Lavoro 2 Marzo 2021 12:11

Disagio lavorativo e mancanza di organizzazione: ecco cosa vuole dire essere medici in Campania ai tempi del Covid

Il sondaggio di Anaao Campania ha evidenziato una scarsa formazione per la gestione dell’emergenza e numerose carenze procedurali

Disagio lavorativo e mancanza di organizzazione: ecco cosa vuole dire essere medici in Campania ai tempi del Covid

La pandemia di Covid-19 è stato un vero e proprio stress test per il sistema sanitario nazionale e, in base al livello di emergenza, di ogni singola Regione. In Campania, l’emergenza sanitaria si è inserita in un contesto in cui i ritardi per il rinnovo contrattuale per circa dieci anni ed il blocco del turn over hanno impoverito la sanità regionale di importanti risorse umane, costringendo tanti medici a migrare verso il sistema privato o paesi esteri determinando un notevole impatto sul sistema salute. Diverse sono le criticità organizzative e di programmazione con le quali si sono dovuti confrontare gli operatori sanitari fin dai primi casi di Covid -19 registrati nel mese di febbraio 2020. ANAAO Assomed Campania ha promosso un questionario anonimo tra medici e dirigenti sanitari di tutte le aziende regionali al fine di comprendere l’entità del disagio lavorativo, umano e professionale che stanno vivendo.

Il disagio lavorativo degli operatori sanitari ai tempi dei Covid: la carenza nella formazione

Il questionario, compilato tra gennaio e febbraio 2020 da 1182 medici, ha riguardato i seguenti temi: la formazione del personale per l’emergenza Covid; l’organizzazione di percorsi e procedure; la programmazione delle cure nel post Covid; la tutela dei diritti dei lavoratori; la valutazione complessiva dell’azione aziendale e regionale. Rispetto alla domanda sulla formazione, solo il 21% degli intervistati ha affermato di aver avuto una formazione, il 52% afferma di non aver ricevuto una adeguata formazione per affrontare l’emergenza, mentre ben il 21% ha affermato di essersi formato sul campo.

Il rispetto delle procedure e l’organizzazione nei Pronto Soccorso

Per quanto riguarda le procedure aziendali messe in atto e le relative istruzioni operative per i percorsi, il 56% degli intervistati ha affermato che questo non è avvenuto, con punte estreme come nel caso dell’Ospedale del Mare dove ben il 70% degli intervistati afferma di non aver ricevuto istruzione operative su percorsi, e solo 11% afferma di averlo ricevuto. Quando è stato chiesto se i Pronto soccorso fossero stati adeguatamente organizzati, una percentuale complessiva dell’89% ha riposto di no, nel quale è stata compresa anche una percentuale del 25% che ha definito l’organizzazione ‘parziale’.

I diritti dei lavoratori e il piano liste d’attesa

È emerso tuttavia dall’indagine un sostanziale rispetto del diritto dei lavoratori con solo un 20% degli intervistati che ha affermato il contrario. Idem sulla sorveglianza sanitaria e l’individuazione dei soggetti fragili da salvaguardare: solo il 20% degli intervistati ha affermato il mancato rispetto di tali regole. Uno dei dati peggiori emersi dal sondaggio è stato invece quello inerente alla creazione di un piano per il recupero delle liste di attesa per le attività assistenziali ordinarie: solo il 20% degli intervistati ha affermato che tale piano è stato previsto.

I commenti

«Spicca in negativo il fatto che solo il 21% degli intervistati ha giudicato adeguata l’organizzazione dei Pronto Soccorso – afferma Maurizio Cappiello, componente del Direttivo Nazionale Anaao Assomed – un dato dovuto all’assenza di un piano pandemico con un meccanismo a cascata che dall’OMS e dal Ministero si ripercuote sulle organizzazioni regionali e alle singole aziende ospedaliere. Un altro dato critico – commenta Cappiello – è quello sulle liste d’attesa: la gestione del post emergenza sarà fondamentale, ma così rischiamo di gestire un’altra emergenza drammatica nei prossimi mesi, e cioè tutte quelle pratiche diagnostiche e assistenziali che in fase pandemica si sono rimandate e accumulate».

«La maggior parte degli ospedali in Campania ha combattuto a mani nude questo nemico – afferma Vincenzo Bencivenga, Segretario Regionale Anaao Campania – e se questo nella prima ondata poteva avere una qualche giustificazione, nella seconda ondata no. L’effetto sorpresa si era esaurito, avremmo dovuto essere preparati adeguatamente. Eppure, i percorsi sporco-pulito sono saltati quasi subito. Gli operatori sul campo sanno come tamponare le mancanze organizzative grazie alla competenza e all’esperienza, ma non possono essere lasciati allo sbando. Il nostro auspicio – conclude – è che si possa aprire un confronto costruttivo con gli esperti per gestire al meglio le prossime fasi».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»
«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Erich Grimaldi, Presidente del Comitato Cure Domiciliari Covid-19
Vaccini, Regimenti (Lega): «Velocizzare campagna e puntare su produzione in Ue»
«L'Italia e l'Europa hanno tutto il potenziale per produrre i vaccini sul proprio territorio» sottolinea l'eurodeputata della Lega Luisa Regimenti
Riaperture, Vineis (CSS): «Così si rischia di mantenere lunga coda dell’epidemia»
La chiave del successo inglese: un lockdown incisivo «pianificato e temporizzato» e una vaccinazione rapida ed efficace. L’intervista a Paolo Vineis, professore di epidemiologia all’Imperial College di Londra e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità
La vitamina C e la vitamina D prevengono il contagio da Covid-19?
Cosa dice la Circolare del 30 novembre 2020 del Ministero della Salute sulla “Gestione domiciliare dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2”
Covid, per sanitari turni massacranti e ferie negate. Boom di richieste d’aiuto a Consulcesi: +30% in un anno
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi. «Per i medici gli straordinari sono diventati 'ordinari'. Siamo al fianco dei nostri eroi affinché ricevano il giusto riconoscimento per i sacrifici che continuano a fare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...