Formazione 24 Marzo 2020

Coronavirus e gravidanza: il corso online di Futura Stem Cells prepara le mamme al parto

Tanti gli argomenti trattati e i consigli pre e post parto: «Dalla gravidanza al baby massage, passando per la disostruzione delle vie aeree fino all’allattamento e alla nutrizione» spiega la Responsabile scientifica Pierangela Totta

Si è rubata parte della gioia che porta con sé una gravidanza, questo virus. Diventare mamma in questo periodo infatti non è semplice, tra difficoltà, incertezze e la paura di dover partorire in piena emergenza sanitaria.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS E GRAVIDANZA, I NEONATI POSSONO ESSERE CONTAGIATI DA UNA MADRE INFETTA?

Di recente, sia a Piacenza che a Massa, due donne positive al nuovo Coronavirus hanno partorito due bambini sani, negativi al tampone per la ricerca del Covid-19. Il Ministero della salute ha precisato che «non sono riportati dati scientifici sulla suscettibilità delle donne in gravidanza al virus né sugli effetti di Covid-19 durante la gravidanza» e, soprattutto «il SARS- CoV-2 non è stato rilevato nel liquido amniotico».

Ma se da questo punto di vista le future mamme possono stare tranquille, la dolce attesa “tra le mura domestiche” è comunque qualcosa di inaspettato e difficile da gestire. Il tempo non passa mai, le domande e i pensieri sono tanti e le rinunce pesano ancora di più. Le visite mediche sono garantite, le cliniche e gli ospedali sono aperti così come gli studi privati, ma molti corsi di preparazione al parto si sono ridotti o sono stati annullati.

LEGGI ANCHE: STAMINALI CORDONALI, LE NOVITÀ DELLA RICERCA. KURTZBERG: «RISULTATI INCORAGGIANTI SU BAMBINI CON PARALISI CELEBRALE»

Futura Stem Cells, con il progetto #iorestoacasa, ha lanciato un corso pre-parto online «per essere vicini a tutte le nuove famiglie che stanno nascendo e hanno bisogno di informazioni in un momento così importante della loro vita» ha spiegato a Sanità Informazione la dottoressa Pierangela Totta, Responsabile scientifica di Futura. «Il corso è rivolto a tutte le gestanti che in questo momento, per ovvie ragioni, non possono partecipare fisicamente ad un corso pre-parto» precisa la dottoressa Totta.

Il corso è completamente gratuito e può essere seguito da pc, tablet e smartphone. L’iscrizione è molto semplice: basta andare sul sito e compilare il form dedicato. «Le mamme saranno ricontattate e verrà spiegato loro come svolgere l’intero corso o, se preferiscono, i singoli moduli». È diviso, infatti, in sette video lezioni curate da esperti: si parlerà di ginnastica pre-parto, alimentazione in gravidanza, travaglio, ritorno a casa, emotività, allattamento, nutrizione, primo soccorso pediatrico e disostruzione. Si parte venerdì 27 marzo proprio con il Primo Soccorso Pediatrico.

In questo momento storico di emergenza, essere “seguite” a distanza è una grande possibilità e opportunità non solo per le future mamme ma anche per i futuri papà; d’altronde, «si diventa genitori in due – sottolinea la dottoressa Pierangela Totta -. In questo modo si può sostenere la mamma nel miglior modo possibile anche al momento del rientro a casa, durante i primi giorni di smarrimento, quando si passa da essere una coppia a essere una famiglia» conclude.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus in Calabria, Cimo: «Poco personale e strutture inadeguate, se numeri aumentano sarà crisi»
Il Segretario del sindacato Giorgio Ferrara: «Mancano anche tamponi e dispositivi di protezione individuale. Per ora sopravviviamo, ma se dovessero verificarsi picchi come successo al Nord, non riusciremmo a reggere»
Covid-19, i sindacati della dirigenza medica e sanitaria proclamano lo stato di agitazione
I sindacati non escludono una giornata di protesta 'virtuale' se le loro richieste non verranno accolte: DPI per tutto il personale sanitario, quarantena con sorveglianza attiva per chi ha avuto contatti stretti con positivi, limiti alla responsabilità civile, penale e erariale, riconoscimento premiale, aumento dei contratti di formazione e assunzioni a tempo indeterminato. Fp Cgil Medici e Uil Fpl Medici non aderiscono
Dall’intervista a Sanità Informazione a Mosca, l’ex direttore sanitario dell’Ats di Bergamo è ora consulente alla corte di Putin
Giuseppe Imbalzano: «Mi hanno chiesto come organizzare l’attività e ridurre il rischio. Prossimo appuntamento con i direttori degli ospedali, nel frattempo sto preparando un documento per i cittadini»
di Federica Bosco
Mascherine, foulard ed il principio di precauzione
Come evidenziato dagli organi di informazione, da domenica 5 aprile in Lombardia è in vigore, verso tutti i cittadini che, nel rispetto delle precedenti misure di contenimento (il c.d. “distanziamento sociale”), si spostino per giusta causa, l’obbligo, fino al 13 aprile, di indossare una protezione su naso e bocca – adesso è sufficiente il foulard […]
di Calogero Spada, Specialista TSRM in Neuroradiologia
Dall’indennità di Coronavirus alla limitazione della responsabilità delle strutture: polemica sugli emendamenti al Cura Italia
Dopo i contrasti sulla proposta di limitare la responsabilità civile, penale ed erariale non solo degli operatori ma anche delle strutture sanitarie, Salvini ritira emendamento, ma resta in campo quello del Pd. Duro Filippo Anelli: «La misura è colma». In campo anche proposte per MMG e per remunerazione aggiuntiva dei sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 aprile, sono 1.275.856 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 69.514 i decessi e 262.999 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...