Salute 4 Dicembre 2018

Dal “Siero Bonifacio” alla cura Di Bella, Roberto Burioni racconta 10 “Balle mortali”

«Il libro parla delle bugie in medicina e delle conseguenze gravissime che queste possono avere sulla salute e anche sulla vita delle persone» così il virologo del San Raffaele

Immagine articolo

Dieci storie di ordinaria follia. Dieci racconti di persone realmente esistite che, di fronte a seri problemi di salute, hanno scelto di non seguire la strada tracciata dalla scienza e dalla ricerca e si sono affidati a stregoni e ciarlatani, rimettendoci spesso e volentieri la pelle. “Balle mortali”, l’ultimo libro del professor Roberto Burioni, è insomma una raccolta delle più recenti, conosciute e pericolose ubriacature collettive verso cure “magiche”, intrugli, pseudoscienziati e sedicenti professori che hanno offerto a persone ingenue e spesso disperate una soluzione ai loro mali più facile e meno dolorosa di quella proposta dalla scienza ufficiale. E i risultati, ovviamente, non sono mai stati quelli sperati.

Professor Burioni, siamo a Roma alla presentazione del suo ultimo libro. Di cosa parla e perché ha sentito il bisogno di scriverlo?

«Il libro parla delle bugie in medicina e delle conseguenze gravissime che queste possono avere sulla salute e anche sulla vita delle persone. Racconta dieci storie di persone che hanno creduto a verità non provate dalla scienza, e quindi a bugie, ed hanno avuto conseguenze molto gravi: non di rado, la morte. Si parla del siero Bonifacio, della Cura di Bella, di Stamina, della medicina germanica e di tante altre cose. Come detto, sono storie, non si parla quasi per niente di vaccini e serve ad allargare l’orizzonte di quello che ho scritto in questi mesi».

Di recente ha aperto un sito internet in cui smaschera bufale.

«Il sito si chiama Medical Facts ed andrà ad affiancare la mia pagina Facebook. Con questo spero di riuscire ad informare correttamente le persone, non solo sui vaccini ma anche su altri temi medici. È un sito molto comodo da consultare ed è realizzato anche con l’aiuto di molti colleghi».

Nel suo intervento ha fatto una breve storia della figura del medico negli ultimi cento anni, ovvero da quando tutto quel che poteva fare era diagnosticare la malattia e guardare come evolveva. Come è evoluta in questo secolo la professione?

«La figura del medico è evoluta da professionista che poteva curare molto poco a professionista che può salvare le persone. Oggi abbiamo una medicina più complicata, specializzata, fatta di tanti colleghi che lavorano insieme ognuno per la sua specialità. Ma è una medicina che non deve perdere il contatto con il paziente. Se viene a mancare il rapporto di fiducia è proprio lì che si infilano i ciarlatani».

Ecco, come si fa a convincere le persone, che lei ha definito “tifosi”, che hanno delle convinzioni non scientifiche a cambiare idea?

«È molto difficile convincerli perché chi ha delle convinzioni che si basano su elementi irrazionali ovviamente non è sensibile alle argomentazioni razionali. Ci vuol pazienza e soprattutto la capacità di convincere. Non basta più parlare a molte persone. Non basta più dire cose corrette. Bisogna dirle in una maniera che convinca le persone. Questa è la nuova sfida».

A volte le vengono imputate aggressività e presunzione. Lei ha però risposto che i veri presuntuosi sono altre persone…

«Sarei arrogante io che ho avuto l’umiltà di studiare 35 anni gli argomenti che tratto prima di poterne parlare? Arrogante è chi pretende di poterlo fare dopo cinque minuti di Google. Non è così. Lo studio è importante. Il sacrificio e l’impegno lo sono altrettanto e non dobbiamo svilirli dando l’impressione che anche senza studiare si possano sapere le cose».

 

 

Articoli correlati
Piano vaccinale, Trizzino (M5S): «Bisogna sensibilizzare popolazione, livello di copertura deve restare alto. Mia battaglia è a difesa della vita»
Il medico e deputato della commissione Affari Sociali: «Le vaccinazioni obbligatorie sono l’unico modo per mantenere un livello di attenzione elevato ed evitare nuove epidemie come quella newyorkese»
di Isabella Faggiano
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
Vaccini, Zingaretti: «Proposta di legge nel Lazio per tutelare e garantire accesso scolastico a bambini immunodepressi»
Il Presidente della Regione: «E’ una questione di civiltà. La proposta di Legge passa ora all’esame del Consiglio regionale per l’approvazione definitiva». «Raggiunto risultato straordinario in coperture vaccinali, ora mantenere alta attenzione a tutela della salute dei più piccoli» precisa l'Assessore D’Amato
Dai vaccini alle aggressioni ai medici, Sileri annuncia l’agenda della Commissione Sanità in Senato
Sileri (M5S): «Negli ultimi mesi abbiamo visto molti medici e molto personale sanitario aggredito a partire dalle ambulanze e dai pronto soccorso. Serve risposta immediata»
Padova ospita il primo Festival della salute globale. Si parlerà di medicina, disuguaglianze e migrazioni
Lo scopo del Festival della salute globale, con Walter Ricciardi come direttore scientifico e Stefano Vella come condirettore, è far dialogare medici, scienziati, studiosi su una delle grandi sfide della medicina moderna: combattere le diseguaglianze nell’accesso alla salute. Per questo, si discuterà anche di migranti, salute e fake news con la Onlus Sanità di Frontiera che presenterà il nuovo magazine "Corriere della Salute migrante"