Lavoro 4 Dicembre 2020 06:52

Covid-19 e farmacie, Mandelli (FOFI): «A disposizione per vaccino. Meglio effettuare test rapidi all’esterno»

Il deputato e Presidente della Federazione Ordini farmacisti italiani chiede al Commissario Arcuri che le farmacie giochino un ruolo importante nella somministrazione del vaccino anti Covid

Covid-19 e farmacie, Mandelli (FOFI): «A disposizione per vaccino. Meglio effettuare test rapidi all’esterno»

«Sul vaccino anti Covid vogliamo capire quale sarà il nostro ruolo. La nostra capillarità e la nostra capacità di essere punto di riferimento per la popolazione non può essere lasciata in disparte da nessuno». Andrea Mandelli, deputato di Forza Italia e Presidente della FOFI – Federazione Ordini farmacisti italiani, mette in chiaro che nella partita sulla distribuzione dei vaccini anti Covid prevista nel 2021 le farmacie vogliono giocare un ruolo importante.

«Siamo a disposizione come lo eravamo per i vaccini antiinfluenzali e lo abbiamo fatto presente al Commissario straordinario Arcuri» spiega Mandelli a Sanità Informazione. Parole a cui in parte ha risposto lo stesso Commissario Domenico Arcuri che in audizione davanti alle Commissioni Affari Sociali e Trasporto di Montecitorio ha specificato che «più avanti, per una somministrazione ancora più massiva, sarà possibile coinvolgere anche le farmacie».

Covid-19 e farmacie: «Test rapidi si facciano all’esterno»

Altro capitolo quello dei tamponi rapidi, dove le regioni stanno andando in ordine sparso in attesa di una norma nazionale. Solo in Trentino Alto Adige e Lazio è possibile effettuare i tamponi rapidi allestendo una tenda all’esterno della farmacia, mentre nel resto d’Italia si naviga a vista: molti farmacisti, non avendo locali idonei, non riescono ad aderire.

«Credo che la via migliore sia quella di dare la possibilità di effettuare il tampone all’esterno della farmacia – spiega Mandelli -. D’altronde il mondo ci sta insegnando che solo tracciando e comprendendo bene le dinamiche del contagio si può arrivare a sconfiggere questa maledetta malattia. È importante che le farmacie siano protagoniste anche di questo tratto di strada perché solo facendo tutti il nostro dovere riusciremo a vincere la pandemia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Simulazione in formazione, ecco come la realtà virtuale prepara i farmacisti ad affrontare le sfide reali
Dalla “clean room” alla ricerca clinica, fino a capitolati di gara e interazione con il paziente, Zanon (SIFO): «La figura del farmacista è poliedrica e, per questo, anche la sua formazione, compresa quella post laurea, deve essere altrettanto variegata. L’utilizzo della simulazione ha segnato un punto di svolta importante nei processi formativi»
La quarta dose è obbligatoria?
La quarta dose di vaccino anti-Covid è importante per rafforzare l'immunità in vista della stagione invernale. Tuttavia, viene solo raccomandata e non c'è alcun obbligo per nessuno, neanche per gli operatori sanitari
Mandelli (FOFI): «Dal Presidente Meloni parole importanti sul ruolo del farmacista»
«Confermiamo al Presidente Meloni che i 100mila farmacisti che esercitano nelle farmacie e negli ospedali, al servizio delle comunità e dei pazienti, anche nelle aree del Paese geograficamente più disagiate, sono da subito a disposizione» sottolinea il presidente della FOFI
La nuova variante BQ.1 è più pericolosa delle altre?
La variante B.Q1 sarà presto dominante in Europa e, quindi, anche in Italia. Le prime informazioni indicano che ha una maggiore capacità di eludere i vaccini, ma non sembra più pericolosa delle altre
Mandelli (FOFI): «La riforma del corso di laurea in Farmacia è un traguardo storico»
«La revisione del percorso di studi universitario rappresenta un tassello cardine per l’avanzamento professionale» spiega il Presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa