Voci della Sanità 1 Febbraio 2021 10:02

Staminali: siglato protocollo di intesa tra Consumerismo No Profit e Futura Stem Cells

Per fornire maggiori garanzie ai consumatori ed evitare raggiri e inganni

Consumerismo No Profit, associazione di consumatori specializzata in tecnologia, e Futura Stem Cells, società che opera nel settore della crioconservazione, hanno siglato un protocollo di intesa in tema di cellule staminali, al fine di garantire maggiori garanzie ai consumatori, troppo spesso vittime di raggiri e inganni su tale nuova frontiera dalla medicina.

È innegabile come le cellule staminali abbiano un ruolo fondamentale nel futuro della medicina, soprattutto per quanto riguarda tutto ciò che è legato alla genetica e allo sviluppo della ricerca scientifica sulle patologie. La pandemia, che stiamo tuttora vivendo, ci ha reso consapevoli di quanto sia fondamentale non tralasciare nessun tipo di percorso inesplorato e di ricerca. Quindi se è vero che nel mondo delle staminali vi è ancora tanto da scoprire, auspichiamo e attendiamo che la ricerca scientifica faccia il suo percorso.

«Da anni si parla di staminali e della conservazione di quelle contenute nel cordone ombelicale. È nostro compito far sì che i consumatori che intendano percorrere tale strada, lo facciano in piena sicurezza e siano esenti da problemi di vario genere che possono andare dall’ingannevolezza di alcune proposte commerciali alla mancanza di chiarezza e di totale trasparenza” – dichiara Luigi Gabriele, Presidente dell’Associazione Consumerismo No Profit -. È per questo che abbiamo deciso di avviare con un’azienda italiana, la Futura Stem Cells, un percorso di divulgazione, educazione e sensibilizzazione informativa, con l’obiettivo di contrastare la cattiva informazione sulle delicate tematiche della donazione e conservazione delle cellule staminali».

«Siamo onorati di esser stati revisionati dall’Associazione Consumatori Consumerismo, ci siamo messi in gioco perché crediamo nella trasparenza e nella corretta informazione ed è per questo che tutta  la nostra comunicazione è stata puntualmente esaminata e verificata dall’Associazione sia nei contenuti scientifici sia nella parte contrattualistica – dichiara Simone Colombati, l’AD di Futura SC srl – . Pertanto abbiamo deciso di sposare  un progetto comune di divulgazione a 360 gradi».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cancro, per i pazienti la ricerca è ancora un tabù: meno del 5% partecipa agli studi clinici
L’arruolamento nei protocolli di ricerca consente maggiori chance terapeutiche. Gori (ROPI): «Fondamentale aumentare l’informazione per pazienti e professionisti»
Il futuro della ricerca passa per le nanotecnologie. La storia di Angelo Accardo, cervello in fuga
Il professor Angelo Accardo, “nanotecnologo” della Delft University of Technology (TU Delft) in Olanda e cervello in fuga, lavora alla creazione di micro-ambienti cellulari ingegnerizzati che tentano di imitare il tessuto cerebrale umano. Tali microstrutture biomimetiche possono portare a importanti sviluppi nel campo delle malattie del neurosviluppo e dei tumori del cervello
di Francesco Torre
Assistenza sanitaria, ricerca scientifica e innovazione: nasce la Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-medico
La Fondazione, costituita per essere ancora più vicina al progresso medico-scientifico a favore della salute delle persone, opererà in stretta sinergia con l’Università Campus Bio-Medico di Roma nel perseguimento degli obiettivi e nel rispetto dei valori che ne ispirano da sempre l’azione: la Scienza per l’Uomo
Ricerca, è italiana la terapia genica che dà speranze ai bambini farfalla
Hassan, affetto da epidermolisi bollosa, a sei anni viene sottoposto ad una terapia genica messa a punto dal Professor Michele De Luca del centro di medicina rigenerativa “Stefano Ferrari” Unimore di Modena. Nel 2017 inizia il follow up, cinque anni dopo, per il centro di eccellenza emiliano è pronta una nuova sfida che partirà nei primi mesi del 2022
Come Covid-19 ha cambiato la ricerca farmaceutica, lo spiega Massimo Scaccabarozzi (Farmindustria)
Parole d'ordine: digitale e decentralizzazione. Il virus ha portato la ricerca oltre i propri limiti e ha mostrato quanto veloce si può lavorare e in maniera produttiva
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 maggio, sono 525.383.960 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.599 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...