Salute 21 Luglio 2022 11:53

Colesterolo, gli esperti AME: «Meno fai da te anche con integratori e prodotti naturali»

Nuova direttiva ministeriale sui prodotti a base di monacolina. De Geronimo: «La facile reperibilità senza prescrizione medica e spesso anche nei supermercati degli integratori a base di questa sostanza hanno favorito un uso improprio e sovradosaggi da cure fai-da-te»

Colesterolo, gli esperti AME: «Meno fai da te anche con integratori e prodotti naturali»

Per combattere il colesterolo, anche gli integratori a base di sostanze naturali vanno assunti con prudenza in quanto possono avere effetti collaterali. Lo ribadisce una circolare del Ministero della Salute, con la quale vengono messi fuori commercio tutti i supplementi alimentari contenenti dosi di monacolina uguali o superiori a 3 milligrammi per dose.

«Sebbene gli effetti avversi associati alla monacolina non differiscano da quelli associati ad altre statine, la facile reperibilità senza prescrizione medica e spesso anche nei supermercati degli integratori a base di questa sostanza hanno favorito un uso improprio e sovradosaggi da cure fai-da-te, tanto da portare l’Unione Europea, e di conseguenza l’Italia, a decidere di limitarne il dosaggio nei prodotti», spiega Vincenzo De Geronimo, Coordinatore Commissione Farmaci dell’Associazione Medici Endocrinologi (AME).

Naturale non è sempre sinonimo di buono

La monacolina K è ottenuta dal riso rosso ed è nota come la ‘statina naturale’. Il processo naturale di fermentazione del comune riso rosso da cucina dietro la produzione di questa molecola la ha fatta apparire a lungo tempo come innocua. Ma è importante ricordare che l’origine non è sinonimo di mancanza di effetti potenzialmente dannosi. Un prodotto naturale può essere allo stesso modo tossico e dannoso di uno farmaco chimico ed è piuttosto la sua quantità a essere indice di eventuali criticità.

Stop alle cure fai-da-te.

«Prodotti che non necessitano di prescrizione medica, come gli integratori, o di origine naturale sono troppo spesso sottovalutati e protagonisti di cure fai-da-te che possono nascondere pericoli per la salute», aggiunge l’esperto. Per questo, per la cura del colesterolo, così come per altre patologie, AME ribadisce l’importanza di monitorare oltre agli effetti, anche la purezza delle sostanze che introduciamo nel nostro organismo e le modalità di eliminazione delle stesse.

La decisione del Ministero della Salute

La nuova direttiva ministeriale, accogliendo quanto riportato nel regolamento comunitario 2022/860 del 1/6/2022 sugli effetti collaterali riscontrati negli studi oggetto della rivalutazione di sicurezza ed efficacia della monacolina, si configura allora come una misura necessaria per contrastare questo utilizzo. In linea con quanto stabilito dal regolamento comunitario, la direttiva inserisce inoltre la revisione delle etichette che devono ora specificare la quantità di monacoline di ogni singola dose, raccomandare di non superare il quantitativo di 3 mg al giorno, e riportare altre avvertenze per un corretto e sicuro consumo del prodotto.

Niente panico per chi ha assunto la monacolina fino ad oggi

«La circolare ministeriale, sebbene vieti fin da subito la vendita dei prodotti con dosi di monacolina superiori a quelli indicati senza possibilità per le farmacie di finire le scorte, non è il risultato di un ritiro immediato legato ad un evento avverso ma segna piuttosto uno spartiacque dopo anni di studi e revisioni che vuole porre un freno a un uso scorretto e ridurre i rischi legati a questo», sottolinea ancora De Geronimo esortando a non creare allarmismo ma aumentare l’informazione sui supplementi alimentari in crescente uso. «Quindi – continua l’endocrinologo – coloro che ne stavano già facendo uso e non hanno avuto alcun effetto avverso possono eventualmente e in serenità finire la loro scatola, ma ovviamente a tutti è consigliato di rivolgersi al proprio medico o allo specialista con il quale si è avviato il trattamento per la gestione del colesterolo alto, che ricordiamo essere tra i principali fattori di rischio per le patologie cardiovascolari».

Serve cautela

No all’autogestione delle cure, dunque, anche se si tratta di integratori e prodotti naturali. «Qualunque intervento sulla salute deve essere guidato dagli esperti. Ogni sostanza, anche quelle naturali possono essere tossiche, cancerogene e dannose. Spesso tutto risiede nelle quantità», conclude il medico.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Carenza di Vitamina D e altri nutrienti, gli esperti AME: «Attenzione a non imbottirsi di integratori»
Carenza di Vitamina D e altri nutrienti. Gli esperti AME avvertono: «Attenzione a non imbottirsi di integratori»
di Fabiola Zaccardelli
Noduli alla tiroide, AME: «La diagnosi provoca ansia e preoccupazione, fondamentale corretta informazione»
Settimana della Tiroide, parte il progetto “Tiroide e salute: io mi informo bene”. Le nuove Linee Guida redatte da AME in collaborazione con tutte le principali Società Scientifiche italiane
Endocrinologi a congresso, tutte le novità più recenti della ricerca clinica e di base
Franco Grimaldi, presidente dell'Associazione Medici Endocrinologi (AME-ETS): "Il Congresso Europeo di Endocrinologia, che si terrà da sabato 21 maggio a Milano, sarà un'occasione importante di confronto tra gli endocrinologi italiani ed europei"
Obesità in Europa al 59% negli adulti. Chianelli (AME): «Non è una questione di volontà, è una malattia e va curata»
Secondo l’ultimo Rapporto europeo sull'obesità regionale dell'OMS 2022 l'obesità ha raggiunto "proporzioni epidemiche" in Europa. L'organizzazione mondiale della sanità, dopo la presentazione del suo ultimo report mostra che la malattia sta causando 200.000 casi di cancro e 1,2 milioni di decessi all'anno
di Stefano Piazza
Doping: più educazione agli atleti e formazione per i medici, l’appello di AME
Al via il corso Consulcesi Club su sostanze illegali nello sport amatoriale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale