Formazione 21 Giugno 2019

Calo vocazioni, Paolo De Paolis (Presidente Sic) ai giovani: «Tornate ad amare il mestiere più bello del mondo»

«Nonostante il momento difficile per la nostra professione, sapere che c’è un giovane brillante che ha espresso il desiderio di fare il chirurgo è un’inversione di rotta – ammette compiaciuto il professor De Paolis, presidente della Società italiana chirurgia – . I giovani respirano il malcontento dei chirurghi che sono sottoposti a condizioni lavorative difficili, poche gratificazioni e rischi medico legali»

Immagine articolo

«Da grande voglio fare il chirurgo e salvare vite». Silvio Cristofalo è uno studente modello del liceo Classico Manzoni di Milano che in questi giorni sta affrontando una delle prove più significative della sua vita: l’esame di maturità. Tutti dieci in pagella e un futuro già scritto: farà il chirurgo. «La gente – ha confessato il ragazzo al Corriere della Sera – non vede altro che il ragazzo studioso e sempre sorridente, ma dietro c’è tanta fatica e a volte mi sento insicuro. Forse un giorno con una operazione al cuore salverò qualcuno».

Un sogno, quello di fare il medico chirurgo, che ha provocato la grandissima soddisfazione della Società italiana chirurgia che ha risposto al giovane, sempre sulla pagine del Corriere, con una lettera di congratulazioni ed incoraggiamento. Abbiamo raggiunto telefonicamente il presidente della Sic, il professor Paolo De Paolis, per un commento sulla vicenda.

«La lettera a Silvio è stata un’iniziativa presa da tutto il Consiglio Direttivo; è un fatto importante e significativo in un momento in cui soffriamo in termini di immagine – che per il chirurgo è sempre stata molto alta ed oggi, invece, si trova in seria difficoltà – dato che i giovani si allontanano da una professione che è appassionante. Vedere, finalmente, che c’è un giovane brillante che ha chiaramente espresso il desiderio di fare il chirurgo è un’inversione di rotta. Individuato in una singola esperienza, è vero, ma proprio perché è così significativa ci teniamo perché pensiamo che, a rimorchio, porti con sé una serie di considerazioni di altre passioni che hanno solo il germe oggi ma potrebbero generare una bella schiera di nuovi giovani domani».

Come nasce la lettera della Sic?

«Nasce dalla pubblicazione sul Corriere della Sera di storie e vicende di studenti nell’ambito degli esami di maturità. In particolare, ci ha colpito quella di questo giovane ragazzo così brillante ed il fatto che avesse in mente questa professione, ripeto, in un periodo in cui ci siamo resi conto, numeri alla mano, che c’è un calo di medici ma, soprattutto, di chirurghi».

Perché, secondo lei, c’è un calo di vocazioni?

«Molti sostengono, ed è certamente vero, che sia colpa del contenzioso medico-legale. Io credo che, oltre a questo, sia da attribuire al fatto che i giovani che cominciano a frequentare gli ospedali nell’ambito della Facoltà di Medicina nei reparti chirurgici leggono e respirano il malcontento della classe medica durante il percorso di studi. Anni fa, cominciando a frequentare i reparti chirurgici si poteva osservare un lavoro appassionante, fatto con dedizione. Oggi questa atmosfera è venuta a mancare perché i chirurghi sono sottoposti a condizioni lavorative difficili, poche gratificazioni e rischi medico legali che li rendono insoddisfatti. Questa insoddisfazione viene letta dai più giovani  che, anziché appassionarsi, si allontanano verso altre specialità più rassicuranti. È più facile che i giovani si lascino appassionare da un ambito lavorativo dove c’è più entusiasmo e soddisfazione».

E perché, oggi, i chirurghi non sono più appassionati?

«Perché le strutture ospedaliere non sono più adeguate, perché ciò che ritengono adeguato manca dal punto di vista degli strumenti e delle possibilità, dell’autonomia e delle responsabilità. Perché anche il trattamento economico dovrebbe essere adeguato. Queste sono le ragioni. Per questo, vedere un giovane così motivato significa che non tutto è perso; non cerchiamo il pessimismo e la lamentela, ma ragioni per riportarli ad amare questa professione. E abbiamo subito colto questa occasione».

Articoli correlati
La rivista scientifica della Società Italiana di Chirurgia è l’ottava più autorevole al mondo
Il presidente SIC Paolo De Paolis: «È un successo di tutta la chirurgia italiana»
Diabete: sana alimentazione, movimento fisico e adeguata terapia i pilastri fondamentali per la cura
«Serve approccio globale. È importante la conoscenza e la condivisione con il medico curante e il coinvolgimento con le associazioni di pazienti» così la diabetologa e presidente IBDO Foundation, Simona Frontoni, in occasione del 12° Italian Diabets Barometer Forum
di Lucia Oggianu
Riniti non allergiche, la rivoluzione dell’oscillazione cinetica. Macchi (Ospedale Varese): «Il colpevole è il Sistema nervoso periferico, primi risultati molto positivi»
Alberto Macchi sta sperimentando in Italia questa nuova terapia. Attraverso il device K.O.S. prodotto dall’azienda svedese Chordate Medical AB si inserisce nella narice un catetere collegato a un dispositivo: «Sui primi 15 pazienti si è avuta remissione dei sintomi a due mesi nell’80% dei casi. Ho controlli a due mesi su questi pazienti con dei risultati eccezionali nel senso che i pazienti non hanno più utilizzato spray, decongestionanti, steroidei nasali»
Giuramento d’Ippocrate, Bartoletti (OMCeO Roma): «Molti colleghi hanno problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico»
Hanno assistito al rito di iniziazione alla professione per seicento neoiscritti i rappresentanti istituzionali del mondo medico. «Il codice non si affigge solo al muro: va letto, osservato e compreso» ha precisato Pier Luigi Bartoletti. Il senatore Sileri: «Mantenete l’entusiasmo e aggiornatevi sempre». D’Amato (Regione Lazio): «Giovani investimento sul futuro»
Marini (Acoi): «Rivoluzionare formazione o usciamo dalle scuole»
«Il ministro Grillo conosce i nodi della sanità’ e voglio ringraziarla per l’attenzione che ha posto sul tema specializzandi e sul nostro progetto degli Ospedale-Scuola. Il tema centrale è la formazione e non c’è dubbio che se alle buone intenzioni non seguiranno i fatti i chirurghi italiani valuteranno l’uscita dalle reti formative nazionali». Lo ha […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...