La maternità dopo la malattia, un sogno possibile per le Gemme Dormienti
L’Associazione, presieduta dalla ginecologa Mariavita Ciccarone, dal 2011 assiste le pazienti nella conservazione della fertilità. «Fondamentale formare in primis il personale sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa