Salute 29 Maggio 2017

Pseudoscienza: bugie o debolezza umana? Silvia Bencivelli racconta la sua verità

Fakenews, bufale sulla salute e amiche “streghe” che sbagliano: la colpa non è solo di Internet… Ne parla la giornalista, medico e conduttrice televisiva, Silvia Bencivelli, nel suo nuovo romanzo ‘Le mie amiche streghe’

Streghe moderne, quelle che descrive Silvia Bencivelli nel suo libro. La giornalista, saggista e conduttrice televisiva ha presentato il suo nuovo libro ‘Le mie amiche streghe’ alla Feltrinelli di Galleria Colonna a Roma. Un libro su superstizioni, scaramanzie, stregonerie, rimedi ‘poco accademici’ per curare malanni e acciacchi: in sintesi, come ci tiene a precisare l’autrice, il frutto delle paure umane. Perché è questa la ragione, spiega la scrittrice, per cui molte persone si avvicinano a quella scienza che scienza non è, non essendo avvalorata da risultati autentici né tanto meno da riscontri scientifici. «L’elemento con cui ho voluto giocare nel mio libro – racconta Silvia Bencivelli ai microfoni di Sanità Informazione – è questa dicotomia tra la parola strega, usata come massimo dell’insulto (che vuol dire essere irrazionale) e amicizia, che in realtà lega i personaggi tra di loro. Proprio nel titolo ho voluto mettere accanto queste due parole per darne il massimo risalto».

Le mie amiche streghe’ si snoda in una serie di dialoghi tra donne, amiche, alcune delle quali medici e, nonostante il camice bianco, vicine a terapie alternative come ‘pozioni’, ‘rimedi casalinghi’ e addirittura ‘l’oroscopo’ per curare malesseri di vario tipo. Alice, la protagonista che, su ammissione dell’autrice, è per alcuni versi personaggio autobiografico, cerca di riportare alla realtà le persone che la circondano che pian piano, ai suoi occhi, da ‘amiche’ si trasformano in ‘streghe’. Questi dialoghi serrati fatti di convinzioni, confutazioni, ammonimenti, rimproveri, creano una spirale nella quale è la stessa protagonista a rimanere imbrigliata, tanto da cominciare a dubitare di se stessa e delle sue stesse certezze. Ecco il fil rouge del libro: «Se il pensiero scientifico può fallire, quello umano ha molta più probabilità di farlo», spiega l’autrice.

«In questo momento c’è un muro contro muro in Italia che secondo me non fa bene nemmeno a quelli che dicono di difendere la scienza, perché, nel difenderla vorrebbero difendere la collettività, ma questa collettività è formata da uomini che possono avere delle fragilità, dei dubbi. Ritengo che non sia giusto denigrare qualcuno per le proprie superstizioni, al limite gli si può dare della ‘strega’. Vorrei che nella nostra società – prosegue la scrittrice – si assumesse consapevolezza che lo scontro non fa bene a nessuno, tanto meno fa bene ai bambini che oggi sono quelli più contesi in questa battaglia intorno alla ‘pseudoscienza’».

A proposito di bambini, l’argomento su cui si dibatte insistentemente riguarda la questione vaccini. Obbligo o non obbligo? Questo il problema, e questo problema sembra essere attualmente uno dei campi di battaglia più feroce che vede mondo scientifico e opinione pubblica su opposti schieramenti. «In Italia c’era l’obbligo vaccini fino agli anni ‘90 – spiega Silvia Bencivelli – poi pian piano si è passati al regime facoltativo, pensando che noi italiani l’avremmo preferito. Non ha funzionato e mi rendo conto che oggi c’è un’emergenza da fronteggiare. Tutti i bambini che frequentano le scuole devono avere non soltanto garantito il diritto all’istruzione ma anche il diritto alla salute».

«Può succedere che a sbagliare talvolta siano anche i medici – sottolinea la scrittrice –. Uno dei problemi principali per il medico è l’incapacità di comunicare con il paziente. I medici hanno una pessima formazione in comunicazione, diciamo che la prendono ‘sottogamba’. Per comunicare esistono strumenti appositi, sono cose che si studiano e si imparano esattamente come la medicina».

Per approfondire:

«L’ITALIA RISPETTI DI PIÙ I MEDICI E LA SCIENZA VERA» PAROLA DI MICHELE MIRABELLA

Articoli correlati
Coronavirus, Silvio Garattini: «Attenzione sì, panico no. Ogni anno in Italia 6mila morti da influenza»
Lo scienziato e farmacologo concorda con le misure adottate ma invita a ridimensionare l’emergenza: «Un sacrificio che dobbiamo accettare tutti perché è un virus nuovo, ma senza creare allarmismi o diventare ossessivi indossando mascherine o pagando cifre enormi per l’amuchina»
Obbligo vaccinale, Nas: «Ad oggi 217 contestazioni a dirigenti e genitori». A Belluno 30 indagati
Presentato il libro “La prima missione dei fratelli Super Vaccini e dei loro amici. Un pizzicotto in quattro e quattr’otto", realizzato dall’associazione Valore Uomo in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità. Ricciardi: «Bene obbligo ma copertura non ancora sufficiente ovunque». Mazzucchiello: «La favoletta è per i bambini ma sono i genitori che devono leggerla». Il Miur diffonderà il volume nelle scuole
Vaccini, al Niguarda primo ambulatorio intra-ospedaliero per pazienti cronici, fragili e donne in gravidanza
Collaborazione tra specialisti e medici affinché le vaccinazioni siano parte del piano terapeutico dei pazienti. Orso (Responsabile del centro vaccinale): «Triplice vantaggio per i pazienti: profilassi all’interno del percorso ospedaliero, tempi rapidi di realizzazione e vaccinazione parte integrante del percorso terapeutico»
di Federica Bosco
Vaccini, l’avviso automatico di Facebook contro le fake news riaccende le polemiche
Basta digitare le parole “no vax”, “free vax” oppure chiedere l’iscrizione ad uno dei tanti gruppi sul tema presenti sulla piattaforma social per ricevere l’invito ad accedere al sito dell’OMS
Vaccino influenza, possibili tracce di lattice nei confezionamenti. L’Aifa avverte i soggetti allergici
Il farmaco non è contaminato, ma la possibile traccia di lattice riguarda le componenti delle siringhe pre-riempite o degli applicatori nasali o un eventuale contatto durante il processo produttivo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 marzo, sono 723.740 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 34.018 i decessi e 152.042 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...