Formazione 28 Agosto 2018

Test di ingresso: paure, speranze e rabbia degli aspiranti medici corrono su Facebook

Sono decine i gruppi creati da chi tra qualche giorno affronterà la prova d’accesso per chiedere consigli e spiegazioni, ma anche per sfogarsi contro un sistema ritenuto ingiusto e limitante. Le voci dei ragazzi

Immagine articolo

«Sembra assurdo che il mio futuro debba essere basato su delle crocette». È solo una delle tante giovani voci che vedono il test d’ingresso alla facoltà di medicina come un ostacolo che li separa non solo dalla carriera che vorrebbero intraprendere, ma anche dalla vita che vorrebbero vivere.

Saranno circa 67mila gli aspiranti camici bianchi che il 4 settembre affronteranno la prova. I posti a disposizione sono 9779, quindi solo uno su sei riuscirà ad entrare. Per essere tra i più bravi, o tra i più fortunati, hanno trascorso l’estate a studiare, a frequentare corsi di preparazione e a provare le tante simulazioni che si trovano on line. Hanno ormai dato il via al conto alla rovescia, con i correlati ripassi dell’ultim’ora e l’inevitabile ansia che sale. E quando si trovano davanti domande e dubbi a cui proprio non sanno rispondere, cercano aiuto dove sono nate vere e proprie comunità di speranzosi aspiranti medici: Facebook.

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, 800 POSTI IN PIÙ A MEDICINA. GAUDIO (SAPIENZA): «NECESSARI PER FAR FRONTE A CARENZA MEDICI»

Sono decine i gruppi nati per darsi una mano a vicenda, avere informazioni sui libri su cui studiare, chiedere illuminazioni sulla risposta di un quiz o su quali siano le strade alternative da poter percorrere per non perdere un anno, nel caso il test andasse male. C’è chi come Andrea sottolinea con amarezza che «il trionfo di uno è correlato al fallimento dell’altro», oppure Aldo che chiede se può portare all’esame «la bottiglia dell’acqua o devo buttare il tappo». C’è anche chi il giorno del test vorrebbe portarsi un energy drink ma teme la squalifica per doping e chi chiede se è possibile lasciare acceso il cercapersone.

Ci sono i messaggi di chi il test l’ha affrontato qualche anno fa, e adesso inizia a vedere all’orizzonte l’obiettivo della laurea in medicina, come Edoardo, «un collega del quinto anno», che rivolge un «in bocca al lupo a tutti voi che vi accingete ad affrontare un test così duro e impegnativo, l’inizio di un percorso difficile e tortuoso ma allo stesso tempo affascinante, interessante ed appagante. Un percorso che deve essere dettato soprattutto dalla passione verso la professione e dall’amore verso gli altri. Auguro il meglio a chi di voi affronterà questo percorso con il cuore, oltre che con la testa». Una valanga di pollicioni alzati e cuoricini ha investito il post.

Ma c’è anche chi lascia messaggi poco incoraggianti a chi pensa che il test sia troppo difficile: «Se vi state disperando per il test, non andate a medicina. Vi aspettano sei anni di inferno. Ma se sarete impavidi come Ulisse ne uscirete vittoriosi e cambiati, dentro e fuori».

Poi c’è chi si sfoga, su Facebook e ai nostri microfoni, contro un sistema «limitante per le molte persone che hanno una passione e vogliono fare medicina». «Non è il test che determina la qualità di una persona, né è in grado di capire se potrà essere un buon medico o meno».

La maggior parte si rende però conto che uno sbarramento debba esserci. Chiedono però che non sia «questa tortura psicologica a cui vengono sottoposti gli studenti», ci dice un ragazzo. La soluzione che molti propongono sui tanti gruppi Facebook e siti nati ad hoc, come numerochiuso.info, è una «selezione che si dimostra nell’arco del tempo». «Il test dovrebbe essere fatto dopo il primo anno accademico, sulla base del merito – aggiunge un’altra studentessa -. Farei una selezione degli studenti con maggior numero di crediti totalizzati nell’anno, esami dati e media».

Qualcuno la paragona alla «selezione naturale» che porti nel tempo a definire chi effettivamente ha la stoffa per proseguire e chi potrebbe far meglio in altri ambiti. «Ritengo giusto consentire a tutti di frequentare il primo anno e impedire di proseguire a chi non ha accumulato un numero minimo di crediti». Intanto il 4 settembre si avvicina e chi intende iscriversi a medicina deve affrontare il test. Almeno per quest’anno, non c’è via di scampo.

LEGGI ANCHE LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE DEDICATO ALLA FORMAZIONE DEI MEDICI

Articoli correlati
«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)
Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà di area sanitaria e poi selezione in base agli esami e a un test
Aumento posti Medicina, il Segretariato Italiano Studenti in Medicina: «Preoccupati per qualità formazione»
«Ad oggi, ribadiamo che l’accesso a Medicina deve seguire il modello a numero programmato e l’abilitazione alla professione medica deve integrarsi perfettamente al percorso universitario dello studente». Così Manfredi Greco, presidente SISM
Numero chiuso, 1800 posti in più per Medicina. Ecco tutte le novità e la suddivisione per ateneo
Il Miur ha comunicato i posti disponibili per le immatricolazioni ai corsi di laurea a numero chiuso e la suddivisione per ateneo. Per medicina un incremento del 18%: si passa dai 9.779 dello scorso anno agli 11.568 di quest'anno. Bussetti: «Con l'aumento dei posti promesse mantenute. A questo corrisponda anche un incremento delle borse di specializzazione mediche»
Aumento posti a Medicina, Anelli (FNOMCeO) chiede l’intervento di Conte: «Mancano specialisti. In 5 anni 21mila laureati fermati da imbuto formativo»
Il Presidente della Federazione è amareggiato: «Chi spiegherà a 10.000 medici che le loro speranze sono state infrante da un Ministro della Repubblica che non ha capito cosa bisognava fare? E chi lo farà tra cinque anni, quando, per l’esito di vecchi ricorsi e di nuovi aumenti negli accessi, saranno diventati più di 21.000?»
Patto per la Salute, Lanzarin (Veneto) con Grillo: «Finanziamento non può essere a rischio»
Una distensione, quella tra Ministero e Conferenza delle Regioni, che sembrava già essere nell’aria, come dimostrano le parole dell’assessore alla Sanità Regione Veneto, Manuela Lanzarin: «Il finanziamento della sanità non può essere a rischio, perché stiamo parlando della salute dei cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...