Lavoro 15 Luglio 2020

Responsabilità e Covid-19, Gelli: «Decreti attuativi legge 24 e scudo per tutelare professionisti sanitari»

Manca solo la firma del ministro Patuanelli per completare l’iter dei decreti attuativi della legge Gelli. E intanto iniziano ad arrivare le prime richieste di risarcimento dai familiari delle vittime del Covid. Il presidente della Fondazione Italia in Salute: «Serve norma ad hoc»

Immagine articolo

L’assenza dei decreti attuativi della legge Gelli-Bianco sulla responsabilità professionale potrebbe avere ripercussioni importanti sul personale sanitario che ha lottato contro il Covid-19. Iniziano infatti ad arrivare le prime azioni legali e richieste di risarcimento da parte dei familiari delle vittime del coronavirus, ma medici e professionisti sanitari potrebbero non essere adeguatamente tutelati. Per due motivi: da una parte, appunto, la mancanza dei decreti attuativi non rende pienamente operativa la legge 24/2017; dall’altra, non è ancora stata approvata una norma specifica che regoli la responsabilità degli esercenti la professione sanitaria durante l’emergenza Covid-19.

È Federico Gelli, presidente della Fondazione Italia in Salute e padre della legge che porta il suo nome, ad evidenziare la necessità di agire in entrambe le direzioni. «A mio avviso i professionisti devono poter contare sulla pienezza delle garanzie che la legge 24 può offrire. Sappiamo che l’iter dei tre decreti attuativi di competenza del ministero dello Sviluppo Economico è pressoché concluso – spiega raggiunto al telefono -. I testi hanno ricevuto il parere favorevole del ministero dell’Economica e del ministero della Salute. Quindi manca solo la firma del ministro Patuanelli, che ci auguriamo possa arrivare in tempi rapidi. Una volta operativi questi tre decreti, il ministero della Salute potrà emanare il quarto decreto attuativo che istituisce il fondo di garanzia e di solidarietà per i pazienti che hanno avuto un danno dal sistema sanitario e non hanno potuto riscuotere il premio».

«I decreti – aggiunge Gelli – devono definire aspetti che erano molto importanti già prima della pandemia. Alla luce di quello che è accaduto in tutto il mondo, a partire dal nostro Paese, sono ancora più indispensabili. Parliamo della formazione, della regolamentazione delle forme di autoritenzione del rischio, della definizione dei massimali, eccetera. Insomma, temi che hanno un impatto importante sulla vita dei professionisti».

In questi mesi, però, sono saltati i meccanismi ordinari. E ora si cercano i responsabili degli eventuali errori commessi. «La legge 24 spinge sulle forme di azione nei confronti delle strutture sanitarie. Però se il sistema è a maglie larghe, è probabile che possa essere chiamato a rispondere delle sue azioni anche qualche professionista. La legge infatti fa riferimento al rispetto delle buone pratiche assistenziali e delle linee guida, che ovviamente non ci sono. Ma in quel caso di chi è la responsabilità? Nessuno sapeva cosa fosse l’infezione da Covid-19, ma in assenza di protocolli i professionisti potrebbero essere maggiormente esposti. Ecco perché come Fondazione Italia in Salute avevamo presentato una proposta di legge che avrebbe trattato in maniera straordinaria la responsabilità professionale nel periodo della pandemia, innalzando ulteriormente i livelli di protezione e di tutela per gli esercenti la professione sanitaria».

La proposta di legge limitava la responsabilità di strutture sanitarie e professionisti solo in caso di evento dannoso riconducibile a dolo o colpa grave, definendo quest’ultima come la “macroscopica e ingiustificata violazione dei protocolli o programmi emergenziali eventualmente predisposti per fronteggiare la situazione in essere ovvero, in loro assenza, dei principi basilari che regolano la professione sanitaria e la prevenzione e gestione del rischio sanitario”. Proposta di legge che poi è stata ritirata insieme ad altri testi simili presentati in Parlamento «per consentire al Governo di fare una sintesi delle varie istanze», dice Gelli. «Ma una norma di questo tipo a mio avviso sarebbe stata la soluzione migliore».

Se invece i protocolli adottati nella seconda fase dell’emergenza si rivelassero sbagliati ma fossero stati applicati in modo corretto da parte del professionista, la responsabilità ricadrebbe non su di lui ma su chi li ha prodotti: «Si tratta di una situazione talmente nuova e straordinaria – commenta il presidente della Fondazione Italia in Salute – che la stragrande maggioranza di medici e operatori sanitari ha rispettato le indicazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità, del ministero della Salute e delle Regioni. Se tali indicazioni dovessero rivelarsi non corrette, bisognerebbe andare a verificare la fonte della responsabilità».

«Io credo – conclude Gelli – che definire meglio la materia in riferimento al periodo della pandemia vada nell’interesse dell’intera collettività. Di coloro che chiedono un giusto riconoscimento per l’eventuale danno che hanno subito ma anche degli operatori che si sono sacrificati a costo della vita durante questa pandemia».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuovo report cabina di regia: «Ancora un aumento dei casi. Mantenere misure di precauzione ed evitare assembramenti»
«Il grande impegno di tutta la popolazione nella fase di riapertura ed il mantenimento di misure rigorose permette oggi di avere un impatto più contenuto sulla salute della popolazione e sul sistema sanitario rispetto ad altri paesi europei»
Il video dell’Oms per raccontare la reazione italiana a Covid-19: «Il Paese non si è arreso»
Una raccolta di immagini che sviscera tutto quello che è accaduto in questi mesi, dai primi casi alle difficoltà del lockdown. L'Organizzazione mondiale della Sanità parla dell'esempio dell'Italia con alcuni esperti, da Locatelli a Brusaferro. Speranza: «Non vanificare i sacrifici fatti»
E se il nuovo coronavirus non fosse così nuovo?
Emergono alcuni studi che mostrano una risposta immunitaria in pazienti non toccati dal Covid-19. Alessandro Sette (La Jolla Institute, California): «Si tratta di linfociti T e questo non basta, non si è immuni»
di Tommaso Caldarelli
Fondazione Senior Italia, al via la campagna Festa dei Nonni
Il Premio “Festa dei Nonni 2020” alla memoria di medici e infermieri deceduti nella lotta al Covid. Premiati anche i nipotini che non hanno lasciato soli i nonni nelle RSA, gli psicologi dell’emergenza e i volontari di Croce Rossa Italiana e Protezione Civile
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...