Salute 29 maggio 2017

Pseudoscienza: bugie o debolezza umana? Silvia Bencivelli racconta la sua verità

Fakenews, bufale sulla salute e amiche “streghe” che sbagliano: la colpa non è solo di Internet… Ne parla la giornalista, medico e conduttrice televisiva, Silvia Bencivelli, nel suo nuovo romanzo ‘Le mie amiche streghe’

Streghe moderne, quelle che descrive Silvia Bencivelli nel suo libro. La giornalista, saggista e conduttrice televisiva ha presentato il suo nuovo libro ‘Le mie amiche streghe’ alla Feltrinelli di Galleria Colonna a Roma. Un libro su superstizioni, scaramanzie, stregonerie, rimedi ‘poco accademici’ per curare malanni e acciacchi: in sintesi, come ci tiene a precisare l’autrice, il frutto delle paure umane. Perché è questa la ragione, spiega la scrittrice, per cui molte persone si avvicinano a quella scienza che scienza non è, non essendo avvalorata da risultati autentici né tanto meno da riscontri scientifici. «L’elemento con cui ho voluto giocare nel mio libro – racconta Silvia Bencivelli ai microfoni di Sanità Informazione – è questa dicotomia tra la parola strega, usata come massimo dell’insulto (che vuol dire essere irrazionale) e amicizia, che in realtà lega i personaggi tra di loro. Proprio nel titolo ho voluto mettere accanto queste due parole per darne il massimo risalto».

Le mie amiche streghe’ si snoda in una serie di dialoghi tra donne, amiche, alcune delle quali medici e, nonostante il camice bianco, vicine a terapie alternative come ‘pozioni’, ‘rimedi casalinghi’ e addirittura ‘l’oroscopo’ per curare malesseri di vario tipo. Alice, la protagonista che, su ammissione dell’autrice, è per alcuni versi personaggio autobiografico, cerca di riportare alla realtà le persone che la circondano che pian piano, ai suoi occhi, da ‘amiche’ si trasformano in ‘streghe’. Questi dialoghi serrati fatti di convinzioni, confutazioni, ammonimenti, rimproveri, creano una spirale nella quale è la stessa protagonista a rimanere imbrigliata, tanto da cominciare a dubitare di se stessa e delle sue stesse certezze. Ecco il fil rouge del libro: «Se il pensiero scientifico può fallire, quello umano ha molta più probabilità di farlo», spiega l’autrice.

«In questo momento c’è un muro contro muro in Italia che secondo me non fa bene nemmeno a quelli che dicono di difendere la scienza, perché, nel difenderla vorrebbero difendere la collettività, ma questa collettività è formata da uomini che possono avere delle fragilità, dei dubbi. Ritengo che non sia giusto denigrare qualcuno per le proprie superstizioni, al limite gli si può dare della ‘strega’. Vorrei che nella nostra società – prosegue la scrittrice – si assumesse consapevolezza che lo scontro non fa bene a nessuno, tanto meno fa bene ai bambini che oggi sono quelli più contesi in questa battaglia intorno alla ‘pseudoscienza’».

A proposito di bambini, l’argomento su cui si dibatte insistentemente riguarda la questione vaccini. Obbligo o non obbligo? Questo il problema, e questo problema sembra essere attualmente uno dei campi di battaglia più feroce che vede mondo scientifico e opinione pubblica su opposti schieramenti. «In Italia c’era l’obbligo vaccini fino agli anni ‘90 – spiega Silvia Bencivelli – poi pian piano si è passati al regime facoltativo, pensando che noi italiani l’avremmo preferito. Non ha funzionato e mi rendo conto che oggi c’è un’emergenza da fronteggiare. Tutti i bambini che frequentano le scuole devono avere non soltanto garantito il diritto all’istruzione ma anche il diritto alla salute».

«Può succedere che a sbagliare talvolta siano anche i medici – sottolinea la scrittrice –. Uno dei problemi principali per il medico è l’incapacità di comunicare con il paziente. I medici hanno una pessima formazione in comunicazione, diciamo che la prendono ‘sottogamba’. Per comunicare esistono strumenti appositi, sono cose che si studiano e si imparano esattamente come la medicina».

Per approfondire:

«L’ITALIA RISPETTI DI PIÙ I MEDICI E LA SCIENZA VERA» PAROLA DI MICHELE MIRABELLA

Articoli correlati
Vaccini, l’immunologo Aiuti: «Dovere sociale proteggere immunodepressi, sì all’obbligo per operatori sanitari»
Il professore è intervenuto al convegno Simedet sul tema: «I vaccini sono sicuramente un vantaggio perché hanno risparmiato milioni e milioni di morti, ma dobbiamo fare di più». E se la prende con quei ‘ciarlatani camuffati’ che vanno in tv senza sapere di cosa parlano
Sanità, D’Amato (Ass. Lazio): «Programmate 5mila assunzioni. Più investimenti su risorse umane e tecnologia per snellire le liste di attesa» 
«Raddoppiate le borse di studio per i medici di medicina generale. Pianificate 5 mila assunzioni tra tutte le professioni sanitarie. Lanciata la nuova piattaforma informatica del sistema ReCup». L’assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria del Lazio racconta gli ultimi provvedimenti del governo regionale
di Isabella Faggiano
Sanità, le priorità di Giuditta Pini (PD): «Precariato ricade su medici e assistiti, servono più fondi a SSN per stabilizzazioni»
La deputata democratica, membro della Commissione Affari Sociali, annuncia opposizione costruttiva: «Incalzeremo il ministro Grillo ma daremo anche una mano». Continuerà il suo impegno sul riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale
Vaccini, in 10 giorni NAS scoprono 55 autocertificazioni false. Quasi 1500 gli istituti controllati
Controlli dal 4 al 14 settembre. La fattispecie di reato contestata è il falso ideologico commesso da privato in atto pubblico. In Campania il maggior numero di segnalazioni, quindici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila