Lavoro 6 Luglio 2021 11:56

L’Alto Adige e quei sanitari non vaccinati. Volanti (OMCeO Bolzano): «Provincia a forte tendenza antivaccinista»

Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Bolzano: «Il problema non è la sanzione ma l’educazione sanitaria. Qui è molto diffusa anche la medicina alternativa»

L’Alto Adige e quei sanitari non vaccinati. Volanti (OMCeO Bolzano): «Provincia a forte tendenza antivaccinista»

Sono oltre tremila i sanitari che non si sono vaccinati contro il Covid-19 in Alto Adige: circa mille appartengono all’Azienda sanitaria, gli altri fanno parte del personale esterno. A più di cento sono già stati notificati gli atti di accertamento, concluso l’iter di verifiche. Per ora, non potranno lavorare nei reparti: l’azienda valuterà la possibilità di smart working o demansionamento, ma in caso di esito negativo il rischio di sospensione retroattiva è concreto. Ciononostante, in molti continuano a sottrarsi alla vaccinazione contro il Covid-19.

Sanitari non vaccinati sospesi, Volanti: «Per loro altri incarichi»

Claudio Volanti, presidente dell’Ordine dei Medici di Bolzano, fa un’analisi della situazione, precisando che, a causa delle disposizioni in materia di privacy, non si sa né chi siano né, soprattutto, quanti siano i medici che rifiutano il vaccino: «È un dato protetto dal garante della privacy, non c’è una distinzione per profilo professionale, non abbiamo ricevuto ancora alcuna comunicazione e non conosciamo il numero dei medici che saranno effettivamente sospesi. La legge prevede che, dopo l’accertamento, venga fatta comunicazione al sanitario interessato, all’Ordine di riferimento e all’azienda. Il datore di lavoro – precisa – può decidere di spostare il sanitario ad altro incarico e l’azienda sanitaria di Bolzano ha deciso di dare precedenza, in questo senso, a chi non può vaccinarsi per problemi di salute e poi a chi si rifiuta».

«Il problema non è la sanzione ma l’educazione sanitaria»

In seguito alla sospensione, l’Ordine dei Medici di riferimento trasmette all’interessato l’informazione e lo annota sull’albo. «Non stiamo parlando di una sanzione disciplinare ma solo di una nota, perché nelle altre regioni sappiano che il medico è stato sospeso». Volanti preferisce la persuasione al pugno di ferro, convinto che lavorare sulla comunicazione corretta sia la cosa migliore da fare: «Abbiamo già fatto una campagna informativa invitando tutti gli iscritti a vaccinarsi – prosegue -. Noi pensiamo che saranno pochi i medici che non si vaccineranno o faranno azioni propagandistiche, come già successo. Il problema non è la sanzione ma l’educazione sanitaria. Il nostro obiettivo è far vaccinare tutti, il bene da proteggere è la salute collettiva».

Del resto, in Alto Adige il movimento no vax è molto radicato, anche tra i sanitari. Proprio nella provincia di Bolzano, infatti, si concentra anche un gran numero di persone contrarie alle vaccinazioni “tradizionali”. É una battaglia culturale, insomma. «L’Alto Adige è sempre stata una provincia a forte tendenza antivaccinista – ricorda il presidente Volanti -. Già nel 2014 si rilevava che il tasso di vaccinazione per il morbillo era al 68%. Su tutte le vaccinazioni obbligatorie si mantiene sempre più basso rispetto al resto d’Italia».

Perché in Alto Adige non si vaccinano?

Dove ricercare le motivazioni? «Vengono da lontano – precisa Volanti -. Ci sono motivi religiosi, per un periodo di tempo era stato attribuito alle vaccinazioni un lato demoniaco. Poi, una scarsa informazione ha portato la medicina alternativa a consolidarsi al primo posto. C’è ancora la convinzione che la medicina tradizionale abbia qualcosa in meno, lo dimostra il fatto che il bilancio delle aziende che vendono prodotti omeopatici è sempre molto alto. Ricordo che la FNOMCeO riconosce la medicina complementare, o non convenzionale, ma non quella alternativa, praticata da molti sanitari qui in alto Adige – evidenzia il presidente -. In tutto questo rientrano i vaccini, tra i farmaci più studiati, conosciuti e sicuri che una persona possa assumere».

Anche il ministro Speranza sceglie la strada del convincimento e invita caldamente i professionisti sanitari a rispettare l’obbligo vaccinale: «Dobbiamo lavorare perché quella norma sia rispettata, le vaccinazioni sono la più importante arma». Poi, ha ricordato che «la pandemia non è finita. Nonostante la vaccinazione significativa i contagi ci possono essere soprattutto a causa di varianti come la Delta. Continuiamo sulla strada della gradualità e della prudenza».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi