Mondo 7 Agosto 2019

Ogni anno in Giappone 100mila persone decidono di sparire. Sono gli “evaporati”

Cuzzocrea (psicologa e psicoterapeuta): «Si tratta di individui che, a causa di una profonda vergogna, scaturita da un fallimento lavorativo o personale, decidono di cambiare identità. In Italia, almeno per il momento, non ci sono studi sul fenomeno, solo i dati dell’agenzia del ministero dell’Interno che censisce le persone scomparse, compresi gli allontanamenti volontari»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Ad un certo punto della loro vita scelgono di sprofondare nell’anonimato, tagliando i ponti con qualsiasi cosa o con chiunque appartenga al passato. «Si chiamano johatsu, “gli evaporati” – spiega Vera Cuzzocrea, psicologa e psicoterapeuta, componente del gruppo di lavoro di Psicologia Forense dell’Ordine degli Psicologi del Lazio – e secondo le notizie a nostra disposizione, che arrivano da fonti informali come libri, riviste o storie di vita, si tratta soprattutto di persone adulte, sia uomini che donne, in casi più rari di intere famiglie. Tutti individui che decidono volontariamente di andar via per abbandonare un contesto di vita che sentono di non poter più gestire. Nella maggior parte dei casi – continua la psicoterapeuta – sembrerebbe a causa di una profonda vergogna, scaturita da un licenziamento o da un fallimento personale. In altre parole, di fronte ad una situazione che ritengono troppo grande da poter gestire preferiscono “evaporare”, sparire».

LEGGI ANCHE: PSICOLOGO DI FAMIGLIA, CONTE (ORDINE PSICOLOGI LAZIO): «SERVE CABINA DI REGIA CHE STABILISCA PROCEDURE E FORMAZIONE»

I primi ad indagare su questo fenomeno, girando il Giappone sin dal 2008, sono stati due francesi, una scrittrice ed un fotografo, Léna Mauger e Stéphane Remael, autori del libro “The Vanished: The “Evaporated People” of Japan in Stories and Photographs” (Gli evaporati del Giappone attraverso storie e fotografie).

Da quegli anni la tendenza è diventata sempre più consolidata: «Si stima che in Giappone gli evaporati siano 100mila ogni anno – aggiunge Cuzzocrea -. Persone che riescono a cancellare ogni traccia di sé attraverso un’organizzazione che agevola il loro trasferimento. Pare, infatti, che all’interno della metropoli di Tokyo ci sia un intero quartiere popolato dagli evaporati».

In Italia, almeno per il momento, non ci sono degli studi scientifici che mostrino la nascita di un fenomeno uguale o simile. «Un’agenzia del ministero dell’Interno – continua l’esperta – ha il compito di censire le persone scomparse e, tra queste, ci sono anche coloro che si allontanano volontariamente, compresi i minori che scappano da casa o dagli istituti».

Chi vuole sparire, in Italia, deve puntare sul mondo virtuale, più che su quello reale, attraverso soprattutto il cosiddetto “Ghosting”: «Per tagliare i ponti con una persona – spiega la specialista – c’è chi sceglie di interrompere tutte le comunicazioni, soprattutto attraverso i social. La rete agevola la velocità di contatto e, nello stesso tempo, permette di eliminarlo con altrettanta rapidità. Un fenomeno che, come quello degli evaporati, fa emergere importanti vulnerabilità sul piano psicologico, sia in termini di abilità relazioni e sociali che, più in generale, nella gestione delle emozioni».

Ma è possibile che, come accaduto per altre tendenze sviluppatesi in Estremo Oriente, questa possa prendere piede anche in Italia? «Nel nostro Paese la privacy è meno tutelata che in Giappone – dice Cuzzocrea -, di conseguenza sarebbe molto più difficile gestire una totale scomparsa amministrativa, abitativa o un cambiamento di status di una persona. Poi, vanno anche considerate le aspettative sociali alle quali è demandato un individuo. Il Giappone è, anche nell’immaginario collettivo, il Paese del rigore per eccellenza, dello stacanovismo, dell’onore. I giapponesi sono, di conseguenza, molto più sottopressione e quindi danno un’importanza superiore alla performance lavorativa, al successo, alla quantità di ore dedicate alla propria attività professionale. In Italia, questi aspetti culturali non così forti o preponderanti, almeno – conclude  – non al punto tale da spingere una persona a sparire o da considerare questo un fenomeno di interesse collettivo».

LEGGI ANCHE: HIKIKOMORI, LA STORIA DI FRED: «IL MIO RITIRO SOCIALE È COMINCIATO A 12 ANNI. QUANDO MI SENTIVO MORTO, L’ISOLAMENTO MI FACEVA RINASCERE»

Articoli correlati
In Giappone il G20 dei ministri della Sanità. Speranza: «Difendere universalità SSN. Prioritaria attenzione alle demenze»
«La tutela della salute dell’individuo, con la previsione di una copertura sanitaria universale – senza lasciare nessuno indietro – trova fondamento nella Costituzione italiana che stabilisce che “la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività”. Il governo italiano difenderà il principio di universalità del nostro servizio nazionale e a tal […]
Giappone, Abe vara l’aumento dell’IVA per pagare pensioni e sanità
L’invecchiamento della popolazione ha fatto aumentare i costi della previdenza sociale, per questo l’imposta sul valore aggiunto aumenterà dall’8 al 10%. Per l’erario 5,7 miliardi di Yen in più di gettito
Giovani e dipendenze, il “digital detox” è la cura? Martinelli (psichiatra): «Una possibilità per non essere schiavi del web»
«Sperimentare il fatto che si può stare bene anche senza internet è positivo. Guidiamo i giovani ad un uso sano del web: se disinveste dalla realtà è preoccupante. I genitori devono imparare la “lingua” dei propri figli». L’intervista a David Martinelli
Ippoterapia, la psicologa: «Migliora capacità motorie e diminuisce ansia e depressione dei malati di Parkinson»
La psicologa Cinzia Correale: «La scelta dell’animale per la pet therapy dipenderà dalle sue caratteristiche comportamentali e dal suo temperamento. In Italia è consentito coinvolgere asini, cavalli, cani, gatti e conigli»
di Isabella Faggiano
LA STORIA | «Ho perso la vista a venti anni e ho deciso di diventare psicologa. Ora la mia forza è al servizio degli altri»
Katia Caravello: «Essere una psicologa con disabilità è un’arma a doppio taglio. È un valore aggiunto che ti consente di comprendere meglio l’altro, il suo vissuto e le sue sofferenze. Ma la disabilità altrui può riattivare nel terapeuta ferite ancora aperte»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...