Formazione 24 Marzo 2020 16:00

Coronavirus e gravidanza: il corso online di Futura Stem Cells prepara le mamme al parto

Tanti gli argomenti trattati e i consigli pre e post parto: «Dalla gravidanza al baby massage, passando per la disostruzione delle vie aeree fino all’allattamento e alla nutrizione» spiega la Responsabile scientifica Pierangela Totta

Si è rubata parte della gioia che porta con sé una gravidanza, questo virus. Diventare mamma in questo periodo infatti non è semplice, tra difficoltà, incertezze e la paura di dover partorire in piena emergenza sanitaria.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS E GRAVIDANZA, I NEONATI POSSONO ESSERE CONTAGIATI DA UNA MADRE INFETTA?

Di recente, sia a Piacenza che a Massa, due donne positive al nuovo Coronavirus hanno partorito due bambini sani, negativi al tampone per la ricerca del Covid-19. Il Ministero della salute ha precisato che «non sono riportati dati scientifici sulla suscettibilità delle donne in gravidanza al virus né sugli effetti di Covid-19 durante la gravidanza» e, soprattutto «il SARS- CoV-2 non è stato rilevato nel liquido amniotico».

Ma se da questo punto di vista le future mamme possono stare tranquille, la dolce attesa “tra le mura domestiche” è comunque qualcosa di inaspettato e difficile da gestire. Il tempo non passa mai, le domande e i pensieri sono tanti e le rinunce pesano ancora di più. Le visite mediche sono garantite, le cliniche e gli ospedali sono aperti così come gli studi privati, ma molti corsi di preparazione al parto si sono ridotti o sono stati annullati.

LEGGI ANCHE: STAMINALI CORDONALI, LE NOVITÀ DELLA RICERCA. KURTZBERG: «RISULTATI INCORAGGIANTI SU BAMBINI CON PARALISI CELEBRALE»

Futura Stem Cells, con il progetto #iorestoacasa, ha lanciato un corso pre-parto online «per essere vicini a tutte le nuove famiglie che stanno nascendo e hanno bisogno di informazioni in un momento così importante della loro vita» ha spiegato a Sanità Informazione la dottoressa Pierangela Totta, Responsabile scientifica di Futura. «Il corso è rivolto a tutte le gestanti che in questo momento, per ovvie ragioni, non possono partecipare fisicamente ad un corso pre-parto» precisa la dottoressa Totta.

Il corso è completamente gratuito e può essere seguito da pc, tablet e smartphone. L’iscrizione è molto semplice: basta andare sul sito e compilare il form dedicato. «Le mamme saranno ricontattate e verrà spiegato loro come svolgere l’intero corso o, se preferiscono, i singoli moduli». È diviso, infatti, in sette video lezioni curate da esperti: si parlerà di ginnastica pre-parto, alimentazione in gravidanza, travaglio, ritorno a casa, emotività, allattamento, nutrizione, primo soccorso pediatrico e disostruzione. Si parte venerdì 27 marzo proprio con il Primo Soccorso Pediatrico.

In questo momento storico di emergenza, essere “seguite” a distanza è una grande possibilità e opportunità non solo per le future mamme ma anche per i futuri papà; d’altronde, «si diventa genitori in due – sottolinea la dottoressa Pierangela Totta -. In questo modo si può sostenere la mamma nel miglior modo possibile anche al momento del rientro a casa, durante i primi giorni di smarrimento, quando si passa da essere una coppia a essere una famiglia» conclude.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Rapporto CREA Sanità, Spandonaro: «Dopo il Covid passare dalla resilienza alla flessibilità»
Presentato il 16mo Rapporto Sanità da CREA e Tor Vergata: «Pronti per la prossima pandemia? É come comprare gli spazzaneve a Roma». E sul Recovery Plan: «Sembra un piano di rifinanziamento più che un nuovo modello di SSN»
di Tommaso Caldarelli
Internet ai tempi della pandemia, un europeo su due ha cercato informazioni sulla salute
È stato anche registrato un +52% rispetto al 2019 di persone tra 16 e 74 anni che hanno effettuato telefonate o video chiamate attraverso il web
Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer
Perché Pfizer sta consegnando meno vaccini del previsto? Che risvolti avrà questo ritardo sul piano vaccinale italiano? Conte: «Le notizie che arrivano sono preoccupanti». Ma il viceministro alla Salute Sileri è ottimista
Un terzo dosi vaccino a personale non sanitario. Sileri: «Se sono “imbucati” intervengano le autorità giudiziarie»
L’allarme è stato lanciato dal presidente Fnomceo Anelli: «Gli amministrativi hanno diritto ad essere vaccinati, ma se il programma vaccinale procede per valori di rischio, allora è inaccettabile che medici e operatori sanitari siano stati esclusi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...