Salute 17 Maggio 2019

Stati generali, Anelli(FNOMCeO): «Specializzandi ultimo anno in SSN, così 5mila borse in più»

Al via gli Stati Generali della Professione medica. Il presidente FNOMCeO, Filippo Anelli: «Elaboreremo un documento finale che orienterà la professione e il ruolo del medico all’interno della società». Un percorso che condurrà a scrivere la Magna Carta della professione

Immagine articolo

Libertà e indipendenza del medico, il suo ruolo sociale, il legame con i cittadini, ma anche le difficoltà che ogni giorno affrontano i professionisti della sanità e le carenze del Servizio sanitario nazionale. Questi alcuni dei temi principali che animeranno gli Stati generali della professione medica.

«Gli stati generali rappresentano oggi la prima tappa di un percorso che durerà circa un anno», ha spiegato ai nostri microfoni il presidente FNOMCeO, Filippo Anelli. «Attraverso incontri per gruppi di lavoro produrremo dei documenti che serviranno a elaborare un documento finale che orienterà la professione e il ruolo del medico all’interno della società». Un percorso che condurrà a scrivere la Magna Carta della professione, coniugando valori fondanti con diritti e bisogni dei cittadini.

Riguardo alle difficoltà affrontate dal mondo medico e le carenze del Servizio sanitario nazione, il presidente FNOMCeO rivolgendosi al Governo: «Chiediamo più medici. Questo è anche lo slogan della campagna che lanciamo da questa assemblea – continua Anelli, richiamando la campagna social lanciata dalla Federazione “Offre l’Italia” -proprio per ricordare che ogni medico che va all’estero costa 150mila euro che regaliamo agli altri stati europei. Questo perché non abbiamo organizzato una buona programmazione. Continuiamo a dire che a ogni medico, ad ogni studente che si iscrive a medicina dovrà essere garantita sempre e comunque una borsa e quindi il percorso formativo post laurea, in modo tale che mai più si formi un imbuto formativo, dove oggi sono 10mila medici che non sanno che fare, perché non possono lavorare e non possono finire il loro percorso perché mancano le borse.

LEGGI: “OFFRE L’ITALIA”, LA CAMPAGNA SOCIAL DI FNOMCEO CONTRO LA FUGA DEI MEDICI ALL’ESTERO

Ringraziamo il ministro per l’impegno ad aumentare le borse, ma noi riteniamo si possa fare di più. Anche senza un investimento economico, perché sarebbe sufficiente prendere gli studenti dell’ultimo anno di specializzazione, mandarli nelle corsie, farli pagare con il Servizio sanitario nazionale e liberare così altre 5mila borse l’anno. Credo che questo percorso posso essere una risposta e allo stesso tempo dare soddisfazione a tutti quei ragazzi che stanno perdendo la speranza»

Articoli correlati
Coronavirus, FROMCeO Lombardia scrive a Fontana: «Evidente assenza di strategie nella gestione del territorio»
La Federazione Regionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri lombarda: «Necessaria presa d'atto degli errori occorsi, serve aggiustamento impostazione strategica per affrontare prossime fasi epidemia»
Anelli (Fnomceo): «Le mascherine arrivate agli Ordini non sono per uso sanitario»
«Abbiamo contattato la Protezione Civile, ci ha confermato che il materiale non era conforme a quello ordinato – precisa Anelli -. Ho avvisato i Presidenti degli Ordini affinché fermassero le procedure. Ci attendiamo che a breve si possa rimediare e che i medici possano contare finalmente su dispositivi idonei e adeguati all’esposizione professionale»
Coronavirus, più protezione e test rapidi in ospedale. Sul British Medical Journal le richieste immediate dei medici italiani
Aumenta il numero degli operatori sanitari contagiati: sono più del 9% dei casi totali. Si allunga anche l’elenco dei medici che non ce l’hanno fatta
Coronavirus a Napoli, risolto il caso dei giovani anestesisti. Contratto firmato dopo il clamore mediatico
Soddisfazione da parte del dg Asl Napoli 1 Ciro Verdoliva: «Ha prevalso il buon senso, siamo tutti dalla stessa parte contro un nemico comune». Lo specializzando: «Le nostre richieste di tutela sono state ascoltate»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 9 aprile, sono 1.485.981 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 88.538 i decessi e 330.782 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino dell...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...