Mondo 2 Luglio 2020 08:32

CMSS, la Commissione Europea crea il suo sistema di supporto alla gestione clinica del Covid-19

Lo scopo del Clinical Management Support System è quello di agevolare la condivisione di competenze e informazioni su diagnosi e trattamento dei casi

CMSS Covid-19. Si chiama così il sistema di supporto alla gestione clinica del Coronavirus creato dalla Commissione Europea nell’ambito delle azioni di contenimento della pandemia.

Il Clinical Management Support System è nato per supportare i medici e gli operatori sanitari che si occupano della cura dei pazienti con infezione da Covid-19, e ha come scopo quello di agevolare lo scambio e la condivisione di competenze e informazioni sulla diagnosi e il trattamento dei casi. Supporterà inoltre l’istruzione e la formazione sul Covid-19, organizzando webinar.

Basato sul sistema delle Reti Europee di Riferimento (ERN), il CMSS aiuta i medici a comunicare facilmente con altri colleghi in tutta l’UE, nel Regno Unito e nell’Europa dell’Est, al fine di scambiare conoscenze e discutere casi, in quanto l’esperienza clinica acquisita può rappresentare un contributo importante di cui potrebbero beneficiare centinaia di pazienti e operatori sanitari.

LEGGI ANCHE: «NON SAPEVO DI ESSERE MALATO DI COVID-19, MA ORA IL SENSO DI COLPA MI DISTRUGGE». STORIA DI UN ASINTOMATICO

Il CMSS Covid-19 è costituito da un database di medici che trattano la malattia (la rete di medici COVID-19) ed un helpdesk centrale gestito direttamente dalla DG SANTE.
Inoltre, un sistema di conferenze web, fornito gratuitamente dalla Commissione Europea, supporterà l’istruzione e la formazione sul Covid-19. Le sue funzionalità consentono la condivisione di schermi di computer (testo, raggi X, ecc …) e l’uso di dispositivi mobili per comunicare con un alto livello di sicurezza.

Per accedere al sistema di Web Conferencing, gli operatori sanitari coinvolti in complessi casi Covid-19 possono registrarsi alla pagina Web Conference support to the clinical management of COVID-19 patients.

Dopo aver completato la registrazione, si riceveranno le informazioni su come richiedere l’organizzazione di conferenze Web o webinar insieme a un database dei clinici partecipanti, inclusi i loro dati di affiliazione e di contatto (paese, ospedale, nome, indirizzo e-mail e numero di telefono).

Per quanto riguarda la protezione dei dati, le informazioni personali richieste ai medici e il loro utilizzo sono coperti dalla dichiarazione sulla privacy allegata in conformità con il GDPR. È inoltre allegata una scheda informativa che descrive il sistema.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Terza dose vaccino anti Covid, AIFA pubblica elenco dei farmaci immunosoppressivi
L’Agenzia Italiana del Farmaco ha pubblicato l’elenco dei principali farmaci immunosoppressivi da considerare per selezionare chi ha bisogno di effettuare la dose addizionale di vaccino anti Covid-19
Vaccino anti-Covid fascia 5-11 anni, Pfizer: «Forte risposta immunitaria»
I dati sulla fascia di età 5-11 anni con dose di vaccino inferiore rispetto agli adulti mostra un'immunità molto alta. Secondo Pfizer si potrebbe iniziare con le somministrazioni dall'inizio della stagione invernale
Sicurezza delle cure, dal rischio clinico alle assicurazioni: a che punto siamo? Intervista all’Avv. Hazan
Il punto in occasione della "Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita”
Covid, Gimbe: «Tutti i numeri in calo, in ospedale quasi esclusivamente non vaccinati»
Nuovo Report di Fondazione Gimbe: scendono nuovi casi (-14,7%), ricoveri ordinari (-3,3%) e terapie intensive (-1,6%). Ancora oltre 3 milioni di over 50 senza alcuna copertura anti-Covid
No Green pass in Uk, Andreoni (Tor Vergata): «Scelta rischiosa». Le novità su test salivari e vaccinazioni
Massimo Andreoni, direttore del reparto Malattie Infettive all’Università Tor Vergata di Roma, spiega a Sanità Informazione come sta evolvendo la lotta al Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco