Contributi e Opinioni 24 aprile 2018

Pensiero magico, Altomare (medico e scrittore): «In medicina niente ‘incantesimi’»

L’intervista a Edoardo Altomare, medico, scrittore e divulgatore scientifico

La magia per curare i malanni. Giunge dal Medioevo la credenza che forze soprannaturali potessero influenzare lo stato di salute dell’essere umano. Questa convinzione, radicata nella cultura di molti popoli, tutt’oggi, nonostante l’evoluzione e il progresso delle società, persiste in molte comunità rinfocolando continuamente l’antica contrapposizione tra medicina tradizionale e metodi ‘alternativi’. Su questo tema la comunità scientifica s’interroga di frequente dando vita a dibattitti e campagne informative finalizzati a guidare il cittadino nell’imboccare la strada più sicura. «Vi spiego da dove nasce il ‘pensiero magico’» così Edoardo Altomare, medico, divulgatore scientifico e scrittore, definisce quelle pratiche alternative alla scienza a cui, nel corso della sua carriera, ha dedicato numerosi saggi ed articoli di approfondimento.

«Il pensiero magico ispira molte delle medicine cosiddette alternative. Ma di fatto cosa significa pensiero magico? Parte dalla fede, cioè da quella fiducia in una forza sovrumana, soprannaturale ma non divina, che possa aiutare a risolvere – come d’incanto – con delle scorciatoie miracolose, dei problemi che hanno invece una natura spesso organica. Questa convinzione può non essere dannosa quando si tratta di patologie o disfunzioni ‘dolci’ che possono essere trattate con medicine altrettanto dolci, ma quando occorre trattare malattie serie, è ovvio che il ricorso alla medicina alternativa è fallace ed è molto rischioso per la salute».

«Voglio fare un esempio per chiarire il mio pensiero – prosegue il Professore -, in oncologia non si può assolutamente derogare dal trattare delle patologie così serie con delle medicine di provata efficacia; noi medici abbiamo l’obbligo di assicurare sempre ai nostri pazienti il miglior trattamento disponibile. In questi casi il ricorso alla medicina ortodossa e tradizionale come la chemioterapia, la radioterapia e la chirurgia è assolutamente opportuno. Poi che il paziente possa sentire la necessità d’intervenire con forme integrative complementari che possano essergli di giovamento per la sua salute psicologica, questo credo sia lecito. Solo in questo caso e su queste basi, ritengo che una medicina integrata sia ragionevole».

 

Articoli correlati
«Quando si rischiava di diventare blu, bevendo argento colloidale». La pseudoscienza svelata dal Cicap di Piero Angela
«Noi del Cicap verifichiamo tutto ciò che riguarda il paranormale: le pseudoscienze, l’astrologia, i fantasmi, i tarocchi e gli ufo» spiega il chimico intervenuto al Congresso di Medicina e Pseudoscienza. Che sottolinea: «Oggi l’informazione è estremamente semplificata quanto più è amplificata dai media e tutti si illudono di avere una laurea in medicina quando tutto ciò che hanno è Internet e Google». GUARDA LA GALLERY
Piero Angela: «La scienza è una e non è democratica. Occorre distinguere i fatti dalle opinioni»
«Credere alla medicina d’illusione è più facile, siamo umani e fa parte della nostra natura. Ma con la salute non si scherza: è bene informarsi correttamente e rivolgersi a medici competenti» l’intervista al celebre divulgatore scientifico
Pseudoscienza: bugie o debolezza umana? Silvia Bencivelli racconta la sua verità
Fakenews, bufale sulla salute e amiche “streghe” che sbagliano: la colpa non è solo di Internet… Ne parla la giornalista, medico e conduttrice televisiva, Silvia Bencivelli, nel suo nuovo romanzo ‘Le mie amiche streghe’
L’agopuntura aiuta i pazienti oncologici, partita sperimentazione a Genova
Medicina alternativa per i malati oncologici. Shatzu, agopuntura, fitoterapia e dieta, abbinati ai farmaci tradizionali e alle terapie mediche, migliorano le condizioni dei malati, in particolare dei pazienti oncologici. Lo affermano i responsabili di una sperimentazione di 12 mesi partita a gennaio presso l’ospedale Gallino di Pontedecimo in provincia di Genova. La vicepresidente della Regione Liguria e […]
FAD e norme applicative: nuove opportunità anche nell’omeopatia
Chiriacò (presidente OMCeO Rieti): “L’antitesi tra medicina ufficiale e non convenzionale è superata. Avanti con scuole ed innovazione”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila