Lavoro 27 Giugno 2019

Leoni (FNOMCeO) al Giuramento di Ippocrate: «Rispettate sempre i princìpi della professione più etica che esiste»

Il vicepresidente FNOMCeO Giovanni Leoni accoglie a braccia aperte i neolaureati in medicina con un augurio e una raccomandazione: «Vi auguro di esercitare la professione seguendo i vostri desideri e nella completa e assoluta dedizione verso chi sta male»

Immagine articolo

Centinaia di neoiscritti hanno partecipato sabato scorso al Giuramento di Ippocrate, la cerimonia di iniziazione alla professione medica che si è svolta nella bellissima cornice dell’Hotel Sheraton di Roma.

In un momento storico complicato per il sistema sanitario e per tutta la categoria, l’Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri di Roma ha deciso di organizzare una manifestazione importante per rilanciare la professione motivando e gratificando i neodottori. Ci ha tenuto a dare un caloroso benvenuto ai nuovi camici bianchi il vicepresidente FNOMCeO Giovanni Leoni a margine dell’evento che, di fatto, ha segnato uno snodo cruciale nella loro vita privata e professionale.

Il Giuramento di Ippocrate e l’impegno del medico. Qual è il valore e il significato di questa giornata così importante?

«Il Giuramento di Ippocrate è un giuramento senza tempo che impegna il medico alla dedizione nei confronti dei pazienti e dei malati. È un momento etico molto importante nella carriera di ognuno di noi. Io auguro a tutti i ragazzi che intraprendono questa professione di riuscire a farla seguendo i loro desideri, e, possibilmente, in Italia perché dai dati emerge che il 25% dei ragazzi sotto i 35 anni pensa motivatamente di andare a lavorare all’estero. Io spero, invece, che questa gioventù, cresciuta come generazione Erasmus e che sa l’inglese, resti e abbia la possibilità di avere il proprio impiego qui nella nostra nazione. Non dico di tralasciare gli studi all’estero e le specializzazioni, ma è importante che siano messi in grado di poter esercitare la professione come desiderano nel nostro Paese. Altrimenti è un patrimonio che andrà disperso. Formare un medico costa 150mila euro e poi dobbiamo avere la possibilità di far specializzare tutti i medici che si laureano oggi e non solo la metà; tantissimi rimangono imbottigliati all’interno del famoso imbuto formativo».

LEGGI ANCHE: GIURAMENTO D’IPPOCRATE PER 600 MEDICI, MAGI (OMCEO ROMA): «UN FARO PER IL CAMMINO LAVORATIVO CON LA SPERANZA CHE RESTINO QUI IN ITALIA»

La cerimonia rappresenta un momento fondamentale per i neolaureati. Qual è un augurio e una raccomandazione che fa a questi giovani?

«Gli auguro profondamente di poter sempre rispettare i princìpi del Giuramento, ed essere a posto con la propria coscienza. Inoltre, nei momenti più bui, delle guardie, nella solitudine e quando si deve decidere, ricordarsi sempre della dedizione assoluta verso il prossimo e verso chi sta male. Se si riesce, con impegno e sacrificio, ad ottenere il titolo per poterla esercitare, questa è la professione più etica che noi possiamo conoscere».

Articoli correlati
Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale
Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Giornata “Camici bianchi”, Fnopi: «La politica non (ri-)conosce gli infermieri»
«Così come è in discussione nell’iter parlamentare – spiega Barbara Mangiacavalli - c’è un grave neo: definirla ‘Giornata dei camici bianchi’ è un’assoluta limitazione che non rispecchia l’universo delle professioni e degli operatori impegnati nella lotta a COVID»
Aggredito anestetista al Veneziale di Isernia: «Dopo il pugno ho ugualmente prestato assistenza e solo dopo sono andato in PS»
Per David Di Lello, medico anestesista dell’ospedale Veneziale di Isernia arriva la solidarietà della FNOMCEO. «Chiedo non solo di riattivare il posto di polizia dell’ospedale, ma anche di proteggere le guardie mediche, almeno con un sistema di videosorveglianza - afferma il presidente dell’Ordine dei medici di Isernia - neanche la pandemia ha posto un argine alle violenze subite dal personale sanitario»
«No all’imbuto formativo». I giovani medici tornano in piazza il 29 maggio
Nuova mobilitazione domani a Roma, in piazza a Montecitorio e in altre 21 piazze italiane. Si incontreranno studenti, medici neoabilitati, camici grigi, medici in formazione specialistica e generalista «per chiedere l'abolizione dell’imbuto formativo e una riforma della formazione medica e in difesa del SSN pubblico e universalistico»
Spalle al palazzo e via il camice, la protesta degli specializzandi a Montecitorio: «Troppe poche borse, si rischia un esercito di camici grigi»
Sit-in di un centinaio di giovani medici davanti la Camera dei deputati a cui hanno aderito 11 sigle. Di Silverio (Anaao): «Pronto ad incatenarmi se non si risolve l’imbuto formativo». Solidarietà e vicinanza dai parlamentari di tutti i partiti, in piazza anche gli ex ministri Lorenzin e Grillo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 giugno, sono 6.185.523 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 372.377 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 31 maggio: Ne...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco