Lavoro 12 Luglio 2019

Visita all’ospedale Cannizzaro di Catania. Il DG: «Grazie a nostre professionalità, meno siciliani si curano al Nord»

Il direttore generale dell’AO Cannizzaro Salvatore Giuffrida: «A breve saranno pronti i nuovi locali del Pronto soccorso. Le liste d’attesa si combattono anche dialogando con i medici di famiglia»

L’ospedale Cannizzaro sorge in cima ad una collina che sovrasta la città di Catania. Impossibile non notare il monoblocco in cui si concentra la maggior parte dei servizi. Inaugurato nel settembre 1989, tra poche settimane compirà 30 anni. Oggi, è un’azienda di riferimento di secondo livello per l’emergenza. Vanta uno dei pochi centri grandi ustioni presenti in Sicilia e l’unica unità operativa di malattie infettive del Sud Italia che dispone di 11 posti letto di alto isolamento e l’antimicrobial stewardship per la prevenzione ed il trattamento di patologie causate da germi multi-resistenti. Vi si insistono inoltre un’unità operativa di medicina nucleare in cui vengono prodotti 5 radiofarmaci offerti ad un vasto bacino della Regione e un’unità operativa di radioterapia. «Per questo negli ultimi anni abbiamo orientato la nostra scelta esistenziale anche in ambito oncologico». È Salvatore Giuffrida, il direttore generale dell’azienda ospedaliera, a parlarci del Cannizzaro.

LEGGI ANCHE: #DESTINAZIONESANITÀ IN SICILIA. TRA IMMOBILISMO E MOBILITA’, STABILIZZAZIONI E PRECARIETÀ, ECCELLENZA E STANCHEZZA

Direttore, anche quest’ospedale soffre della carenza di personale?

«Sì, la condivisa e cronica carenza di personale riguarda anche questa azienda. C‘è stato il blocco del turnover ed è stata proprio l’attrattività che il Cannizzaro rappresenta per molte figure professionali ad averci permesso di superare momenti critici. Da qualche mese abbiamo tuttavia avviato i percorsi di mobilità attiva, con cui abbiamo riportato in questa azienda molti professionisti che avevano trovato la possibilità di avviare il proprio percorso lavorativo in altre Regioni. Stiamo avviando anche i nuovi concorsi per medici, professionisti sanitari e operatori addetti all’assistenza, e seguendo queste due strade le piante organiche stanno via via andando a coprirsi».

Parlava di mobilità attiva. Qual è invece lo stato della mobilità passiva? Sappiamo che molti siciliani decidono di farsi curare in altre Regioni…

«Alcune professionalità eccellenti e riconosciute a livello internazionale che lavorano al Cannizzaro hanno in realtà consentito l’inversione della mobilità passiva. I pazienti, quindi, non vanno più al Nord ma restano all’interno della nostra Regione e, anzi, l’ospedale è diventato attrattivo per molte discipline».

E le liste d’attesa?

«Essendo il Cannizzaro un ospedale di riferimento per l’emergenza, stiamo ovviamente affrontando il problema dei tempi di attesa in Pronto soccorso. Un problema complesso da risolvere, perché legato anche all’afflusso del paziente e alla selezione che viene fatta dai medici di famiglia. Fortunatamente c’è sempre stata un’interlocuzione favorevole con il territorio e la possibilità di scambi continui tra medici del Pronto soccorso, specialisti dei nostri ambulatori e medici di famiglia sulle condizioni cliniche del paziente e, quindi, la possibilità di intervenire sulla richiesta di accettazione al Pronto soccorso. Inoltre abbiamo definito un ampliamento degli spazi del nostro Pronto soccorso ed una diversa allocazione del Pronto soccorso pediatrico con aree distinte per il triage.

Quali sono quindi i prossimi progetti su cui lavorerete e quali le vostre necessità? Di cosa avreste bisogno?

«C’è ancora molto da fare e ogni mattina ci rimbocchiamo le maniche, ma non abbiamo bisogno di altro. Sicuramente non della volontà né della forza. Come punto di forza abbiamo già l’attenzione delle istituzioni. È vero che le risorse non sono mai sufficienti in sanità che, come si dice, non ha prezzo ma ha un costo; noi cerchiamo solo di mantenere il costo sostenibile per un servizio sanitario che chiede sempre di più».

Articoli correlati
Lazio, Senior Italia FederAnziani: «Ecco le soluzioni per ridurre le liste d’attesa»
Telemonitoraggio, aumento ore specialisti, informatizzazione. Le proposte lanciate da Senior Italia FederAnziani che ha messo a confronto società scientifiche e organizzazioni sindacali di medici con la Regione Lazio
Clean room per snellire le liste d’attesa. Nicolò (oculista): «“Stanze pulite” e non sale operatorie per interventi a bassa complessità»
Il presidente di Macula: «La pandemia ha determinato un calo delle prestazioni per la cura delle maculopatie che va dal 40% all’80%. Interrompere le terapie potrebbe significare peggiorare il proprio stato di salute in modo irreversibile»
di Isabella Faggiano
Piemonte, Senior Italia FederAnziani: «Urgente riattivare ambulatori per attività specialistica e screening»
La richiesta lanciata dal Board di Senior Italia FederAnziani di supportare il servizio sanitario con intermediazione sul territorio, per una popolazione che può avere difficoltà di comprensione dei meccanismi organizzativi o dei percorsi di diagnosi e cura. Il confronto con il Presidente della Commissione Sanità Alessandro Stecco
«Nei 4 mesi di Covid bruciati tutti i risparmi prodotti dai tagli dissennati in sanità. Ora investire e assumere»
L’intervista a Benedetto Magliozzi, segretario Cisl Medici Roma Capitale/Rieti
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Coronavirus e liste d’attesa, al San Paolo di Milano una ‘week surgery Covid free’ per recuperare gli interventi rimandati
Il direttore del reparto Maurizio Verga: «Cerchiamo di recuperare lo stop di tre mesi con un modello di intensità di cure che permette, attraverso la week surgery, di organizzare il lavoro e liberare risorse per interventi più impegnativi»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 9 luglio, sono 12.051.561 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 549.735 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 9 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)