Salute 5 Febbraio 2018

Alfano e Fedeli: «No alla ‘fuga’, sì alla circolazione dei ricercatori italiani all’estero». Il 15 aprile Giornata Mondiale della Ricerca

L’annuncio del MIUR durante la due giorni di confronto alla Farnesina fra gli Addetti Scientifici

Immagine articolo

Innovazione che parla italiano. La rete degli addetti scientifici italiani all’estero, insediati in ben 22 Paesi diversi, è sempre più capillare e «rappresenta uno dei fiori all’occhiello del nostro Paese agli occhi del mondo intero». È quanto ha dichiarato il Ministro degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, all’apertura della due giorni ‘Salute 4.0’, in corso oggi e domani alla Farnesina, che vede la partecipazione di esponenti di spicco della ricerca, dell’accademia, delle startup, delle industrie innovative, delle associazioni di categoria e dei distretti dell’innovazione.

«Scienza e politica hanno in comune la necessità di fare delle scelte, e non c’è missione che la diplomazia internazionale che non debba passare dalla scienza, come per la lotta al riscaldamento globale. Noi abbiamo fatto della ricerca scientifica italiana all’estero una missione. La diplomazia scientifica, che amplieremo, si affianca a quella politica e culturale con la stessa dignità» ha spiegato il Ministro, aggiungendo che l’incontro rappresenta «un momento fondamentale per gli addetti promotori della diplomazia scientifica all’estero per fare il punto sulla cooperazione internazionale in chiave scientifica e di ricerca. Il progresso nella ricerca e gli sviluppi in tema d’innovazione scientifica sono fondamentali per alimentare la competitività e la crescita del nostro Paese».

«Il peso della ricerca italiana è divenuto maggiore negli ultimi anni: è per questo che è importante dare enfasi al lavoro diplomatico degli addetti scientifici per mantenere salda una rete le cui ramificazioni arrivano in ogni Paese del mondo» ha spiegato la Ministra della Ricerca e dell’Istruzione, Valeria Fedeli, che ha messo l’accento su quanto sia importante un buon lavoro diplomatico-consolare per la promozione dell’innovazione. «Lavoriamo su ciò che unisce e non su ciò che divide».

«Dobbiamo distinguere tra fuga e circolazione dei cervelli. È auspicabile che i ricercatori possano fare esperienza all’estero. Non dovremmo preoccuparci dell’esodo – ha precisato la Ministra – ma di essere in grado di assicurare condizioni competitive a chi rientra».

A proposito di giovani menti la Ministra ha annunciato che il MIUR da quest’anno istituirà la Giornata Mondiale della Ricerca che si svolgerà il 15 aprile (giorno della nascita di Leonardo Da Vinci) «occasione -q ha spiegato – in cui l’Italia sarà la culla di eventi e incontri dove si illustreranno le migliori ricerche e scoperte dei ricercatori italiani». Nel corso della mattinata inoltre i ministri hanno premiato due giovani eccellenze italiane, operanti all’estero, distinte per scoperte all’avanguardia in medicina e nelle scienze.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Riapertura scuole: come sono coinvolti medici di famiglia e pediatri?
Cosa sappiamo finora sul ruolo di medici di medicina generale e pediatri di libera scelta nelle scuole durante l'emergenza Covid-19
Abilitazione alla professione medica, pubblicata la data in cui si svolgerà l’esame
Il ministro dell’Università Gaetano Manfredi ha firmato l’ordinanza che fissa la nuova data per la seconda sessione degli Esami di stato per l’abilitazione all’esercizio della professione di medico chirurgo. La prova si svolgerà martedì 7 aprile 2020. Il provvedimento è stato emanato in attuazione del DPCM dell’1 marzo 2020, contenente ulteriori disposizioni per il contenimento e la […]
Numero chiuso, parla il giurista Francesco Paolo Tronca: «Tutelare il merito, basta con i quiz a crocetta»
L’ex Consigliere di Stato e professore di Diritto Pubblico parla del meccanismo di ingresso nel mondo universitario all’indomani dell'ordinanza del supremo tribunale amministrativo che ha riammesso 250 studenti: «La politica dovrebbe intervenire per venire incontro alle crescenti domande di una società che chiede una sempre maggiore assistenza sanitaria»
Test Specializzazioni, speranze e paure dei giovani medici: «Molti di noi andranno via dall’Italia»
All’uscita dal test di ingresso alle Scuole di specializzazioni mediche gli studenti commentano la prova appena affrontata. Tra chi vuole rimanere in Italia e chi sogna una carriera all’estero, l’entusiasmo per il futuro non viene minato dall’assenza del numero definitivo di borse finanziate
Carenza medici, Coletto (Sott. Salute): «Siamo i più lenti a inserire specializzandi, adeguarsi all’Europa. Intervenire anche sul numero chiuso»
Il Sottosegretario alla Salute commenta il problema della carenza di specialisti che sta assumendo dimensioni sempre più importanti: «C’è stata una miopia programmatoria, soprattutto da parte di governi che si sono succeduti da qualche anno a questa parte, con Dl Calabria prima risposta»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...