Formazione 29 Agosto 2018

Numero chiuso, Monaco (FNOMCeO): «Prima di agire sul test aumentare borse di specializzazione per togliere ‘limbo’»

«È necessaria una programmazione seria concordata con la professione. Vogliamo essere consulenti gratuiti della politica». Già programmato vertice FNOMCeO – Ministero sul tema. L’intervista al segretario nazionale della Federazione degli Ordini dei Medici

Immagine articolo

È ormai notizia vecchia e nota a tutti: in Italia mancano i medici, e nei prossimi anni, in assenza di risposte, la situazione non potrà che peggiorare. «E allora perché la facoltà di medicina è a numero chiuso? Se servono medici, fateci studiare». È questa la reazione di molti giovani aspiranti camici bianchi, che si apprestano ad affrontare la prova d’accesso che sbarrerà la strada a cinque di loro su sei, quando leggono di paesi senza pediatri o senza medici di famiglia, di ospedali bloccati per l’assenza di alcune specializzazioni, di previsioni imbarazzanti secondo le quali, tra cinque anni, nel Sistema Sanitario Nazionale mancheranno circa 12mila medici. «E allora abolite il numero chiuso». Già sembra di sentirli i cori e le grida di protesta di coloro che si daranno appuntamento per il 4 settembre, giorno del test, in tutti gli atenei d’Italia, contestando un sistema ritenuto illegittimo e ingiusto.

«Il problema della facoltà a numero chiuso per ora è secondario. Prima va affrontata e risolta la situazione che vede migliaia di medici, già laureati, in un limbo da cui si esce con estrema difficoltà». A rispondere ai dubbi e alle proteste dei diplomati è Roberto Monaco, segretario nazionale della FNOMCeO. «Ogni anno un migliaio di giovani si laurea e poi non riesce ad entrare né nelle scuole di specializzazione né nei corsi di formazione in medicina generale, perché non ci sono posti a disposizione per tutti. Sono quindi inoccupati, bloccati in un limbo tanto più assurdo nel momento in cui mancano i medici».

LEGGI ANCHE: TEST DI INGRESSO: PAURE, SPERANZE E RABBIA DEGLI ASPIRANTI MEDICI CORRONO SU FACEBOOK

Prima di qualunque intervento sul meccanismo del numero chiuso, bisogna quindi aumentare le borse per le specializzazioni e la medicina generale. Così facendo, gli inoccupati intraprenderanno il loro percorso di specializzazione e potranno quindi iniziare a lavorare e a sostituire i medici che nei prossimi anni andranno in pensione, affrontando in questo modo anche il problema della carenza di camici bianchi. «In questo momento – aggiunge Monaco – aumentare le persone che accedono a medicina avrebbe come unica conseguenza l’aumento delle persone che rimangono nel limbo. Al Sistema Sanitario Nazionale non interessa, per ora, che ci siano più laureati, ma più specialisti».

E ne è ben consapevole il ministro della Salute Giulia Grillo, che ha richiesto alle Regioni i dati relativi alla carenza dei medici per definire contromisure utili a contrastare il problema, annunciando la possibilità di «prime significative novità» già nella prossima Legge di stabilità. Intanto è già in programma a breve un incontro FNOMCeO – Ministero per affrontare la questione.

«Se vogliamo mantenere un sistema sanitario pubblico che sia equo, solidale e universalistico – continua il segretario della Federazione Nazionale degli Ordini – è necessaria una programmazione seria: tutti i laureati devono aver modo di entrare in uno dei due percorsi formativi. E la programmazione deve essere concordata con la professione: noi vogliamo essere consulenti gratuiti della politica, vogliamo essere ascoltati ed esser parte attiva del processo decisionale perché conosciamo bene i problemi della professione, degli ospedali e del sistema sanitario. Ci viviamo giorno e notte in questo sistema, e sappiamo bene dove si può risparmiare o dove investire».

Tuttavia, anche se le borse aumentassero domani, il sistema sanitario coglierebbe i frutti di questa decisione tra cinque anni, alla fine della specializzazione. E nel frattempo? C’è chi, come il sindacato Anaao, propone l’apertura dei concorsi agli specializzandi dell’ultimo anno per farli entrare prima nel mondo del lavoro: «Davanti ad una situazione di emergenza – commenta Monaco – si devono trovare soluzioni di emergenza. Per la FNOMCeO iniziare a ragionare per cercare di trovare delle soluzioni è sempre positivo».

La stessa FNOMCeO, dal canto suo, ha trovato una possibile soluzione alla questione numero chiuso: di concerto con il ministero dell’Istruzione, ha dato vita in alcuni licei d’Italia ai corsi di curvatura biomedica. «Sentendo medici parlare di medicina in lezioni tenute a scuola, gli studenti si rendono conto di cosa li aspetta e capiscono veramente se hanno voglia di diventare dottori. A Siena, lo scorso anno solo la metà dei ragazzi iscritti ha concluso il percorso. Creiamo quindi un percorso di orientamento in modo che i ragazzi capiscano se la loro passione è reale o se vogliono diventar dottori come una volta si voleva diventare astronauti», conclude Monaco.

LEGGI ANCHE: VUOI STUDIARE MEDICINA? INIZIA DAL LICEO. IL 98% DEGLI STUDENTI DELL’INDIRIZZO BIOMEDICO SUPERA IL TEST D’INGRESSO

Articoli correlati
Assunzioni SSN, Leoni (FNOMCeO): «Bene iniziare a parlarne, ma bisogna verificare se annuncio avrà conseguenze concrete»
Il vicepresidente della Federazione degli Ordini dei Medici teme che il superamento del tetto di spesa per il personale calcolato sui parametri dello scorso anno non sia sufficiente a risolvere il problema della carenza di medici e professionisti sanitari: «Se in Veneto mancano 1300 camici bianchi e non calcolo l’incremento sul personale originario, c’è il rischio di non recuperare granché»
Regionalismo differenziato, incontro FNOMCeO – Regioni. Filippo Anelli: «Garantire le stesse chance di cura a tutti i cittadini»
Il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici: «Istituito un gruppo di lavoro per studiare le diseguaglianze regionali. Dai risultati elaboreremo proposte concrete da sottoporre ai vari Governatori»
di Isabella Faggiano
Carenza medici, Anaao stila mappa delle ‘sofferenze’ fino al 2025: 16500 medici in meno, Piemonte, Toscana e Sicilia in testa
I risultati dello studio: dall’analisi delle curve di pensionamento e dei nuovi specialisti formati nel periodo 2018-2025, è previsto un ammanco di circa 16.700 medici. Le specialità in cui la programmazione risulta più deficitaria sono la medicina d’urgenza e la pediatria
Patto salute, Fugatti (Trentino): «Rimodulare rete punti nascita alla luce del calo demografico e intervenire su carenza medici specialisti»
«I cittadini trentini chiedono maggiori servizi e nuovi investimenti: se non interveniamo, anche a causa della denatalità, rischiamo lo spopolamento della montagna». E sulla carenza degli specialisti: «Il Governo deve adoperarsi o mancheranno, soprattutto, pediatri, medici di base, guardie mediche e anestetisti» così il Presidente della Provincia autonoma di Trento
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Salute e migrazione, la FNOMCeO presenta il corso ECM per curare e prendersi cura. Anelli: «Nessuno va trascurato»
Il corso è disponibile gratuitamente per tutti i medici italiani ed è stato realizzato con la collaborazione di Sanità di Frontiera OIS, presieduta da Francesco Aureli: «La salute e il benessere dei migranti devono procedere di pari passo con la salute e il benessere della comunità ospitante»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone