Voci della Sanità 17 Novembre 2022 21:02

Pronto soccorso, Cittadini (Aiop): «Intervenire su carenze medicina d’urgenza»

«Mi auguro che il Governo investa in termini di risorse e progettualità in misura adeguata» sottolinea la presidente di Aiop Barbara Cittadini

«Le richieste avanzate dai medici specialisti dei Pronto soccorso e del 118 testimoniano le difficoltà che il settore della medicina di emergenza e urgenza sta attraversando, con una drammatica carenza di personale e turni di lavoro disumani. La disponibilità, al riguardo, mostrata dal ministro della Salute Schillaci è un segnale importante: la politica si apre, finalmente, a un confronto serio e concreto per risolvere i problemi dei cittadini e di chi lavora per sostenere un alto livello di qualità del nostro Servizio Sanitario Nazionale». Lo afferma Barbara Cittadini, presidente nazionale di Aiop, l’associazione italiana ospedalità privata, in merito alla protesta degli operatori sanitari dell’emergenza e del 118, che hanno risposto all’iniziativa promossa dalla Società italiana di Medicina d’Emergenza-Urgenza (Simeu) per chiedere interventi mirati sui Pronto soccorso italiani.

Aggiunge la Cittadini: «Negli ospedali e nei Pronto soccorso italiani la situazione è molto delicata, la carenza di personale medico e infermieristico allunga notevolmente i tempi di attesa e svilisce la qualità dell’assistenza prestata ai pazienti. La disponibilità dei posti letto è sempre più limitata e si fatica a garantire un’adeguata programmazione degli interventi, anche a causa delle poche ambulanze a disposizione delle strutture e della scarsa copertura territoriale del primo soccorso».

La presidente di Aiop condivide le proposte avanzate in merito dalla Fiaso, la Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere, che chiede retribuzioni più alte per chi lavora nei Pronto soccorso, reclutamento degli specializzandi, istituzione del medico unico di emergenza-urgenza. «Mi auguro – sottolinea Cittadini – che il Governo investa in termini di risorse e progettualità in misura adeguata. Occorre gestire, con grande senso di responsabilità, queste e altre criticità che interessano la sanità, come i costi elevati delle prestazioni, dei farmaci e dei dispositivi di protezione individuale, l’ammodernamento edilizio e tecnologico delle strutture, la digitalizzazione, la riduzione delle liste d’attesa, le cure per i malati non Covid, le esternalizzazioni dei servizi. L’Aiop, che rappresenta la componente di diritto privato del SSN, è pronta a sostenere questo percorso di rinnovamento. Mettiamo a disposizione la nostra professionalità, le nostre strutture, il nostro know-how, le attrezzature, per contribuire a garantire, insieme alla componente di diritto pubblico, un’offerta sanitaria di eccellenza» conclude Cittadini.

Articoli correlati
Salute, Nicchio (Aiop Giovani): «Formazione essenziale per maggiore cultura sanitaria»
«Aiop Giovani, attraverso una capillare attività di formazione professionale, sin dalla sua nascita, ormai venti anni fa, cerca di far emergere i futuri imprenditori della sanità in un’ottica di sviluppo in settori strategici come l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione. È un impegno comune, che ci coinvolge con grande passione e senso di responsabilità, soprattutto in […]
Il rapporto sulla qualità degli outcome clinici di Agenas e Aiop, prevale l’eterogeneità
L’area gravidanza e parto è la sola nella quale sono le strutture di diritto pubblico ad ottenere una valutazione migliore
Sanità, Cittadini (Aiop): «SSN pilastro fondamentale, Governo lo tuteli»
Secondo la presidente Aiop Cittadini «oltre ai problemi strutturali che affliggono il sistema da anni, la pandemia, la guerra russo-ucraina e la crisi energetica stanno mettendo in grande difficoltà il SSN e più volte abbiamo evidenziato il pericolo che si debba ricorrere al blocco delle prestazioni sanitarie a causa del caro bollette e di una crisi che investe a catena l’intero indotto del settore»
Nadef, Cittadini (Aiop): «Anche la Corte dei Conti ritiene insufficiente la spesa sanitaria»
«Senza ulteriori finanziamenti sarà impossibile recuperare le liste d’attesa accumulate in questi anni e aumenteranno, inevitabilmente, quei fenomeni come la mobilità passiva», spiega la presidente Aiop Barbara CIttadini
Sanità, Cittadini (Aiop): «Governo agisca subito su caro bollette»
«Negli ultimi due anni i costi dell’energia elettrica delle strutture sanitarie e socio-sanitarie sono aumentati di circa 3 volte e quelli del gas di 4,7 volte. Un trend insostenibile» sottolinea Barbara Cittadini, presidente Aiop
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa