Lavoro 2 Agosto 2021 16:47

Scienziati, Ame crea ponte con cervelli italiani all’estero

Nel progetto G-AME, due chiacchiere in giro per il mondo Francesco Celi, endocrinologo e vincitore di un Grant di Telethon in Italia: «La telemedicina una grande opportunità post COVID, ma non per tutti»

Vincitore di un Grant Telethon in Italia per una scoperta sulla mutazione desiodasi di tipo 2 all’Università La Sapienza di Roma, Francesco Celi nel 2000 si trasferisce negli Stati Uniti e attualmente è a capo della Divisione Endocrinology, Diabetes & Metabolism, Virginia Commonwealth University, Richmond.

Il progetto “G•AME, due chiacchiere in giro per il mondo”

«Dal punto di vista scientifico in Italia ho avuto un’esperienza molto stimolante. Professionalmente l’ambiente accademico romano non faceva per me e ho deciso di andare via». Sono le parole del Prof. Francesco Celi affermato endocrinologo che si racconta nell’ambito del progetto dell’Associazione Medici Endocrinologi (AME) “G-AME, due chiacchiere in giro per il mondo”. Un’iniziativa AME che mette in contatto ricercatori italiani all’estero.  «Per rafforzare i rapporti di AME con il mondo della ricerca all’estero, – dichiara l’endocrinologa Benedetta Zampetti, responsabile del progetto – abbiamo organizzato degli incontri periodici con ricercatori italiani che lavorano o hanno lavorato al di fuori dei nostri confini e che ci possano raccontare la loro esperienza dal punto di vista scientifico e professionale».

Dopo la specializzazione in geriatria (con interesse endocrinologico) in Italia, Celi ha avuto la possibilità di fare uno stage negli Stati Uniti al National Intitute of Aging e alla johns Hopkins University a Baltimora. Era stato inviato dal gruppo di lavoro italiano per imparare tecniche di biologia molecolare. Celi quindi riesce ad inserirsi nel mondo delle università americane e si specializza in medicina Interna. Ma il ritorno in Italia lo attirava e partecipa ad un concorso per ricercatore presso la cattedra di endocrinologia all’università La Sapienza. Celi vince quel concorso, torna in Italia. Ma non durerà per molto. Nel 2000 fa nuovamente valigie, questa volta per sempre.  La sua storia professionale e personale è solo una delle tante raccontate nell’ambito del progetto “G•AME, due chiacchiere in giro per il mondo”.

Telemedicina al 50% negli USA, ma i farmaci non sono per tutti

Per un side effect del Covid, attualmente all’Ospedale di Richmond coordinato da Celi, il 50% delle prestazioni ambulatoriali in endocrinologia sono in Telemedicina. «Prima del Covid stavamo attrezzandoci nella telemedicina, ora le teleprestazioni sono al 50% e con molta probabilità un terzo delle visite sarà virtuale anche post Covid, anche per facilitare i consulti in ospedali rurali che distano parecchi km dal centro. In endocrinologia ci sono delle enormi possibilità per la telemedicina, – commenta Celi – ma dobbiamo essere realistici su cosa è possibile e cosa non si può fare. Dobbiamo caratterizzare il tipo di paziente con i ‘social determinats’, cioè un paziente anziano tecnologicamente poco capace è da scartare, ma anche considerare che esiste tanta povertà e c’è chi non ha una buona connessione Wi-fi».

La parte più frustrante da medico e da uomo è il tema delle assicurazioni in USA, una roulette russa, secondo Celi. A seconda delle polizze, spiega l’esperto, ci sono dei farmacy benefits con medicine in formulario e altre che non lo sono. Le assicurazioni fanno dei contratti con alcune case farmaceutiche invece che con altre e quindi non è inusuale che il paziente si trovi all’improvviso con un prezzo di un farmaco prescritto dal costo esorbitante. Alcuni hanno difficoltà di accesso completo alle cure. «Parte della nostra pratica, racconta Celi è trovare per alcuni pazienti cura del diabete in economia».

“G•AME, due chiacchiere in giro per il mondo” è un progetto stimolante che apre le porte dei giovani medici a prospettive nuove e a nuove soluzioni, anche in Italia. Oltre a Francesco Celi MD, MHSc. Department of Internal Medicine, Division of Endocrinology, Diabetes & Metabolism, Virginia Commonwealth University, AME Giovani ha incontrato i seguenti professionisti all’estero:  Barbara Altieri, MD, PhD Division of Endocrinology and Diabetes, Department of Internal Medicine I, University Hospital, University of Würzburg, in Germania; Adriana Albani, MD, PhD Department of Endocrinology, Medizinische Klinik und Poliklinik IV, LMU Klinikum, Ludwig Maximilian University, a Monaco in Germania e Alessandro Prete MBBS , MD Institute of Metabolism and Systems Research, University of Birmingham, in Gran Bretagna.

Questo il calendario dei prossimi appuntamenti:

– Lunedì 6 settembre ore 19:00: Andrea Attard, MD Chirurgie générale et viscerale, Centre Hospitalier d’Aubagne, Marseille, France

– Lunedì 4 ottobre ore 19.00: Paola Salaris, MD Mater Olbia Hospital, Olbia, Italia

– Lunedì 6 dicembre ore 19:00: Mattia Barbot, MD Dipartimento di Medicina-Endocrinologia, Azienda Ospedaliera Universitaria di Padova, Italia

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Endocrinopatie, Grimaldi (AME): «Chi ne soffre rischia di contrarre forme più severe di Covid-19»
Il presidente dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Nessuna controindicazione ai vaccini, solo rare segnalazioni di tiroiditi subacute. Nel post-Covid non sono stati rilevati peggioramenti delle endocrinopatie pregresse»
Aumentano i pazienti, diminuiscono posti letto e specialisti. Il paradosso dell’endocrinologia italiana
L’allarme dell’Associazione Medici Endocrinologi: «In 10 anni dimezzati posti letto e specialisti». AME e SDA Bocconi presentano “Il Posizionamento Strategico ed Organizzativo dell’Assistenza Endocrinologica: Stato dell’arte e proposte di sviluppo”, un’analisi dell’offerta assistenziale endocrinologica attuale e le strategie da mettere in campo per rispondere in maniera adeguata alla domanda di cura dei malati, evitando liste di attesa e migliorando l’assistenza
Amenorrea e calo della libido, ecco i campanelli d’allarme dell’iperprolattinemia secondo AME
Renato Cozzi, presidente eletto AME: «La pandemia ha reso più difficile l’accesso agli ambulatori di endocrinologia e questo può avere ritardato anche le diagnosi»
In arrivo nuova terapia contro l’obesità, da AME appello a non trascurare stili di vita
Durante il Congresso dell'Associazione Medici Endocrinologi si è parlato dell'approvazione del farmaco semaglutide per la gestione del peso e di tutte le altre strategie per contrastare l'obesità
Covid, AME: «Migliaia di visite saltate, recuperare i controlli dei pazienti con ipotiroidismo»
Gli specialisti lanciano un appello ai pazienti: «Non trascurate la patologia, riprendere presto visite ed esami di routine»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 gennaio, sono 367.129.786 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.639.976 i decessi. Ad oggi, oltre 9,90 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre