Lavoro 6 Luglio 2021 11:56

L’Alto Adige e quei sanitari non vaccinati. Volanti (OMCeO Bolzano): «Provincia a forte tendenza antivaccinista»

Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Bolzano: «Il problema non è la sanzione ma l’educazione sanitaria. Qui è molto diffusa anche la medicina alternativa»

L’Alto Adige e quei sanitari non vaccinati. Volanti (OMCeO Bolzano): «Provincia a forte tendenza antivaccinista»

Sono oltre tremila i sanitari che non si sono vaccinati contro il Covid-19 in Alto Adige: circa mille appartengono all’Azienda sanitaria, gli altri fanno parte del personale esterno. A più di cento sono già stati notificati gli atti di accertamento, concluso l’iter di verifiche. Per ora, non potranno lavorare nei reparti: l’azienda valuterà la possibilità di smart working o demansionamento, ma in caso di esito negativo il rischio di sospensione retroattiva è concreto. Ciononostante, in molti continuano a sottrarsi alla vaccinazione contro il Covid-19.

Sanitari non vaccinati sospesi, Volanti: «Per loro altri incarichi»

Claudio Volanti, presidente dell’Ordine dei Medici di Bolzano, fa un’analisi della situazione, precisando che, a causa delle disposizioni in materia di privacy, non si sa né chi siano né, soprattutto, quanti siano i medici che rifiutano il vaccino: «È un dato protetto dal garante della privacy, non c’è una distinzione per profilo professionale, non abbiamo ricevuto ancora alcuna comunicazione e non conosciamo il numero dei medici che saranno effettivamente sospesi. La legge prevede che, dopo l’accertamento, venga fatta comunicazione al sanitario interessato, all’Ordine di riferimento e all’azienda. Il datore di lavoro – precisa – può decidere di spostare il sanitario ad altro incarico e l’azienda sanitaria di Bolzano ha deciso di dare precedenza, in questo senso, a chi non può vaccinarsi per problemi di salute e poi a chi si rifiuta».

«Il problema non è la sanzione ma l’educazione sanitaria»

In seguito alla sospensione, l’Ordine dei Medici di riferimento trasmette all’interessato l’informazione e lo annota sull’albo. «Non stiamo parlando di una sanzione disciplinare ma solo di una nota, perché nelle altre regioni sappiano che il medico è stato sospeso». Volanti preferisce la persuasione al pugno di ferro, convinto che lavorare sulla comunicazione corretta sia la cosa migliore da fare: «Abbiamo già fatto una campagna informativa invitando tutti gli iscritti a vaccinarsi – prosegue -. Noi pensiamo che saranno pochi i medici che non si vaccineranno o faranno azioni propagandistiche, come già successo. Il problema non è la sanzione ma l’educazione sanitaria. Il nostro obiettivo è far vaccinare tutti, il bene da proteggere è la salute collettiva».

Del resto, in Alto Adige il movimento no vax è molto radicato, anche tra i sanitari. Proprio nella provincia di Bolzano, infatti, si concentra anche un gran numero di persone contrarie alle vaccinazioni “tradizionali”. É una battaglia culturale, insomma. «L’Alto Adige è sempre stata una provincia a forte tendenza antivaccinista – ricorda il presidente Volanti -. Già nel 2014 si rilevava che il tasso di vaccinazione per il morbillo era al 68%. Su tutte le vaccinazioni obbligatorie si mantiene sempre più basso rispetto al resto d’Italia».

Perché in Alto Adige non si vaccinano?

Dove ricercare le motivazioni? «Vengono da lontano – precisa Volanti -. Ci sono motivi religiosi, per un periodo di tempo era stato attribuito alle vaccinazioni un lato demoniaco. Poi, una scarsa informazione ha portato la medicina alternativa a consolidarsi al primo posto. C’è ancora la convinzione che la medicina tradizionale abbia qualcosa in meno, lo dimostra il fatto che il bilancio delle aziende che vendono prodotti omeopatici è sempre molto alto. Ricordo che la FNOMCeO riconosce la medicina complementare, o non convenzionale, ma non quella alternativa, praticata da molti sanitari qui in alto Adige – evidenzia il presidente -. In tutto questo rientrano i vaccini, tra i farmaci più studiati, conosciuti e sicuri che una persona possa assumere».

Anche il ministro Speranza sceglie la strada del convincimento e invita caldamente i professionisti sanitari a rispettare l’obbligo vaccinale: «Dobbiamo lavorare perché quella norma sia rispettata, le vaccinazioni sono la più importante arma». Poi, ha ricordato che «la pandemia non è finita. Nonostante la vaccinazione significativa i contagi ci possono essere soprattutto a causa di varianti come la Delta. Continuiamo sulla strada della gradualità e della prudenza».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.