Lavoro 27 Giugno 2019

Leoni (FNOMCeO) al Giuramento di Ippocrate: «Rispettate sempre i princìpi della professione più etica che esiste»

Il vicepresidente FNOMCeO Giovanni Leoni accoglie a braccia aperte i neolaureati in medicina con un augurio e una raccomandazione: «Vi auguro di esercitare la professione seguendo i vostri desideri e nella completa e assoluta dedizione verso chi sta male»

Immagine articolo

Centinaia di neoiscritti hanno partecipato sabato scorso al Giuramento di Ippocrate, la cerimonia di iniziazione alla professione medica che si è svolta nella bellissima cornice dell’Hotel Sheraton di Roma.

In un momento storico complicato per il sistema sanitario e per tutta la categoria, l’Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri di Roma ha deciso di organizzare una manifestazione importante per rilanciare la professione motivando e gratificando i neodottori. Ci ha tenuto a dare un caloroso benvenuto ai nuovi camici bianchi il vicepresidente FNOMCeO Giovanni Leoni a margine dell’evento che, di fatto, ha segnato uno snodo cruciale nella loro vita privata e professionale.

Il Giuramento di Ippocrate e l’impegno del medico. Qual è il valore e il significato di questa giornata così importante?

«Il Giuramento di Ippocrate è un giuramento senza tempo che impegna il medico alla dedizione nei confronti dei pazienti e dei malati. È un momento etico molto importante nella carriera di ognuno di noi. Io auguro a tutti i ragazzi che intraprendono questa professione di riuscire a farla seguendo i loro desideri, e, possibilmente, in Italia perché dai dati emerge che il 25% dei ragazzi sotto i 35 anni pensa motivatamente di andare a lavorare all’estero. Io spero, invece, che questa gioventù, cresciuta come generazione Erasmus e che sa l’inglese, resti e abbia la possibilità di avere il proprio impiego qui nella nostra nazione. Non dico di tralasciare gli studi all’estero e le specializzazioni, ma è importante che siano messi in grado di poter esercitare la professione come desiderano nel nostro Paese. Altrimenti è un patrimonio che andrà disperso. Formare un medico costa 150mila euro e poi dobbiamo avere la possibilità di far specializzare tutti i medici che si laureano oggi e non solo la metà; tantissimi rimangono imbottigliati all’interno del famoso imbuto formativo».

LEGGI ANCHE: GIURAMENTO D’IPPOCRATE PER 600 MEDICI, MAGI (OMCEO ROMA): «UN FARO PER IL CAMMINO LAVORATIVO CON LA SPERANZA CHE RESTINO QUI IN ITALIA»

La cerimonia rappresenta un momento fondamentale per i neolaureati. Qual è un augurio e una raccomandazione che fa a questi giovani?

«Gli auguro profondamente di poter sempre rispettare i princìpi del Giuramento, ed essere a posto con la propria coscienza. Inoltre, nei momenti più bui, delle guardie, nella solitudine e quando si deve decidere, ricordarsi sempre della dedizione assoluta verso il prossimo e verso chi sta male. Se si riesce, con impegno e sacrificio, ad ottenere il titolo per poterla esercitare, questa è la professione più etica che noi possiamo conoscere».

Articoli correlati
«Gravissima carenza medici in discipline specialistiche, conseguenza di una scellerata incapacità di programmare il fabbisogno»
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Covid, terapie intensive al collasso: mancano all’appello 4mila specialisti
L'esperto propone: Consulcesi Club lancia nuovo corso di formazione su cure intensive con lo specialista Mauro Dauri (Tor Vergata): «Contro carenza medici in terapia intensiva, formare e coinvolgere specialisti afferenti ad altre discipline come accade in Usa e Europa»
Burnout da Covid tra i sanitari, la psicologa: «Ora che ne conosciamo gli effetti possiamo prevenirlo»
«Le emozioni provate da chi ha lottato in prima linea contro il Covid sono state talmente forti da riversarsi sul corpo, sotto forma di numerosi disturbi: cefalee e dolori addominali i più diffusi»
di Isabella Faggiano
Emergenza Covid-19, Mattarella consegna onorificenze al merito ai cittadini che si sono distinti
«Tutti siamo chiamati a contribuire a sconfiggere la pandemia e la diffusione del contagio e del virus». Così il Presidente Mattarella in occasione della consegna al Quirinale delle onorificenze di Cavaliere dell'OMRI ai cittadini che si sono distinti durante la pandemia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...