Lavoro 24 Gennaio 2019

Aaa cercansi medici italiani. Storie di procacciatori e di camici bianchi in fuga dal SSN

Si aggirano negli ospedali del Nord Italia e promettono soldi, carriera e una vita più semplice al di là delle Alpi. Sono dei veri e propri talent scout e portano all’estero i professionisti più ricercati, contribuendo ad aggravare la carenza di specialisti che sta svuotando le corsie delle nostre strutture. Giovanni Leoni (FNOMCeO): «Così perdiamo qualità intellettuale importante per l’evoluzione della classe medica»

Immagine articolo

Uno stipendio doppio se non triplo. Casa pagata. Un viaggio di rientro all’anno già spesato. Trasferimenti organizzati e documenti pronti. Un tutor per imparare la lingua. La promessa di prospettive di carriera migliori e di una vita meno stressante. Il copione recitato dai “procacciatori di medici”, come sono già stati definiti, è sempre lo stesso. Il loro obiettivo è convincere medici italiani a trasferirsi in altri Paesi europei, soprattutto Germania, Francia, Inghilterra, Olanda e Danimarca, e le promesse alletterebbero chiunque. Soprattutto i giovani camici bianchi usciti da poco dalle scuole di specializzazione, che magari combattono con il precariato, con il blocco del turnover ed i pochi concorsi a loro dedicati. Senza dimenticare che fanno parte della generazione Erasmus, già abituata ad immaginare la propria casa in altri Paesi dell’Unione e non più disposta a tutto pur di rimanere nel Belpaese, vicino ad amici e familiari.

Il corteggiamento è graduale, e la tecnica utilizzata dai talent scout raffinata dall’esperienza. Si aggirano nei convegni e negli ospedali, soprattutto del Nord Italia, e puntano i professionisti più ricercati: ginecologi, ortopedici, anestesisti e rianimatori, pediatri. Li approcciano promettendo una vita ed un futuro più semplici e organizzano i primi colloqui a chi si mostra più interessato. Poi li invitano a visitare la città e la struttura pronte ad ospitarli, e sempre più medici italiani decidono di andarsene. Così l’Italia perde i suoi migliori professionisti, e regala ai fratelli europei i 150-200mila euro che ha investito per formarli.

Non si tratta di fuga di cervelli, ma di vera e propria caccia ai talenti. Che si aggiunge, ovviamente, al fenomeno dei giovani medici che decidono spontaneamente di partire e cercar fortuna all’estero, e delle “autodimissioni” di tanti professionisti che lasciano le strutture pubbliche per lavorare nel privato. E tutti seguono le stesse motivazioni e promesse: stipendi più alti e addio a turni massacranti.

Un capitale quotidianamente perso dal Servizio sanitario nazionale, che già combatte con un’endemica carenza di specialisti, inevitabilmente destinata a peggiorare nei prossimi anni. In base alle ultime statistiche, nel 2025 ne mancheranno 16.500. Perché l’emorragia di pensionamenti raggiungerà il suo culmine nel 2022 e perché il numero di posti messo a bando negli ultimi anni per l’accesso alle scuole di specializzazione era insufficiente. Se poi i (pochi) specialisti formati se ne vanno, di fronte ai numeri relativi al personale sanitario difficilmente tornerà il segno più.

«Per i medici più giovani che vogliono avere uno sbocco professionale diverso andare all’estero può essere sicuramente una soluzione adeguata», commenta ai nostri microfoni Giovanni Leoni, vicepresidente della FNOMCeO e segretario di CIMO Veneto. «In Italia formiamo i cervelli migliori, quelli più disponibili alle novità e anche a soffrire le conseguenze del trasferimento e della eradicazione dalla propria comunità. E la qualità del nostro percorso formativo è riconosciuta a livello globale – prosegue Leoni -. Non è un caso che negli Stati Uniti la percentuale maggiore della componente medica straniera è di origine italiana. Ma una volta che questi medici, soprattutto se giovani, cambiano residenza e si radicano all’estero, poi non tornano più in Italia. E così – conclude Leoni – noi perdiamo una qualità intellettuale importante per l’evoluzione della classe medica».

LEGGI ANCHE: CHIRURGHI IN ‘ESTINZIONE’, L’ONCOLOGO GIUSEPPE PETRELLA: «ARGINARE FUGA DI CERVELLI O SALUTE A RISCHIO. ADERISCO ALL’IDEA DEL TRIBUNALE DELLA SALUTE»

Articoli correlati
Carenza medici, la Toscana apre ai neolaureati nei pronto soccorso. Scoppia la polemica
«Stiamo assistendo alla nascita di una Sanità low cost» ha commentato Carlo Palermo, segretario Anaao Assomed. Duro anche il presidente FNOMCeO Filippo Anelli: «Le misure-tampone sono contro ogni logica». Ad intervenire anche il sindacato degli infermieri Nursid
Medici stranieri in corsia, Leoni (CIMO Veneto): «Difficile che accettino queste condizioni economiche. Preferiscono altri Paesi»
Il segretario regionale del sindacato propone di utilizzare i 4 miliardi avanzati dall’attuazione di reddito di cittadinanza e Quota 100 per aumentare il numero delle borse delle scuole di specializzazione e rinnovare il contratto dei medici
Patto per la salute, FNOMCeO: «Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie»
«Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie». Lo avevano già chiesto, insieme alle altre Federazioni e Ordini nazionali delle professioni sanitarie e sociali, il 21 marzo scorso, in occasione dell’incontro con il Ministro della Salute Giulia Grillo. Ora la FNOMCeO, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, e prima ancora la Fnopo, l’omologo ente […]
Contratto medici, Quici (CIMO-FESMED): «Corte Costituzionale ci dà ragione. Ora Regioni trovino risorse»
«Gli oneri derivanti dalla contrattazione collettiva sono determinati a carico dei bilanci delle Regioni» si legge nella sentenza della Consulta. «Se non escono queste risorse noi andiamo avanti lo stesso», sottolinea il Presidente Guido Quici
di Diana Romersi e Giulia Cavalcanti
Def 2019, Bonaccini: «A rischio il fondo sanitario». Grillo replica: «Pronta a farmi saltare in aria se lo toccano»
Il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini si dice «preoccupato per il Def. Il Paese entra in una recessione praticamente tecnica, con crescita pari a zero»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...