Lavoro 24 Giugno 2019

Giuramento d’Ippocrate per 600 medici, Magi (OMCeO Roma): «Un faro per il cammino lavorativo con la speranza che restino qui in Italia»

Centinaia di neoiscritti si sono riuniti per la cerimonia del Giuramento di Ippocrate organizzata dall’OMCeO Roma. Un momento di festa, con famiglie e amici, per sottolineare l’appartenenza alla categoria e stimolare la consapevolezza della responsabilità sociale che ne deriva. Anelli (FNOMCeO): «Auguro ai colleghi di guidare il processo di risanamento etico di questo paese»

Emozionati, felici e tanto orgogliosi di aver raggiunto un traguardo così importante: essere medico e salvare la vita delle persone. Era questo lo stato d’animo dei 600 giovani medici che hanno preso parte al Giuramento di Ippocrate, il famoso rito di iniziazione alla professione che ogni nuovo medico presta perché propedeutico all’entrata nelle varie articolazioni pubbliche e private del Servizio Sanitario Nazionale. Prende il nome dal medico greco Ippocrate che lo formulò nel 430 a. C. ed è considerato il primo testo deontologico della storia della medicina.

L’affascinante manifestazione si è svolta nella prestigiosa cornice dell’Hotel Sheraton di Roma: «È la prima volta che l’Ordine organizza una cosa così importante – ha specificato soddisfatto il presidente Antonio Magi ai nostri microfoni – spero gli rimarrà sempre impressa questa giornata e che sia il faro per il loro cammino lavorativo. Dovranno essere sempre coerenti – ha sottolineato il presidente – con i principi del Giuramento di Ippocrate, la base della nostra professione: aiutare il prossimo, essere molto comprensivi, dare una mano ai più deboli senza differenza di età, sesso e religione». Un ingresso nella professione che arriva in un momento molto difficile per i medici e per il SSN in generale: «L’augurio che faccio ai neoiscritti è quello di entrare prima possibile nel SSN. Il blocco del turnover ha creato danni importanti e molti di loro vanno all’estero a lavorare. Dobbiamo superare questo meccanismo, fare in modo che restino qui in Italia, sono il nostro futuro».

Il ministro della Salute Giulia Grillo ha scelto di dare il benvenuto ai neolaureati di medicina con un breve ma intenso videomessaggio: «Sono dispiaciuta di non poter essere lì perché so che l’emozione è grande e mi sarebbe piaciuto poterla condividere con voi da ministro – ha spiegato -. La stessa emozione che io ho provato nel 1999 per una professione che comporta grande altruismo. L’obiettivo di noi medici – ha rimarcato il ministro – è aiutare gli altri: pazienti e familiari.

È la cosa più bella della nostra professione ma anche quella che può essere facilmente dimenticata nella routine quotidiana. Per questo – ha concluso Giulia Grillo – vi invito a ricordarvi di questo momento, il giuramento deve essere più forte di qualunque obbligo normativo, deve essere un vincolo interiore fortissimo, che deve farvi ricordare ogni giorno la delicatezza l’importanza della missione che portate avanti avendo scelto questa professione».

Della stessa opinione Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO: «Questa professione non si può esercitare senza un impegno etico e i valori che da sempre la ispirano e che già Ippocrate nel 400 a. C. aveva codificato elaborando un decalogo – ha evidenziato -. I medici assumono l’impegno non soltanto di avere competenze per curare la gente ma anche quello di prendersi cura, condividere le sofferenze e avere compassione. Non si risolvono i problemi di una persona solo curando un organo ma prendendosi carico di tutto quel pathos che il paziente esprime nel momento in cui si affida al medico, ciò che il Papa ha definito “una presa globale della persona”.

Con quei valori che sono presenti nel codice e che i medici di Roma richiameranno nel giuramento, si concretizza la professione medica che rappresenta la spina dorsale della nostra Italia, una professione sana e capace di slanci solidaristici enormi, di grandi sacrifici e passione che si riscontrano difficilmente in altre categorie. Deve guidare il processo di risanamento etico di questo paese ed è l’augurio che faccio a tutti i giovani».

«Ricordo ai giovani – ha concluso Anelli – il patrimonio di passione impegno e dedizione che i medici mostrano ogni giorno: un milione e mezzo di ore in più regalate al sistema. Che possano essere per loro fonte di insegnamento per proseguire sulla strada giusta, quella che accanto alle competenze ci mette anche una buona parte di cuore».

Articoli correlati
«L’Italia non è un Paese attraente in cui lavorare», l’articolo su Lancet che “bacchetta” sindacati e politica
La situazione dei camici bianchi italiani 'guadagna' le pagine della rivista 'Lancet', in un articolo dal titolo 'Health worker gap in Italy, the untold truth', firmato da Luca La Colla del dipartimento di Anestesiologia della Duke University
Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»
«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao
Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo
L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna, Irlanda, Germania e Grecia. Consulcesi avvia la battaglia legale per tutelare i medici e ottenere i risarcimenti
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Dalla carriera all’aumento economico, tutto quello che c’è da sapere sul contratto dei medici. E su cosa si dividono i sindacati
Un vademecum del sindacato Anaao-Assomed ha provato a riassumere i punti qualificanti del contratto della dirigenza medica. Ma su molti aspetti le interpretazioni dei sindacati firmatari e quelli contrari divergono. Ecco una mappa con le diverse posizioni
Telemedicina e cooperazione: la sfida, vinta, dalla Onlus GHT di Michelangelo Bartolo
GHT è un servizio di teleconsulto multi-specialistico e gratuito attivo in 15 paesi, curato da un pool di specialisti europei che nasce per rispondere ai quesiti medici che arrivano dai luoghi più disagiati del mondo. Ci spiega tutto il medico fondatore Bartolo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone