Salute 22 Gennaio 2019 18:28

Chirurghi ‘in estinzione’, l’oncologo Giuseppe Petrella: «Arginare fuga di cervelli o salute a rischio. Aderisco all’idea del Tribunale della Salute»

Il docente di Chirurgia Generale presso l’Università Tor Vergata di Roma chiede alle istituzioni di lavorare a una legge che possa tornare a rendere attraente la figura professionale del chirurgo. «Nel 2025 ci saranno 1500 professionisti in meno, istituzioni facciano qualcosa»

Chirurghi ‘in estinzione’, l’oncologo Giuseppe Petrella: «Arginare fuga di cervelli o salute a rischio. Aderisco all’idea del Tribunale della Salute»

Il problema della carenza dei medici nei prossimi anni è un tema su cui da tempo associazioni, sindacati e professionisti stanno ponendo l’accento. C’è però una particolare categoria di medico, il chirurgo, che negli anni sta registrando una emorragia senza fine. Colpa dei turni massacranti, degli stipendi non all’altezza, dei contenziosi con i pazienti, sempre più frequenti. L’argomento è stato al centro del convegno “Diventare chirurgo generale oggi: una scelta difficile” alla Sala dell’Istituto di Santa Maria in Aquiro del Senato, che ha visto la presenza di autorevoli esponenti del mondo medico e della maggioranza di governo, come Pierpaolo Sileri, Presidente Commissione Sanità del Senato, Fabio Massimo Castaldo, vicepresidente del Parlamento Europeo, e Lorenzo Fioramonti, viceministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Tra i promotori Giuseppe Petrella, oncologo e docente di Chirurgia Generale presso l’Università Tor Vergata di Roma, che ha voluto anche sottolineare il problema dei tanti camici bianchi che scelgono di andare all’estero: «La maggior parte dei chirurghi che noi formiamo e che lo Stato italiano paga – sottolinea Petrella a Sanità Informazione – costa oltre 300mila euro e poi va all’estero. Noi regaliamo ai paesi esteri un capitale di conoscenza su cui abbiamo investito. Questa è una problematica molto importante che dovremo analizzare».

A pesare il blocco del turnover e problemi che rendono questa professione in Italia sempre meno attraente, come le molte denunce di cui sono vittime: sei chirurghi dieci nel corso della loro vita andranno incontro a un procedimento giudiziario e le pubblicità che incitano a denunciarli veicolano un messaggio pericoloso. Petrella è stato uno dei primi firmatari della petizione “Basta odio contro i medici” lanciata dal network legale Consulcesi per l’istituzione di una camera di compensazione che possa far diminuire il contenzioso medici-pazienti.

LEGGI ANCHE: TRA LE 100 ECCELLENZE ITALIANE C’È… UN 18ENNE. INTERVISTA ALLO STUDENTE CHE STA RIVOLUZIONANDO LA CARDIOCHIRURGIA

Professor Petrella, il tema del convegno è la chirurgia e la scelta da parte degli specializzandi della specializzazione chirurgica che purtroppo è una scelta che si fa sempre di meno. Quali sono i motivi alla base di questo e cosa si può fare?

«Ci sono delle problematiche estremamente importanti. Una di queste è il contenzioso giudiziario che purtroppo impedisce a molti chirurghi di effettuare degli interventi difficili. Ogni chirurgo si chiede: mi conviene farlo? E se prendo una denuncia? Oppure mi conviene non farlo? Poi c’è indubbiamente il problema dell’occupazione perché oggi trovare un posto nel Sistema sanitario nazionale è estremamente difficile. D’altra parte c’è la fuga dei cervelli perché la maggior parte dei chirurghi che noi formiamo e che lo Stato italiano paga costa oltre 300mila euro e poi va all’estero. Noi regaliamo ai paesi esteri un capitale di conoscenza su cui abbiamo investito. Perché qui si guadagna poco e gli specializzandi preferiscono andare fuori. Questa è una problematica molto importante che dovremo analizzare. Questo è il tema del convegno: abbiamo chiamato le autorità istituzionali che oggi governano il nostro Paese, il presidente della Commissione Sanità Pierpaolo Sileri, il viceministro Lorenzo Fioramonti, il vicepresidente del Parlamento europeo Fabio Massimo castaldo proprio perché insieme a loro vorremmo aprire un tavolo di discussione che ci consenta poi di poter fare qualcosa a livello legislativo che possa far superare queste emergenze. È stato calcolato che nei prossimi anni, nel 2025, per noi è domani, ci saranno 1500 chirurghi in meno e, tra tutti gli specialisti, mancheranno 10mila camici bianchi. Io penso che un governo si dovrebbe interessare di queste cose per la salute dei cittadini».

A proposito del tema dei risarcimenti, c’è una petizione online che ha raccolto migliaia di adesioni per creare una camera di compensazione che serve a ridurre quel contenzioso che poi spesso si conclude in un nulla di fatto ma che costringe i medici alla medicina difensiva. Cosa ne pensa?

«Io sono stato uno dei primi firmatari di questa petizione che ha fatto la Consulcesi. Ci avrebbero dovuto pensare i chirurghi, fortunatamente ci ha pensato qualcun altro. Indubbiamente con questo sistema il chirurgo viene solamente schiacciato. Io penso che invece ci sia bisogno di una camera di compensazione e ci auguriamo di poter ottenere un disegno di legge che porti a questo».

Articoli correlati
Enpam, per medici e dentisti via libera a domande per esonero contributi
L'Enpam avvia la procedura online per ricercare medici e odontoiatri potenzialmente beneficiari dell’esonero dei contributi previdenziali
‘Doppia laurea’, via libera dalla Commissione Cultura. E gli specializzandi potranno frequentare master e dottorati
La proposta di legge rappresenta un grande passo in avanti per ampliare l’offerta formativa universitaria e offrire maggiori opportunità di lavoro ai nostri giovani
Specializzandi, delegazione Pd incontra Ministra dell’Università Messa: «Sensibile ai nostri temi»
«La data del prossimo concorso di specializzazione ad oggi risulta essere confermata per luglio 2021» annuncia la delegazione Pd composta da Paola Boldrini, Vice Presidente della comm. Igiene e Sanità al Senato e Stefano Manai, Responsabile della formazione sanitaria del PD
Vaccini in farmacia, il no di ALS: «Deriva del ‘task shifting’, così si umilia la classe medica»
L’Associazione Liberi Specializzandi contesta l’accordo che consente di somministrare i vaccini in farmacia senza la presenza di un medico: «Viene legittimato dallo Stato il Dottor Google a tutti gli effetti»
Comitato Cure Domiciliari Covid incontra sottosegretario Sileri: «Pronti a collaborare»
Il Comitato Cura Domiciliare ha dato ampia disponibilità affinché uno dei medici del gruppo, come il professore Luigi Cavanna, possa essere incluso in un tavolo di lavoro istituzionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...