Salute 29 Maggio 2017 18:23

Pseudoscienza: bugie o debolezza umana? Silvia Bencivelli racconta la sua verità

Fakenews, bufale sulla salute e amiche “streghe” che sbagliano: la colpa non è solo di Internet… Ne parla la giornalista, medico e conduttrice televisiva, Silvia Bencivelli, nel suo nuovo romanzo ‘Le mie amiche streghe’

Streghe moderne, quelle che descrive Silvia Bencivelli nel suo libro. La giornalista, saggista e conduttrice televisiva ha presentato il suo nuovo libro ‘Le mie amiche streghe’ alla Feltrinelli di Galleria Colonna a Roma. Un libro su superstizioni, scaramanzie, stregonerie, rimedi ‘poco accademici’ per curare malanni e acciacchi: in sintesi, come ci tiene a precisare l’autrice, il frutto delle paure umane. Perché è questa la ragione, spiega la scrittrice, per cui molte persone si avvicinano a quella scienza che scienza non è, non essendo avvalorata da risultati autentici né tanto meno da riscontri scientifici. «L’elemento con cui ho voluto giocare nel mio libro – racconta Silvia Bencivelli ai microfoni di Sanità Informazione – è questa dicotomia tra la parola strega, usata come massimo dell’insulto (che vuol dire essere irrazionale) e amicizia, che in realtà lega i personaggi tra di loro. Proprio nel titolo ho voluto mettere accanto queste due parole per darne il massimo risalto».

Le mie amiche streghe’ si snoda in una serie di dialoghi tra donne, amiche, alcune delle quali medici e, nonostante il camice bianco, vicine a terapie alternative come ‘pozioni’, ‘rimedi casalinghi’ e addirittura ‘l’oroscopo’ per curare malesseri di vario tipo. Alice, la protagonista che, su ammissione dell’autrice, è per alcuni versi personaggio autobiografico, cerca di riportare alla realtà le persone che la circondano che pian piano, ai suoi occhi, da ‘amiche’ si trasformano in ‘streghe’. Questi dialoghi serrati fatti di convinzioni, confutazioni, ammonimenti, rimproveri, creano una spirale nella quale è la stessa protagonista a rimanere imbrigliata, tanto da cominciare a dubitare di se stessa e delle sue stesse certezze. Ecco il fil rouge del libro: «Se il pensiero scientifico può fallire, quello umano ha molta più probabilità di farlo», spiega l’autrice.

«In questo momento c’è un muro contro muro in Italia che secondo me non fa bene nemmeno a quelli che dicono di difendere la scienza, perché, nel difenderla vorrebbero difendere la collettività, ma questa collettività è formata da uomini che possono avere delle fragilità, dei dubbi. Ritengo che non sia giusto denigrare qualcuno per le proprie superstizioni, al limite gli si può dare della ‘strega’. Vorrei che nella nostra società – prosegue la scrittrice – si assumesse consapevolezza che lo scontro non fa bene a nessuno, tanto meno fa bene ai bambini che oggi sono quelli più contesi in questa battaglia intorno alla ‘pseudoscienza’».

A proposito di bambini, l’argomento su cui si dibatte insistentemente riguarda la questione vaccini. Obbligo o non obbligo? Questo il problema, e questo problema sembra essere attualmente uno dei campi di battaglia più feroce che vede mondo scientifico e opinione pubblica su opposti schieramenti. «In Italia c’era l’obbligo vaccini fino agli anni ‘90 – spiega Silvia Bencivelli – poi pian piano si è passati al regime facoltativo, pensando che noi italiani l’avremmo preferito. Non ha funzionato e mi rendo conto che oggi c’è un’emergenza da fronteggiare. Tutti i bambini che frequentano le scuole devono avere non soltanto garantito il diritto all’istruzione ma anche il diritto alla salute».

«Può succedere che a sbagliare talvolta siano anche i medici – sottolinea la scrittrice –. Uno dei problemi principali per il medico è l’incapacità di comunicare con il paziente. I medici hanno una pessima formazione in comunicazione, diciamo che la prendono ‘sottogamba’. Per comunicare esistono strumenti appositi, sono cose che si studiano e si imparano esattamente come la medicina».

Per approfondire:

«L’ITALIA RISPETTI DI PIÙ I MEDICI E LA SCIENZA VERA» PAROLA DI MICHELE MIRABELLA

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...