Salute 4 Dicembre 2018

Dal “Siero Bonifacio” alla cura Di Bella, Roberto Burioni racconta 10 “Balle mortali”

«Il libro parla delle bugie in medicina e delle conseguenze gravissime che queste possono avere sulla salute e anche sulla vita delle persone» così il virologo del San Raffaele

Immagine articolo

Dieci storie di ordinaria follia. Dieci racconti di persone realmente esistite che, di fronte a seri problemi di salute, hanno scelto di non seguire la strada tracciata dalla scienza e dalla ricerca e si sono affidati a stregoni e ciarlatani, rimettendoci spesso e volentieri la pelle. “Balle mortali”, l’ultimo libro del professor Roberto Burioni, è insomma una raccolta delle più recenti, conosciute e pericolose ubriacature collettive verso cure “magiche”, intrugli, pseudoscienziati e sedicenti professori che hanno offerto a persone ingenue e spesso disperate una soluzione ai loro mali più facile e meno dolorosa di quella proposta dalla scienza ufficiale. E i risultati, ovviamente, non sono mai stati quelli sperati.

Professor Burioni, siamo a Roma alla presentazione del suo ultimo libro. Di cosa parla e perché ha sentito il bisogno di scriverlo?

«Il libro parla delle bugie in medicina e delle conseguenze gravissime che queste possono avere sulla salute e anche sulla vita delle persone. Racconta dieci storie di persone che hanno creduto a verità non provate dalla scienza, e quindi a bugie, ed hanno avuto conseguenze molto gravi: non di rado, la morte. Si parla del siero Bonifacio, della Cura di Bella, di Stamina, della medicina germanica e di tante altre cose. Come detto, sono storie, non si parla quasi per niente di vaccini e serve ad allargare l’orizzonte di quello che ho scritto in questi mesi».

Di recente ha aperto un sito internet in cui smaschera bufale.

«Il sito si chiama Medical Facts ed andrà ad affiancare la mia pagina Facebook. Con questo spero di riuscire ad informare correttamente le persone, non solo sui vaccini ma anche su altri temi medici. È un sito molto comodo da consultare ed è realizzato anche con l’aiuto di molti colleghi».

Nel suo intervento ha fatto una breve storia della figura del medico negli ultimi cento anni, ovvero da quando tutto quel che poteva fare era diagnosticare la malattia e guardare come evolveva. Come è evoluta in questo secolo la professione?

«La figura del medico è evoluta da professionista che poteva curare molto poco a professionista che può salvare le persone. Oggi abbiamo una medicina più complicata, specializzata, fatta di tanti colleghi che lavorano insieme ognuno per la sua specialità. Ma è una medicina che non deve perdere il contatto con il paziente. Se viene a mancare il rapporto di fiducia è proprio lì che si infilano i ciarlatani».

Ecco, come si fa a convincere le persone, che lei ha definito “tifosi”, che hanno delle convinzioni non scientifiche a cambiare idea?

«È molto difficile convincerli perché chi ha delle convinzioni che si basano su elementi irrazionali ovviamente non è sensibile alle argomentazioni razionali. Ci vuol pazienza e soprattutto la capacità di convincere. Non basta più parlare a molte persone. Non basta più dire cose corrette. Bisogna dirle in una maniera che convinca le persone. Questa è la nuova sfida».

A volte le vengono imputate aggressività e presunzione. Lei ha però risposto che i veri presuntuosi sono altre persone…

«Sarei arrogante io che ho avuto l’umiltà di studiare 35 anni gli argomenti che tratto prima di poterne parlare? Arrogante è chi pretende di poterlo fare dopo cinque minuti di Google. Non è così. Lo studio è importante. Il sacrificio e l’impegno lo sono altrettanto e non dobbiamo svilirli dando l’impressione che anche senza studiare si possano sapere le cose».

 

 

Articoli correlati
Vaccini antinfluenzali, Federfarma Roma: «Già esaurite le prime 20mila dosi»
Già disponibili altre 20mila dosi per la popolazione tra i 18 e i 59 anni. Cicconetti: «Ulteriore prova dell’importanza delle farmacie nel sistema salute regionale e italiano. Entrare nella rete di sorveglianza sanitaria ci permetterà di seguire i soggetti eventualmente positivi fino alla somministrazione del tampone»
Vaccini in farmacia. Magi (Omceo Roma): «Pronti a collaborare purché si cambi la norma. Altrimenti siamo tutti fuorilegge»
La posizione del presidente dell’ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, in merito al tavolo tecnico che si è svolto ieri in regione Lazio. «La legge purtroppo impedisce la presenza del medico in farmacia. La vaccinazione è e resta un atto medico»
Aumento casi Covid, Anelli (FNOMCeO): «Siamo preoccupati. Tamponi rapidi possono essere svolta»
Intervenuto al Congresso della Fimmg, il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici: «Mai più carenza mascherine per medici. Superato il modello del medico di medicina generale che lavora da solo»
Influenza, per il 50% dei medici di famiglia le dosi di vaccino non saranno sufficienti
Sondaggio Fimmg: l'86% dei medici di famiglia aumenterà la presenza in studio per effettuare le vaccinazioni, ma il 66% segnala carenza di dpi
Vaccini in farmacia, le dosi scarseggiano: «Intervenire subito o sarà il caos»
La campagna vaccinale è partita in anticipo ma scatta l’allarme sulle dosi a disposizione delle farmacie. Speranza: «Dobbiamo affrontare e risolvere nel tempo più breve possibile la questione delle farmacie in condivisone con le Regioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...