Formazione 29 agosto 2018

Numero chiuso, Monaco (FNOMCeO): «Prima di agire sul test aumentare borse di specializzazione per togliere ‘limbo’»

«È necessaria una programmazione seria concordata con la professione. Vogliamo essere consulenti gratuiti della politica». Già programmato vertice FNOMCeO – Ministero sul tema. L’intervista al segretario nazionale della Federazione degli Ordini dei Medici

Immagine articolo

È ormai notizia vecchia e nota a tutti: in Italia mancano i medici, e nei prossimi anni, in assenza di risposte, la situazione non potrà che peggiorare. «E allora perché la facoltà di medicina è a numero chiuso? Se servono medici, fateci studiare». È questa la reazione di molti giovani aspiranti camici bianchi, che si apprestano ad affrontare la prova d’accesso che sbarrerà la strada a cinque di loro su sei, quando leggono di paesi senza pediatri o senza medici di famiglia, di ospedali bloccati per l’assenza di alcune specializzazioni, di previsioni imbarazzanti secondo le quali, tra cinque anni, nel Sistema Sanitario Nazionale mancheranno circa 12mila medici. «E allora abolite il numero chiuso». Già sembra di sentirli i cori e le grida di protesta di coloro che si daranno appuntamento per il 4 settembre, giorno del test, in tutti gli atenei d’Italia, contestando un sistema ritenuto illegittimo e ingiusto.

«Il problema della facoltà a numero chiuso per ora è secondario. Prima va affrontata e risolta la situazione che vede migliaia di medici, già laureati, in un limbo da cui si esce con estrema difficoltà». A rispondere ai dubbi e alle proteste dei diplomati è Roberto Monaco, segretario nazionale della FNOMCeO. «Ogni anno un migliaio di giovani si laurea e poi non riesce ad entrare né nelle scuole di specializzazione né nei corsi di formazione in medicina generale, perché non ci sono posti a disposizione per tutti. Sono quindi inoccupati, bloccati in un limbo tanto più assurdo nel momento in cui mancano i medici».

LEGGI ANCHE: TEST DI INGRESSO: PAURE, SPERANZE E RABBIA DEGLI ASPIRANTI MEDICI CORRONO SU FACEBOOK

Prima di qualunque intervento sul meccanismo del numero chiuso, bisogna quindi aumentare le borse per le specializzazioni e la medicina generale. Così facendo, gli inoccupati intraprenderanno il loro percorso di specializzazione e potranno quindi iniziare a lavorare e a sostituire i medici che nei prossimi anni andranno in pensione, affrontando in questo modo anche il problema della carenza di camici bianchi. «In questo momento – aggiunge Monaco – aumentare le persone che accedono a medicina avrebbe come unica conseguenza l’aumento delle persone che rimangono nel limbo. Al Sistema Sanitario Nazionale non interessa, per ora, che ci siano più laureati, ma più specialisti».

E ne è ben consapevole il ministro della Salute Giulia Grillo, che ha richiesto alle Regioni i dati relativi alla carenza dei medici per definire contromisure utili a contrastare il problema, annunciando la possibilità di «prime significative novità» già nella prossima Legge di stabilità. Intanto è già in programma a breve un incontro FNOMCeO – Ministero per affrontare la questione.

«Se vogliamo mantenere un sistema sanitario pubblico che sia equo, solidale e universalistico – continua il segretario della Federazione Nazionale degli Ordini – è necessaria una programmazione seria: tutti i laureati devono aver modo di entrare in uno dei due percorsi formativi. E la programmazione deve essere concordata con la professione: noi vogliamo essere consulenti gratuiti della politica, vogliamo essere ascoltati ed esser parte attiva del processo decisionale perché conosciamo bene i problemi della professione, degli ospedali e del sistema sanitario. Ci viviamo giorno e notte in questo sistema, e sappiamo bene dove si può risparmiare o dove investire».

Tuttavia, anche se le borse aumentassero domani, il sistema sanitario coglierebbe i frutti di questa decisione tra cinque anni, alla fine della specializzazione. E nel frattempo? C’è chi, come il sindacato Anaao, propone l’apertura dei concorsi agli specializzandi dell’ultimo anno per farli entrare prima nel mondo del lavoro: «Davanti ad una situazione di emergenza – commenta Monaco – si devono trovare soluzioni di emergenza. Per la FNOMCeO iniziare a ragionare per cercare di trovare delle soluzioni è sempre positivo».

La stessa FNOMCeO, dal canto suo, ha trovato una possibile soluzione alla questione numero chiuso: di concerto con il ministero dell’Istruzione, ha dato vita in alcuni licei d’Italia ai corsi di curvatura biomedica. «Sentendo medici parlare di medicina in lezioni tenute a scuola, gli studenti si rendono conto di cosa li aspetta e capiscono veramente se hanno voglia di diventare dottori. A Siena, lo scorso anno solo la metà dei ragazzi iscritti ha concluso il percorso. Creiamo quindi un percorso di orientamento in modo che i ragazzi capiscano se la loro passione è reale o se vogliono diventar dottori come una volta si voleva diventare astronauti», conclude Monaco.

LEGGI ANCHE: VUOI STUDIARE MEDICINA? INIZIA DAL LICEO. IL 98% DEGLI STUDENTI DELL’INDIRIZZO BIOMEDICO SUPERA IL TEST D’INGRESSO

Articoli correlati
Numero chiuso e imbuto formativo, sempre più difficile diventare medico. In 10 anni 10mila medici via dall’Italia
Mestiere “a rischio estinzione” per il network legale Consulcesi. Il Presidente Massimo Tortorella: «Ancora troppa incertezza sul destino degli studenti. Ci saranno più posti a disposizione? Si passerà a un sistema alla francese? Servono risposte certe subito». Atenei in crisi: dal 2008 a oggi i docenti sono scesi da 63.228 a 53.801
Sicurezza delle cure, la FNOMCeO lancia gli Sportelli del cittadino dove confrontarsi con medici e avvocati
Nell’ambito dell’incontro con il Consiglio nazionale forense, concordato anche un tavolo di confronto sulla ‘pubblicità etica’ in sanità
Medici sotto attacco, 35mila nuove cause all’anno. FNOMCeO e Regioni chiedono legge per regolamentare spot contro Ssn
Libero pubblica i numeri drammatici dell’ «attacco conclamato alla categoria» e promuove la petizione lanciata da Consulcesi per istituire il Tribunale della Salute. Tra i sottoscrittori anche il Senatore Sileri (pres. 12° commissione): «Tornare a un rapporto sano tra i cittadini e la sanità, il clima di sfiducia non fa bene a nessuno»
Concorsi emergenza-urgenza senza specializzazione, Pugliese (Simeu): «Ok se soluzione tampone, ma con percorso formativo»
Il presidente della Società italiana della Medicina di Emergenza-urgenza sull’emendamento al Dl Semplificazione che prevede la partecipazione ai concorsi 2019 di chi ha lavorato per 4 anni, negli ultimi 10, nei servizi di emergenza: «Non risolve carenza di specialisti ma sana la posizione del singolo medico»
SSN, nel 2025 mancheranno 16.500 specialisti. L’allarme dell’Anaao: «È vera emergenza nazionale»
Tra i fattori della carenza di specialisti, secondo lo studio condotto dal sindacato, imbuto formativo, blocco del turnover ed emorragia di pensionamenti. A mancare, saranno soprattutto medici d'emergenza-urgenza, pediatri, internisti e anestesisti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...