Salute 24 Marzo 2020 16:00

Coronavirus e gravidanza: il corso online di Futura Stem Cells prepara le mamme al parto

Tanti gli argomenti trattati e i consigli pre e post parto: «Dalla gravidanza al baby massage, passando per la disostruzione delle vie aeree fino all’allattamento e alla nutrizione» spiega la Responsabile scientifica Pierangela Totta

Si è rubata parte della gioia che porta con sé una gravidanza, questo virus. Diventare mamma in questo periodo infatti non è semplice, tra difficoltà, incertezze e la paura di dover partorire in piena emergenza sanitaria.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS E GRAVIDANZA, I NEONATI POSSONO ESSERE CONTAGIATI DA UNA MADRE INFETTA?

Di recente, sia a Piacenza che a Massa, due donne positive al nuovo Coronavirus hanno partorito due bambini sani, negativi al tampone per la ricerca del Covid-19. Il Ministero della salute ha precisato che «non sono riportati dati scientifici sulla suscettibilità delle donne in gravidanza al virus né sugli effetti di Covid-19 durante la gravidanza» e, soprattutto «il SARS- CoV-2 non è stato rilevato nel liquido amniotico».

Ma se da questo punto di vista le future mamme possono stare tranquille, la dolce attesa “tra le mura domestiche” è comunque qualcosa di inaspettato e difficile da gestire. Il tempo non passa mai, le domande e i pensieri sono tanti e le rinunce pesano ancora di più. Le visite mediche sono garantite, le cliniche e gli ospedali sono aperti così come gli studi privati, ma molti corsi di preparazione al parto si sono ridotti o sono stati annullati.

LEGGI ANCHE: STAMINALI CORDONALI, LE NOVITÀ DELLA RICERCA. KURTZBERG: «RISULTATI INCORAGGIANTI SU BAMBINI CON PARALISI CELEBRALE»

Futura Stem Cells, con il progetto #iorestoacasa, ha lanciato un corso pre-parto online «per essere vicini a tutte le nuove famiglie che stanno nascendo e hanno bisogno di informazioni in un momento così importante della loro vita» ha spiegato a Sanità Informazione la dottoressa Pierangela Totta, Responsabile scientifica di Futura. «Il corso è rivolto a tutte le gestanti che in questo momento, per ovvie ragioni, non possono partecipare fisicamente ad un corso pre-parto» precisa la dottoressa Totta.

Il corso è completamente gratuito e può essere seguito da pc, tablet e smartphone. L’iscrizione è molto semplice: basta andare sul sito e compilare il form dedicato. «Le mamme saranno ricontattate e verrà spiegato loro come svolgere l’intero corso o, se preferiscono, i singoli moduli». È diviso, infatti, in sette video lezioni curate da esperti: si parlerà di ginnastica pre-parto, alimentazione in gravidanza, travaglio, ritorno a casa, emotività, allattamento, nutrizione, primo soccorso pediatrico e disostruzione. Si parte venerdì 27 marzo proprio con il Primo Soccorso Pediatrico.

In questo momento storico di emergenza, essere “seguite” a distanza è una grande possibilità e opportunità non solo per le future mamme ma anche per i futuri papà; d’altronde, «si diventa genitori in due – sottolinea la dottoressa Pierangela Totta -. In questo modo si può sostenere la mamma nel miglior modo possibile anche al momento del rientro a casa, durante i primi giorni di smarrimento, quando si passa da essere una coppia a essere una famiglia» conclude.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Troppo paracetamolo in gravidanza aumenta il rischio di problemi comportamentali nei bambini
Il consumo eccessivo di paracetamolo durante la gravidanza può aumentare il rischio che il bambino sviluppi problemi di attenzione e comportamento già all'età di 2, 3 e 4 anni. Lo studio condotto dalla University of Illinois Urbana-Champaign è stato pubblicato sulla rivista Neurotoxicology and Teratology
Caldo estremo aumenta il rischio di complicanze in gravidanza
L'esposizione al caldo estremo, eventualità diventata più frequente a causa dei cambiamenti climatici durante la gravidanza è stata collegata a un aumento del rischio di grave morbilità materna, cioè di complicanze durante il travaglio e il parto. I rischi sono maggiori se l'esposizione è avvenuta durante il terzo trimestre di gravidanza. Questo è quanto emerso da uno studio condotto dal Kaiser Permanente Southern California, pubblicato sulla rivista JAMA Network Open
Creato un modello completo di embrione umano, senza spermatozoi e ovuli
Non sono stati utilizzati né spermatozoi, né ovuli e né utero. Il nuovo modello di embrione sviluppato da un gruppo di ricercatori del Weizmann Institute, in Israele, è stato generato con cellule staminali. Nonostante questo è quasi identico a  un embrione umano vero di 14 giorni, in grado addirittura di rilasciare ormoni da far risultare positivo un test di gravidanza in laboratorio. Non mancano i quesiti etici
«Colpi di calore, a rischio donne in gravidanza e menopausa». I consigli del ginecologo
«Donne in gravidanza e in menopausa attenzione ai colpi di calore in agguato». A mettere in guardia,  invitando a proteggersi in queste giornate roventi, è Claudio Giorlandino, ginecologo, direttore scientifico dell'Istituto di Ricerche Altamedica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...