Salute 25 Ottobre 2018 09:32

Fake news, Marrocco (FIMMG): «Il medico si ‘improvvisa’ attore per insegnare ai colleghi come comunicare»

Il nuovo progetto della Federazione Italiana di Medici di Medicina Generale per combattere la disinformazione. «L’operatore sanitario deve imparare a parlare anche attraverso i social che sono, volente o nolente, un mezzo di comunicazione diventato fondamentale» così l’ideatore dell’iniziativa Walter Marrocco, responsabile scientifico della Federazione

Fake news, Marrocco (FIMMG): «Il medico si ‘improvvisa’ attore per insegnare ai colleghi come comunicare»

Il medico oltre a curare i pazienti «può curare anche l’informazione». Ne è sicuro Walter Marrocco, Presidente della Società Italiana di Medicina della Prevenzione e Stili di Vita e responsabile scientifico di FIMMG, ideatore di un’iniziativa promossa dalla Federazione per combattere la disinformazione. «Si tratta di mini-video molto brevi in cui i medici s’improvvisano attori e insegnano ai colleghi come comunicare al meglio per svelare le bufale che circolano sui social e sul web», spiega Marrocco.

LEGGI ANCHE: FAKE NEWS, IL WEB SI AMMALA DI ‘DISINFORMAZIONE’. SCIACCHITANO (MINISTERO SALUTE): «ECCO LA CURA»

Il medico è attento alla formazione scientifica e negli ultimi anni sta concentrando la sua attenzione anche sulla corretta comunicazione con il paziente. «Eppure – prosegue il professor Marrocco –, ancora non basta. L’operatore sanitario deve imparare a parlare anche attraverso i social che sono, volente o nolente, un mezzo di comunicazione diventato fondamentale».

«A questo punto – prosegue -, l’idea è coinvolgere i medici stimolandoli a riflettere sul fatto che non basta essere attenti e qualificati da un punto di vista scientifico, ma bisogna saper comunicare andando a riempire quegli spazi di solito lasciati vuoti che vengono utilizzati dai falsi comunicatori. Questi spazi in genere sono proprio i social». Per riuscire in questo intento, i brevi tutorial in cui i medici in poche pillole insegnano ai loro colleghi come intervenire sui canali Facebook, Instagram e altri, intendono proprio diffondere la corretta comunicazione confutando la bufala di turno.

«Il fenomeno delle fake news ha un grosso impatto sociale – sottolinea Marrocco -, in ambito sanitario poi ha effetti devastanti. Basta pensare al problema delle vaccinazioni, oppure delle diete, a quante informazioni scorrette vengono diffuse in maniera impropria. Il medico in generale, e soprattutto il medico di famiglia, su questo deve fare una riflessione. Il nostro progetto sostanzialmente si basa su questi principi che stiamo tentando di declinare attraverso questi canali».

LEGGI ANCHE: FAKE NEWS, PONTECORVI (ENDOCRINOLOGO): «IL WEB NON PUÒ SOSTITUIRE IL PARERE DELLO SPECIALISTA»

Articoli correlati
Premio “Leads – Donne Leader in Sanità”, Lorenzin: «Ai vertici sempre gli uomini, serve rapido cambio di passo»
L’iniziativa nasce per promuovere la leadership delle donne in ambito sanitario. «Per quanto le donne siano assoluta maggioranza – il 64,5% del SSN italiano secondo l’Oms – osservando le posizioni di leadership questa piramide si rovescia» specifica la presidente Patrizia Ravaioli
IV Congresso Big Data in Health, tra salute collettiva e rispetto della privacy
L’avvocato Luca Bolognini: «Necessario un bilanciamento per supportare la spinta all’innovazione senza perdere di vista l’etica del trattamento dati»
I ricercatori in sanità chiedono la stabilizzazione: «Così è difficile programmare l’attività scientifica»
L’ARSI, Associazione Ricercatori in Sanità, chiede che nell’articolo 92 della Legge di Bilancio che stabilizza i precari assunti durante l’emergenza Covid siano inseriti anche i ricercatori degli IRCSS e degli IZS
di Francesco Torre
«Tutti i professionisti sanitari siano coinvolti nelle Case di Comunità». Dal Congresso di Rimini l’appello della FNO TSRM PSTRP
Teresa Calandra, presidente della Federazione che rappresenta 19 professioni sanitarie, spiega: «In questo modo si farà meno fatica poi a trovare le eventuali figure professionali che non sono state inserite nei piani regionali»
di Francesco Torre
Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per l’aggiornamento dei LEA, tutte le misure per la sanità in legge di Bilancio
Confermata l’indennità di 90 milioni per i professionisti sanitari dell’emergenza urgenza e la proroga delle Usce fino al 30 giugno 2022. Destinati 500 milioni di euro all’abbattimento delle liste di attesa. Stanziati fondi per costituire una scorta nazionale di dispositivi di protezione individuale (DPI)
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 dicembre, sono 263.601.780 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.226.923 i decessi. Ad oggi, oltre 8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano