Salute 26 Ottobre 2020 11:09

Pronto Soccorso, percorsi separati sulla carta ma in realtà non si riesce a isolare i positivi

La situazione negli ospedali romani raccontata dal segretario di CGIL Sanità Lazio e Michela Flores di Usb Sanità: «Le ambulanze sono utilizzate come camere di isolamento, in attesa di trovare un posto letto ai pazienti»

di Peter D'Angelo
Pronto Soccorso, percorsi separati sulla carta ma in realtà non si riesce a isolare i positivi

«Al Policlinico Umberto I di Roma esistono percorsi separati solo sulla “carta”, in realtà c’è un accesso unico al Pronto Soccorso. All’ospedale Santo Spirito e al San Filippo c’è ancora un accesso unico per tutti i pazienti». Francesco Palmeggiani, Segretario regionale CGIL Sanità Lazio, ci fa una polaroid sull’emergenza Covid-19. La normativa impone, dal 13 ottobre, percorsi separati nei Pronto Soccorso, per evitare che pazienti con sintomi riconducibili al coronavirus condividano spazi con altre tipologie di pazienti.

A confermarci la situazione critica all’ingresso delle strutture ospedaliere c’è anche Michela Flores di Usb Sanità: «Al Pertini, la sala Covid al Pronto Soccorso sabato scoppiava, c’erano 25 pazienti».

PERCORSI SEPARATI IN PRONTO SOCCORSO, LE DIFFICOLTÀ DELLE STRUTTURE ROMANE

Ci sono anche strutture, che con notevole sforzo di competenze e risorse, stanno cercando di perimetrare i percorsi: «Al San Giovanni esistono percorsi differenziati – continua Francesco Palmeggiani – ma ci sono gravi problemi strutturali, come stanze di isolamento non idonee». E tutto questo rischia di azzerare gli sforzi di contenimento.

Alcuni ospedali sono riusciti a differenziare i percorsi, secondo la CGIL: «All’ospedale Sandro Pertini della ASL Roma 2 sono stati attivati sabato i percorsi differenziati; all’ospedale Sant’Andrea esistono percorsi ed ingressi differenziati; e anche al Policlinico Agostino Gemelli».

Altre strutture hanno a disposizione solamente “ingressi unici”, quindi ad alto rischio per i pazienti, seppure poi smistino i percorsi: «Al San Camillo l’accesso al Pronto Soccorso è unico, le persone transitano e si accalcano davanti l’ingresso. Ma a tutti i pazienti viene fatto un tampone rapido (antigenico) al pre-triage e in base all’esito i pazienti seguono percorsi differenziati».

AMBULANZE COME CAMERE DI ISOLAMENTO

In questo limbo sanitario vengono arruolate anche le ambulanze del 118 come camere d’isolamento mobili. «Funziona così: le ambulanze restano bloccate con i pazienti in attesa del tampone. Se risultano positivi restano in ambulanza, che viene usata come stanza di contenimento, finché non trovano i posti dove ricoverarli perché intanto gli ospedali Covid Free non possono prendere il paziente» spiega Michela Flores.

In questo video, è possibile vedere 12 ambulanze ferme al Policlinico Gemelli. «Così crolla tutto», ci dice un’operatrice del 118. Numeri alla mano, secondo l’ARES 118 nel Lazio le postazioni territoriali presso le quali sono ubicati i mezzi di soccorso dell’Azienda sono 178, con una dotazione complessiva regionale di 224 mezzi di soccorso: 183 ambulanze con personale infermieristico, 4 ambulanze con personale medico, 37 automediche. A Roma ci sono 67 ambulanze. Ma se alcune di queste sono utilizzate come stanze di contenimento e bloccate per ore, il rischio di compromettere altri codici rossi è alto.

«Invece gli ospedali Covid si trovano ancora impreparati avendo smontato tutte le strutture e i percorsi usati in precedenza, durante la prima ondata», aggiunge Flores. In buona sostanza, l’organizzazione fluida delle strutture sanitarie sta iniziando a sottrarre risorse da altri reparti per ampliare i reparti Covid-19. E con molto affanno e in taluni casi con molti rischi di contribuire al contagio, corrono verso soluzioni tampone.

Ecco perché è fondamentale che in questi giorni delicatissimi i pazienti compensino le carenze organizzative e di risorse degli ospedali. Chi ha sintomi che possono essere riconducibili al Covid-19 devono chiamare il proprio medico curante che a sua volta avviserà il 118, se riterrà opportuno, per farli intervenire in sicurezza. Invece, qualora si andasse di corsa al Pronto Soccorso, è necessario che chi ci accompagna il paziente avvisi il primo operatore dei possibili sintomi Covid-19, per garantire un intervento separato e in sicurezza.

Gli interventi d’urgenza creano ancora molti rischi, i protocolli non sempre si applicano. Michela Flores ci racconta che «al C.T.O. di Roma dovevano operare un ragazzo, che ha avuto contatti con molti operatori all’interno della struttura, prima di scoprire che era positivo. Non essendoci i dispositivi in quantità per Covid nell’ospedale, le sale operatorie hanno difficoltà ad operare con l’urgenza necessaria le fratture “gravi” come il femore. Alla fine il ragazzo è stato operato ma non sono stati fatti i tamponi a chi ha eseguito l’intervento».

La stragrande maggioranza degli ospedali sta avvertendo l’onda d’urto: «All’ospedale San Camillo le rianimazioni smontate a giugno erano in ripristino da ieri. Il personale del reparto pneumologia diventerà il personale per il Covid».

SITUAZIONE SIMILE ANCHE IN ALTRE REGIONI

La situazione è disomogenea sia nel Lazio che in Lombardia come pure in Campania. Il segretario della CGIL sottolinea che «i percorsi separati, sulla carta, esistono, ma attualmente i Pronto Soccorso sono pieni di pazienti e riuscire a rispettare l’isolamento o il semplice distanziamento è impresa quasi impossibile. Questo è l’esito di venti anni di tagli lineari alla sanità e della riduzione dei posti letto. Quasi tutte le strutture stanno individuando reparti che diventeranno a giorni reparti Covid. Sembra incredibile che l’annunciata seconda ondata ci possa aver colto così impreparati».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Contrasto della pandemia, la Corte costituzionale: «Spetta allo Stato determinare le misure necessarie»
Anelli (Fnomceo) plaude: «Spetta al Governo centrale il ruolo di guida. Rafforzare il Ministero della Salute e coinvolgere i professionisti»
Premio Nobel al Corpo sanitario italiano, l’idea della Fondazione Gorbachev conquista adesioni
«Abbiamo scelto questa definizione inclusiva perchè voleva dire comprendere tutti, medici, infermieri, operatori sanitari, farmacisti, civili e militari impegnati nella prevenzione e nella cura del Covid» spiega il Presidente delle Fondazione Marzio Dallagiovanna
Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto
La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marziale (specialista in diritto del lavoro e sanitario)
Vaccino Covid, Manai (Pd): «Specializzandi disponibili per campagna ma serve volontarietà e contrattualizzazione»
«Tutto deve essere fatto nel rispetto del loro ruolo e della professione che essi ricoprono» afferma Stefano Manai, Responsabile della nazionale della Formazione sanitaria del Partito democratico
Vaccini Covid-19, Lorefice (M5S): «Siamo felici dell’attenzione a categorie fragili»
La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera ha commentato l'informativa alla Camera del Ministro della Salute Roberto Speranza: «Condividiamo pertanto la necessità di inserire queste categorie come prioritarie nel piano vaccinale nazionale, per preservarle e ridurre le disuguaglianze che la pandemia ha acuito»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio, sono 112.554.307 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.497.814 i decessi. Ad oggi, oltre 216,17 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...