Salute 5 Ottobre 2018 13:25

Fake news, il web si ammala di ‘disinformazione’. Sciacchitano (Ministero Salute): «Ecco la cura»

«Notizie scientificamente attendibili possono sconfiggere le comunicazioni fuorvianti, quindi la necessità è di diffonderle e su questo stiamo lavorando congiuntamente con tanti attori del sistema», così Salvatore Sciacchitano, capo della segreteria del sottosegretario al Ministero della Salute Armando Bartolazzi

Fake news, il web si ammala di ‘disinformazione’. Sciacchitano (Ministero Salute): «Ecco la cura»

Con l’ausilio dei canali social, con l’utilizzo smodato del web, con la circolazione di notizie via chat e via email, la disinformazione – soprattutto nel campo della salute – è diventato un fenomeno importante tanto da poter essere definito, a pieno titolo, la ‘malattia dell’informazione’.

«Uno degli obiettivi primari del Ministero della Salute è proprio quello di ‘tutelare’ i cittadini da informazioni fuorvianti e garantire loro massima affidabilità», sottolinea Salvatore Sciacchitano, capo della segreteria del sottosegretario al Ministero della Salute Armando Bartolazzi.

«Ebbene occorre curare e guarire questa malattia dell’informazione», spiega Sciacchitano, intervenuto al convegno per l’anniversario di 8 anni dell’Osservatorio Malattie rare OMAR, che mette l’accento sulla responsabilità di istituzioni, enti e associazioni di fare «corretta informazione».

Purtroppo i cittadini accedono al web perché è lo strumento più facile e veloce ed è proprio lì che si nascondono insidie. «Uno strumento per combattere la disinformazione è proprio il web stesso» che così facendo si trasforma da arma pericolosa a strumento di difesa, aggiunge Sciacchitano.

Con l’obiettivo di dare degli strumenti utili agli utenti per ‘difendersi’ «il Ministero insieme ad altri enti come la CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane), università, CNR (Centro nazionale della Ricerca), sta portando avanti varie iniziative che probabilmente si tradurranno in un portale informativo che possa rappresentare un contraltare a notizie inattendibili».

«Notizie scientificamente attendibili possono sconfiggere comunicazioni fuorvianti, quindi la necessità è di diffonderle e su questo – prosegue -, stiamo lavorando congiuntamente con tanti attori del sistema».

«Proseguendo su questa strada – conclude Sciacchitano -, l’Italia potrà essere definita un paese virtuoso per quel che riguarda l’informazione scientificamente attendibile. Oggi ancora non siamo fiore all’occhiello dell’Europa, ma se continuiamo a lavorare con questo obiettivo presto lo saremo».

Articoli correlati
Covid, Locatelli e Ippolito: «Medici (in)formati su vaccini e terapie per uscire prima dall’emergenza»
Consulcesi lancia il corso ECM su vaccini e anticorpi monoclonali: una sfida aperta per scienza, politica ed economia. Il presidente Massimo Tortorella: «Solo con la formazione, punto chiave del nuovo Piano Pandemico, sarà possibile arginare l'attuale nuova ondata di fake news»
Ospedale San Camillo: «Nessuna chiusura di cardiologia a causa di operatori positivi Covid-19»
La dichiarazione del Direttore generale dell'ospedale romano Fabrizio d'Alba: «Titolo sparato per diffondere fake news»
Le fake news fanno aumentare i contagi di Covid-19. Ecco come
Rosbeh Zakikhani, CEO di Deephound, spiega a Sanità Informazione come le affermazioni false sul Covid siano diventate una piaga in 87 Paesi del mondo
di Isabella Faggiano
Fake news e Covid-19, i primi quattro mesi di lavoro della task force
Razzante (Cattolica): «Prodotto il primo documento per fronteggiare le notizie false e riconoscere l’informazione scientifica di qualità»
di Federica Bosco
Emofilia, presentato il Rapporto di Omar nell’ottica del ‘Value Based Health Care’
Binetti: «Sia finanziato il nuovo piano delle malattie rare». E le associazioni dei malati chiedono che i pazienti vengano messi al centro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 gennaio, sono 99.755.496 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.141.228 i decessi. Ad oggi, oltre 68,41 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»