Salute 5 Febbraio 2018

Alfano e Fedeli: «No alla ‘fuga’, sì alla circolazione dei ricercatori italiani all’estero». Il 15 aprile Giornata Mondiale della Ricerca

L’annuncio del MIUR durante la due giorni di confronto alla Farnesina fra gli Addetti Scientifici

Immagine articolo

Innovazione che parla italiano. La rete degli addetti scientifici italiani all’estero, insediati in ben 22 Paesi diversi, è sempre più capillare e «rappresenta uno dei fiori all’occhiello del nostro Paese agli occhi del mondo intero». È quanto ha dichiarato il Ministro degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, all’apertura della due giorni ‘Salute 4.0’, in corso oggi e domani alla Farnesina, che vede la partecipazione di esponenti di spicco della ricerca, dell’accademia, delle startup, delle industrie innovative, delle associazioni di categoria e dei distretti dell’innovazione.

«Scienza e politica hanno in comune la necessità di fare delle scelte, e non c’è missione che la diplomazia internazionale che non debba passare dalla scienza, come per la lotta al riscaldamento globale. Noi abbiamo fatto della ricerca scientifica italiana all’estero una missione. La diplomazia scientifica, che amplieremo, si affianca a quella politica e culturale con la stessa dignità» ha spiegato il Ministro, aggiungendo che l’incontro rappresenta «un momento fondamentale per gli addetti promotori della diplomazia scientifica all’estero per fare il punto sulla cooperazione internazionale in chiave scientifica e di ricerca. Il progresso nella ricerca e gli sviluppi in tema d’innovazione scientifica sono fondamentali per alimentare la competitività e la crescita del nostro Paese».

«Il peso della ricerca italiana è divenuto maggiore negli ultimi anni: è per questo che è importante dare enfasi al lavoro diplomatico degli addetti scientifici per mantenere salda una rete le cui ramificazioni arrivano in ogni Paese del mondo» ha spiegato la Ministra della Ricerca e dell’Istruzione, Valeria Fedeli, che ha messo l’accento su quanto sia importante un buon lavoro diplomatico-consolare per la promozione dell’innovazione. «Lavoriamo su ciò che unisce e non su ciò che divide».

«Dobbiamo distinguere tra fuga e circolazione dei cervelli. È auspicabile che i ricercatori possano fare esperienza all’estero. Non dovremmo preoccuparci dell’esodo – ha precisato la Ministra – ma di essere in grado di assicurare condizioni competitive a chi rientra».

A proposito di giovani menti la Ministra ha annunciato che il MIUR da quest’anno istituirà la Giornata Mondiale della Ricerca che si svolgerà il 15 aprile (giorno della nascita di Leonardo Da Vinci) «occasione -q ha spiegato – in cui l’Italia sarà la culla di eventi e incontri dove si illustreranno le migliori ricerche e scoperte dei ricercatori italiani». Nel corso della mattinata inoltre i ministri hanno premiato due giovani eccellenze italiane, operanti all’estero, distinte per scoperte all’avanguardia in medicina e nelle scienze.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
«Per i medici specialisti un contratto di formazione-lavoro». L’annuncio del ministro Giulia Grillo
«Aggiornare il Contratto di formazione specialistica» la nuova proposta del ministro Giulia Grillo che coinvolge anche il Miur. «In tanti Paesi europei è già così: per quale motivo i giovani medici italiani dovrebbero essere considerati eterni studenti?». La proposta è stata accolta positivamente dalla Federazione CIMO-FESMED, da Anaao Assomed e Anaao Giovani
Cambia il test di Medicina: 12 quesiti di cultura generale e 10 di logica. Bussetti (MIUR): «Puntiamo al 20% di posti in più»
«Intendiamo rivedere il sistema di accesso a Medicina ma serve tempo e impegno congiunto di MIUR, Atenei, Regioni e Ministero della Salute». Così il ministro Bussetti. Le iscrizioni alle prove potranno essere effettuate su www.universitaly.it dal 17 giugno fino al 9 luglio. Il Ministero metterà a disposizione dei candidati un test psico-attitudinale di orientamento e sosterrà finanziariamente i corsi di preparazione organizzati dalle Università
Borse di specializzazione, Tuzi (M5S): «MIUR renda pubblico il numero di quelle abbandonate e non assegnate»
«Queste borse si aggiungeranno alla dotazione annuale già prevista consentendo un aumento dei contratti di specializzazione» sottolinea il medico e deputato M5S
Numero chiuso, pubblicate le date dei test: si parte il 3 settembre con Medicina
Nelle prossime settimane verranno comunicati i contenuti delle prove ed il numero di posti disponibili. Ecco il calendario completo dei test
Specializzazione, la ricetta di Fioramonti (Viceministro Miur): «Più fondi per fermare ‘imbuto formativo’»
Il numero due di Viale Trastevere parla a Sanità Informazione dei punti su cui verterà la riforma delle Scuole di Specializzazione: «Serve maggiore trasparenza e merito. L’Italia perde fino a 500mila euro per ogni medico che va all'estero. Deve diventare più attrattiva per chi è fuori, occorre maggiore mobilità». E aggiunge: «Rapporto tra azienda ospedaliera e università non è sempre efficiente come dovrebbe essere»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Formazione

Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»

ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve semp...