Lavoro 6 Luglio 2021 11:56

L’Alto Adige e quei sanitari non vaccinati. Volanti (OMCeO Bolzano): «Provincia a forte tendenza antivaccinista»

Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Bolzano: «Il problema non è la sanzione ma l’educazione sanitaria. Qui è molto diffusa anche la medicina alternativa»

L’Alto Adige e quei sanitari non vaccinati. Volanti (OMCeO Bolzano): «Provincia a forte tendenza antivaccinista»

Sono oltre tremila i sanitari che non si sono vaccinati contro il Covid-19 in Alto Adige: circa mille appartengono all’Azienda sanitaria, gli altri fanno parte del personale esterno. A più di cento sono già stati notificati gli atti di accertamento, concluso l’iter di verifiche. Per ora, non potranno lavorare nei reparti: l’azienda valuterà la possibilità di smart working o demansionamento, ma in caso di esito negativo il rischio di sospensione retroattiva è concreto. Ciononostante, in molti continuano a sottrarsi alla vaccinazione contro il Covid-19.

Sanitari non vaccinati sospesi, Volanti: «Per loro altri incarichi»

Claudio Volanti, presidente dell’Ordine dei Medici di Bolzano, fa un’analisi della situazione, precisando che, a causa delle disposizioni in materia di privacy, non si sa né chi siano né, soprattutto, quanti siano i medici che rifiutano il vaccino: «È un dato protetto dal garante della privacy, non c’è una distinzione per profilo professionale, non abbiamo ricevuto ancora alcuna comunicazione e non conosciamo il numero dei medici che saranno effettivamente sospesi. La legge prevede che, dopo l’accertamento, venga fatta comunicazione al sanitario interessato, all’Ordine di riferimento e all’azienda. Il datore di lavoro – precisa – può decidere di spostare il sanitario ad altro incarico e l’azienda sanitaria di Bolzano ha deciso di dare precedenza, in questo senso, a chi non può vaccinarsi per problemi di salute e poi a chi si rifiuta».

«Il problema non è la sanzione ma l’educazione sanitaria»

In seguito alla sospensione, l’Ordine dei Medici di riferimento trasmette all’interessato l’informazione e lo annota sull’albo. «Non stiamo parlando di una sanzione disciplinare ma solo di una nota, perché nelle altre regioni sappiano che il medico è stato sospeso». Volanti preferisce la persuasione al pugno di ferro, convinto che lavorare sulla comunicazione corretta sia la cosa migliore da fare: «Abbiamo già fatto una campagna informativa invitando tutti gli iscritti a vaccinarsi – prosegue -. Noi pensiamo che saranno pochi i medici che non si vaccineranno o faranno azioni propagandistiche, come già successo. Il problema non è la sanzione ma l’educazione sanitaria. Il nostro obiettivo è far vaccinare tutti, il bene da proteggere è la salute collettiva».

Del resto, in Alto Adige il movimento no vax è molto radicato, anche tra i sanitari. Proprio nella provincia di Bolzano, infatti, si concentra anche un gran numero di persone contrarie alle vaccinazioni “tradizionali”. É una battaglia culturale, insomma. «L’Alto Adige è sempre stata una provincia a forte tendenza antivaccinista – ricorda il presidente Volanti -. Già nel 2014 si rilevava che il tasso di vaccinazione per il morbillo era al 68%. Su tutte le vaccinazioni obbligatorie si mantiene sempre più basso rispetto al resto d’Italia».

Perché in Alto Adige non si vaccinano?

Dove ricercare le motivazioni? «Vengono da lontano – precisa Volanti -. Ci sono motivi religiosi, per un periodo di tempo era stato attribuito alle vaccinazioni un lato demoniaco. Poi, una scarsa informazione ha portato la medicina alternativa a consolidarsi al primo posto. C’è ancora la convinzione che la medicina tradizionale abbia qualcosa in meno, lo dimostra il fatto che il bilancio delle aziende che vendono prodotti omeopatici è sempre molto alto. Ricordo che la FNOMCeO riconosce la medicina complementare, o non convenzionale, ma non quella alternativa, praticata da molti sanitari qui in alto Adige – evidenzia il presidente -. In tutto questo rientrano i vaccini, tra i farmaci più studiati, conosciuti e sicuri che una persona possa assumere».

Anche il ministro Speranza sceglie la strada del convincimento e invita caldamente i professionisti sanitari a rispettare l’obbligo vaccinale: «Dobbiamo lavorare perché quella norma sia rispettata, le vaccinazioni sono la più importante arma». Poi, ha ricordato che «la pandemia non è finita. Nonostante la vaccinazione significativa i contagi ci possono essere soprattutto a causa di varianti come la Delta. Continuiamo sulla strada della gradualità e della prudenza».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Report ISS, Rt a 1,57 e 20 regioni a rischio moderato. Salgono i ricoveri
Tasso di occupazione in terapia intensiva fermo al 2%, ma quello in area medica sale al 3%. Scende anche la percentuale di contagi tracciati, al 28% rispetto al 30 della settimana precedente
Boom di fake news in pandemia, 149mila contenuti sui vaccini in 7 mesi
Utenti no vax aumentati del +136%, secondo il report MESIT, 718mila iscritti a gruppi su Facebook. Sui vaccini le fake news viaggiano molto veloci: argomenti preferiti gli effetti avversi, la natura sperimentale e la composizione dei prodotti
Over 60 non vaccinati, l’idea del sindaco di Borgosesia Tiramani: «Palestra e piscina gratis per chi si immunizza»
Sono circa 200 gli over 60 ancora non vaccinati nella cittadina della Valsesia. Gli anziani che si vaccineranno non dovranno fare altro che dimostrare di aver ricevuto la prima dose dopo il primo agosto per ritirare presso gli uffici comunali l’abbonamento gratuito al centro sportivo Milanaccio
Poliambulanza Brescia: «Sospesi 21 sanitari no vax, tra di loro nessun medico»
Sono ad oggi 21 su 2.045 gli operatori sanitari di Poliambulanza, struttura ospedaliera di Brescia, privata accreditata con il Servizio sanitario nazionale, sospesi perché risultati non vaccinati contro Covid. «Pochissimi», commenta l’azienda in una nota in cui ha diffuso i numeri dei procedimenti avviati. Fra i dipendenti in questione nessun medico, viene precisato. Gli operatori […]
Covid e giovani, Speranza: «Prossima settimana intervento Governo per scuola in presenza. Si valutano iniziative forti»
Il Ministro della Salute ha risposto al Question Time al Senato: «L’85% personale scolastico ha già avuto prima dose. Al lavoro perché dato cresca in modo significativo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva