Salute 10 Gennaio 2019

Patto per la Scienza di Burioni: firmano anche Renzi e Grillo. Sileri (M5S): «Positivo, aiuterà ad abbattere muri tra medici e pazienti»

Una denuncia contro la pseudoscienza che ha trovato alleati inaspettati. Tra i punti quello di «non sostenere o tollerare in alcun modo forme di pseudoscienza e/o di pseudomedicina». No vax contestano scelta del leader M5S. Il Presidente della Commissione Sanità: «Ci sarà sempre qualcuno che dissentirà, ma dobbiamo cercare la verità»

di Giovanni Cedrone e Serena Santi

Un ‘patto per la scienza‘ proposto dall’immunologo Roberto Burioni per sostenere la ricerca scientifica e contrastare la pseudomedicina. Tra i firmatari anche Matteo Renzi e, a sorpresa, Beppe Grillo.

L’adesione al manifesto da parte del leader storico di M5S e dell’ex premier ha lasciato piacevolmente stupito lo stesso Burioni che sul suo sito Medicalfacts scrive: «Oggi è successa una cosa molto importante: Beppe Grillo (sul suo blog) e Matteo Renzi hanno sottoscritto (insieme a molti altri), un patto a difesa della scienza – scrive il medico -. Perché ci si può dividere su tutto, ma una base comune deve esserci. Perché non ascoltare la scienza significa non solo oscurantismo e superstizione, ma anche dolore, sofferenza e morte di esseri umani».

LEGGI ANCHE: PSEUDOSCIENZA E BUFALE, ATTIVISSIMO: «FAKE NEWS IN SANITÀ SONO SOCIALMENTE PERICOLOSE. SOLUZIONI FACILI RARAMENTE SONO VERE»

Nel patto le forze politiche si impegnano a «sostenere la Scienza come valore universale di progresso dell’umanità, che non ha alcun colore politico», ma anche a «governare e legiferare in modo tale da fermare l’operato di quegli pseudoscienziati, che, con affermazioni non-dimostrate e allarmiste, creano paure ingiustificate tra la popolazione nei confronti di presidi terapeutici validati dall’evidenza scientifica e medica». Intanto la scelta di unirsi al coro ‘della scienza’ da parte del fondatore del Movimento ha destato perplessità tra alcuni no-vax che sui social hanno manifestato il loro disappunto.

Il testo promosso da Burioni impegna le forze politiche su cinque punti:

  • sostenere la Scienza come valore universale di progresso dell’umanità, che non ha alcun colore politico, e che ha lo scopo di aumentare la conoscenza umana e migliorare la qualità di vita dei nostri simili;
  • non sostenere o tollerare in alcun modo forme di pseudoscienza e/o di pseudomedicina che mettono a repentaglio la salute pubblica;
  • governare e legiferare in modo tale da fermare l’operato di quegli pseudoscienziati, che, con affermazioni non-dimostrate e allarmiste, creano paure ingiustificate tra la popolazione nei confronti di presidi terapeutici validati dall’evidenza scientifica e medica;
  • implementare programmi capillari d’informazione sulla Scienza per la popolazione, a partire dalla scuola dell’obbligo, e coinvolgendo media, divulgatori, comunicatori, e ogni categoria di professionisti della ricerca e della sanità;
  • assicurare alla Scienza adeguati finanziamenti pubblici, a partire da un immediato raddoppio dei fondi ministeriali per la ricerca biomedica di base.

«Una bellissima notizia, perché un patto anti fake news aiuta tutti, aiuta i medici, aiuta i pazienti, aiuta la popolazione – commenta il presidente della Commissione Sanità del Senato Pierpaolo Sileri –  Era qualcosa di necessario perché negli ultimi anni ci sono state le fake news generate spesso dal dottor Google ma anche a volte da scienziati che hanno pubblicato lavori non credibili con risultati falsi, mi viene in mente quello sui vaccini. Hanno seminato il panico nella popolazione. La gente ha bisogno di risposte chiare, innalzare dei muri da parte degli scienziati e dire ‘abbiamo ragione noi, è così è basta’, dall’altra parte dire ‘voi ci date notizie false’ non serve a nessuno. I muri non si innalzano, i muri si buttano giù. E quindi credo che questa sia un’ottima cosa per far comunicare. Gli scienziati si aprono verso le persone dando informazioni anche in un linguaggio più semplice, ma la popolazione dall’altro lato dev’essere pronta ad ascoltare notizie credibili». Sugli eventuali dissensi dei gruppi No Vax, Sileri commenta: «Ci sarà sempre qualcuno che dissentirà, ma dobbiamo cercare sempre la verità: negli ultimi anni è cresciuto il disagio della popolazione che non ha avuto le giuste risposte, che siano credibili e non vincolate a chi produce i farmaci».

Articoli correlati
Vaccini, parla il professor Fara: «Togliere obbligo è sbagliato, ma sogno un giorno in cui sarà la popolazione a ‘pretenderli’»
Gaetano Maria Fara, luminare di fama mondiale, scende in campo a favore dell’obbligo vaccinale. «Movimenti no vax sono sempre esistiti in tutto il mondo, per questo serve maggiore cultura vaccinale». Poi ricorda i risultati raggiunti dal vaccino anti poliomielite: «In pochi anni in Italia siamo passati da 10mila casi a 1-2»
Psicologia dei no vax, un questionario per capire perché non si vaccinano e valutare come affrontarli
Il professor Robert Bohm (Università di Aquisgrana): «Presto l’OMS lo utilizzerà per comprendere i diversi tassi di vaccinazione nel mondo. In Italia vince la disinformazione. Per combatterla bisogna ridurre l’influenza dei no vax sul resto della popolazione»
“Libertà” e “giù le mani dai bambini”, ‘free vax’ in piazza a Roma tra slogan e delusione
A Piazza Santi Apostoli e in Piazza Monte Citorio si sono radunati tutti i contestatori dell’obbligo vaccinale. Preso di mira il virologo Roberto Burioni. In molti delusi da Lega e M5S: «Ad oggi solo parole, vogliamo la fine dell’obbligo vaccinale»
Donazione corpo post mortem, via libera dal Senato. Sileri (M5S): «Fondamentale per la formazione dei chirurghi, Ddl colma vuoto»
Palazzo Madama approva in prima lettura il disegno di legge che regolamenta e rendere più facile la donazione dei cadaveri a fini di studio, di ricerca scientifica e di formazione. Il Primo firmatario Pierpaolo Sileri: «La diffusione di questa pratica potrebbe ridurre di circa un quarto i costi di istruzione del personale sanitario»
di Pierpaolo Sileri
Dai vaccini alle aggressioni ai medici, Sileri annuncia l’agenda della Commissione Sanità in Senato
Sileri (M5S): «Negli ultimi mesi abbiamo visto molti medici e molto personale sanitario aggredito a partire dalle ambulanze e dai pronto soccorso. Serve risposta immediata»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...