Salute 5 Ottobre 2018

Fake news, il web si ammala di ‘disinformazione’. Sciacchitano (Ministero Salute): «Ecco la cura»

«Notizie scientificamente attendibili possono sconfiggere le comunicazioni fuorvianti, quindi la necessità è di diffonderle e su questo stiamo lavorando congiuntamente con tanti attori del sistema», così Salvatore Sciacchitano, capo della segreteria del sottosegretario al Ministero della Salute Armando Bartolazzi

Immagine articolo

Con l’ausilio dei canali social, con l’utilizzo smodato del web, con la circolazione di notizie via chat e via email, la disinformazione – soprattutto nel campo della salute – è diventato un fenomeno importante tanto da poter essere definito, a pieno titolo, la ‘malattia dell’informazione’.

«Uno degli obiettivi primari del Ministero della Salute è proprio quello di ‘tutelare’ i cittadini da informazioni fuorvianti e garantire loro massima affidabilità», sottolinea Salvatore Sciacchitano, capo della segreteria del sottosegretario al Ministero della Salute Armando Bartolazzi.

«Ebbene occorre curare e guarire questa malattia dell’informazione», spiega Sciacchitano, intervenuto al convegno per l’anniversario di 8 anni dell’Osservatorio Malattie rare OMAR, che mette l’accento sulla responsabilità di istituzioni, enti e associazioni di fare «corretta informazione».

Purtroppo i cittadini accedono al web perché è lo strumento più facile e veloce ed è proprio lì che si nascondono insidie. «Uno strumento per combattere la disinformazione è proprio il web stesso» che così facendo si trasforma da arma pericolosa a strumento di difesa, aggiunge Sciacchitano.

Con l’obiettivo di dare degli strumenti utili agli utenti per ‘difendersi’ «il Ministero insieme ad altri enti come la CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane), università, CNR (Centro nazionale della Ricerca), sta portando avanti varie iniziative che probabilmente si tradurranno in un portale informativo che possa rappresentare un contraltare a notizie inattendibili».

«Notizie scientificamente attendibili possono sconfiggere comunicazioni fuorvianti, quindi la necessità è di diffonderle e su questo – prosegue -, stiamo lavorando congiuntamente con tanti attori del sistema».

«Proseguendo su questa strada – conclude Sciacchitano -, l’Italia potrà essere definita un paese virtuoso per quel che riguarda l’informazione scientificamente attendibile. Oggi ancora non siamo fiore all’occhiello dell’Europa, ma se continuiamo a lavorare con questo obiettivo presto lo saremo».

Articoli correlati
Open Innovation, MSD lancia crowd funding. Claudio Cipriani: «Prevenzione, assistenza domiciliare e lotta alle fake news i focus dei progetti»
Si chiama “Crowd Caring” l’iniziativa di inclusione dal basso lanciata dalla casa farmaceutica. MSD aiuterà al raggiungimento degli obiettivi economici partecipando al 50 per cento
di Federica Bosco
Sanità del futuro, il Ministro Giulia Grillo: «Ecco come accorceremo le liste d’attesa con la digitalizzazione»
All’incontro Wired Health la titolare della Salute ha parlato di una “cabina di regia” per combattere le fake news: «C’è necessità di comunicare meglio soprattutto temi scientifici. Per questo sono andata in Rai chiedendo di incominciare ad utilizzare l’informazione pubblica per creare una cultura sulla sanità con le prime nozioni di pronto soccorso»
di Federica Bosco e Cesare Buquicchio
Studio Nazionale Fertilità, l’87% degli adolescenti si rivolge al “dottor Google”. Grillo: «Creare un database di notizie verificate, adatto a giovani e adulti»
La salute arriva tra i banchi di scuola, il ministro: «Di recente approvazione, in concerto con il Miur, un documento sugli indirizzi di policy integrate per gli istituiti scolastici che promuovono la salute».
di Isabella Faggiano
Alimentazione, il caso dei veleni “bianchi”. Farnetti (Medicina interna): «Cerchiamo cibo integro, non maltrattato. Zucchero? Nessuno può essere assolto, va limitato»
«Il mito dell’integrale va sfatato: la priorità è cercare cibi di qualità». Così la dottoressa Sara Farnetti in esclusiva a Sanità Informazione. E sullo zucchero: «Di per sé va contenuto, meglio un dolcificante naturale». Vediamo perché
UniVax Day, i più giovani non cascano nelle fake news sui vaccini. Duse (Siica): «Messaggi di speranza per il futuro»
Migliaia di studenti delle scuole superiori si sono riuniti in 21 università italiane per la giornata di formazione e sensibilizzazione sui vaccini. La presidente della Società italiana di immunologia clinica e allergologia: «Gli operatori sanitari devono vaccinarsi e dare il buon esempio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone