Mondo 7 Agosto 2019

Ogni anno in Giappone 100mila persone decidono di sparire. Sono gli “evaporati”

Cuzzocrea (psicologa e psicoterapeuta): «Si tratta di individui che, a causa di una profonda vergogna, scaturita da un fallimento lavorativo o personale, decidono di cambiare identità. In Italia, almeno per il momento, non ci sono studi sul fenomeno, solo i dati dell’agenzia del ministero dell’Interno che censisce le persone scomparse, compresi gli allontanamenti volontari»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Ad un certo punto della loro vita scelgono di sprofondare nell’anonimato, tagliando i ponti con qualsiasi cosa o con chiunque appartenga al passato. «Si chiamano johatsu, “gli evaporati” – spiega Vera Cuzzocrea, psicologa e psicoterapeuta, componente del gruppo di lavoro di Psicologia Forense dell’Ordine degli Psicologi del Lazio – e secondo le notizie a nostra disposizione, che arrivano da fonti informali come libri, riviste o storie di vita, si tratta soprattutto di persone adulte, sia uomini che donne, in casi più rari di intere famiglie. Tutti individui che decidono volontariamente di andar via per abbandonare un contesto di vita che sentono di non poter più gestire. Nella maggior parte dei casi – continua la psicoterapeuta – sembrerebbe a causa di una profonda vergogna, scaturita da un licenziamento o da un fallimento personale. In altre parole, di fronte ad una situazione che ritengono troppo grande da poter gestire preferiscono “evaporare”, sparire».

LEGGI ANCHE: PSICOLOGO DI FAMIGLIA, CONTE (ORDINE PSICOLOGI LAZIO): «SERVE CABINA DI REGIA CHE STABILISCA PROCEDURE E FORMAZIONE»

I primi ad indagare su questo fenomeno, girando il Giappone sin dal 2008, sono stati due francesi, una scrittrice ed un fotografo, Léna Mauger e Stéphane Remael, autori del libro “The Vanished: The “Evaporated People” of Japan in Stories and Photographs” (Gli evaporati del Giappone attraverso storie e fotografie).

Da quegli anni la tendenza è diventata sempre più consolidata: «Si stima che in Giappone gli evaporati siano 100mila ogni anno – aggiunge Cuzzocrea -. Persone che riescono a cancellare ogni traccia di sé attraverso un’organizzazione che agevola il loro trasferimento. Pare, infatti, che all’interno della metropoli di Tokyo ci sia un intero quartiere popolato dagli evaporati».

In Italia, almeno per il momento, non ci sono degli studi scientifici che mostrino la nascita di un fenomeno uguale o simile. «Un’agenzia del ministero dell’Interno – continua l’esperta – ha il compito di censire le persone scomparse e, tra queste, ci sono anche coloro che si allontanano volontariamente, compresi i minori che scappano da casa o dagli istituti».

Chi vuole sparire, in Italia, deve puntare sul mondo virtuale, più che su quello reale, attraverso soprattutto il cosiddetto “Ghosting”: «Per tagliare i ponti con una persona – spiega la specialista – c’è chi sceglie di interrompere tutte le comunicazioni, soprattutto attraverso i social. La rete agevola la velocità di contatto e, nello stesso tempo, permette di eliminarlo con altrettanta rapidità. Un fenomeno che, come quello degli evaporati, fa emergere importanti vulnerabilità sul piano psicologico, sia in termini di abilità relazioni e sociali che, più in generale, nella gestione delle emozioni».

Ma è possibile che, come accaduto per altre tendenze sviluppatesi in Estremo Oriente, questa possa prendere piede anche in Italia? «Nel nostro Paese la privacy è meno tutelata che in Giappone – dice Cuzzocrea -, di conseguenza sarebbe molto più difficile gestire una totale scomparsa amministrativa, abitativa o un cambiamento di status di una persona. Poi, vanno anche considerate le aspettative sociali alle quali è demandato un individuo. Il Giappone è, anche nell’immaginario collettivo, il Paese del rigore per eccellenza, dello stacanovismo, dell’onore. I giapponesi sono, di conseguenza, molto più sottopressione e quindi danno un’importanza superiore alla performance lavorativa, al successo, alla quantità di ore dedicate alla propria attività professionale. In Italia, questi aspetti culturali non così forti o preponderanti, almeno – conclude  – non al punto tale da spingere una persona a sparire o da considerare questo un fenomeno di interesse collettivo».

LEGGI ANCHE: HIKIKOMORI, LA STORIA DI FRED: «IL MIO RITIRO SOCIALE È COMINCIATO A 12 ANNI. QUANDO MI SENTIVO MORTO, L’ISOLAMENTO MI FACEVA RINASCERE»

Articoli correlati
Ippoterapia, la psicologa: «Migliora capacità motorie e diminuisce ansia e depressione dei malati di Parkinson»
La psicologa Cinzia Correale: «La scelta dell’animale per la pet therapy dipenderà dalle sue caratteristiche comportamentali e dal suo temperamento. In Italia è consentito coinvolgere asini, cavalli, cani, gatti e conigli»
di Isabella Faggiano
LA STORIA | «Ho perso la vista a venti anni e ho deciso di diventare psicologa. Ora la mia forza è al servizio degli altri»
Katia Caravello: «Essere una psicologa con disabilità è un’arma a doppio taglio. È un valore aggiunto che ti consente di comprendere meglio l’altro, il suo vissuto e le sue sofferenze. Ma la disabilità altrui può riattivare nel terapeuta ferite ancora aperte»
di Isabella Faggiano
Psicologo di Famiglia, Conte (Ordine Psicologi Lazio): «Serve cabina di regia che stabilisca procedure e formazione»
Dopo l'approvazione della legge, le regioni iniziano ad attrezzarsi. Il tesoriere dell'Ordine degli psicologi Federico Conte: «L’affiancamento dello psicologo al MMG agirebbe su più fronti, dal supporto nel processo diagnostico fino al trattamento. I modelli di intervento più avanzati nei Paesi più sviluppati prevedono da diversi anni la presa in carico del paziente su più livelli (approccio bio-psico-sociale)»
di Isabella Faggiano
Lungodegenza e dignità del fine vita, in Campania è emergenza posti letto e hospice
A Napoli e provincia un paziente terminale su tre trascorre i suoi ultimi giorni nei reparti per acuti. La proposta di Anaao: «Riconvertire strutture dismesse e incrementare ruolo infermiere di famiglia»
di Chiara Stella Scarano
In Giappone 2mila specializzandi e ricercatori lavorano in ospedale gratis
Oltre 2mila medici giapponesi, soprattutto specializzandi e ricercatori, lavorano senza stipendio, contratto e assicurazione. È quanto emerge dai risultati di un sondaggio condotto in 50 ospedali universitari. Numeri che potrebbero crescere ulteriormente, considerato che all’appello mancano ancora i risultati del sondaggio di oltre 1300 medici. Gli esperti dicono che quella emersa è solo «la punta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone