Salute 13 Aprile 2018

«Quando si rischiava di diventare blu, bevendo argento colloidale». La pseudoscienza svelata dal Cicap di Piero Angela

«Noi del Cicap verifichiamo tutto ciò che riguarda il paranormale: le pseudoscienze, l’astrologia, i fantasmi, i tarocchi e gli ufo» spiega il chimico intervenuto al Congresso di Medicina e Pseudoscienza. Che sottolinea: «Oggi l’informazione è estremamente semplificata quanto più è amplificata dai media e tutti si illudono di avere una laurea in medicina quando tutto ciò che hanno è Internet e Google». GUARDA LA GALLERY

Immagine articolo

Quante volte abbiamo sentito dire: «Per questa malattia prova questo rimedio alternativo.  Non so se è efficace, ma sicuramente non fa male». Ma è vero che curarsi in modo alternativo sia sempre sicuro, efficace e privo di controindicazioni? Niente di più falso secondo Luigi Garlaschelli, intervistato a margine del Congresso Nazionale di Medicina e Pseudoscienza che si è svolto a Roma. Come socio e responsabile per le sperimentazioni del Cicap (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze fondato, tra gli altri, da Piero Angela) si è spesso confrontato con terapie alternative di vario tipo. Ai microfoni di Sanità Informazione il noto divulgatore scientifico ha lanciato un avvertimento sui rischi di questi trattamenti: nei casi migliori si dimostrano inutili, in quelli peggiori possono provocare effetti collaterali come l’argiria, la colorazione grigio-bluastra della pelle che si può manifestare in seguito all’assunzione di argento colloidale come antibiotico “naturale”.

Perché siamo ancora così attratti dalle pseudoscienze?

«Siamo attratti dalle pseudoscienze perché, a parte i ciarlatani che ci guadagnano, la pseudoscienza offre delle soluzioni apparentemente semplici. Il corpo umano è estremamente complesso ma il fatto che qualcuno dica che il cancro si cura con il bicarbonato e il limone, ci tranquillizza. Oggi l’informazione è estremamente semplificata quanto più è amplificata dai media e tutti si illudono di avere una laurea in medicina quando tutto ciò che hanno è Internet e Google».

LEGGI ANCHE: PIERO ANGELA: «LA SCIENZA È UNA E NON È DEMOCRATICA. OCCORRE DISTINGUERE I FATTI DALLE OPINIONI»

  • Heidi Gutman/nbc newswire/getty images

In cosa consiste il test del Cicap per smascherare le bufale in tema di salute ed alimentazione?

«Noi del Cicap verifichiamo tutto ciò che riguarda il paranormale: le pseudoscienze, l’astrologia, i fantasmi, i tarocchi e gli ufo. Una parte di queste persone che pensano di avere capacità paranormali si occupano anche di salute, come i pranoterapeuti. La pranoterapia è quella disciplina secondo la quale semplicemente imponendo le mani – senza neanche toccare il paziente – si guariscono molte patologie. I pranoterapeuti non sono medici, ma fanno diagnosi, ed è per questo che il Cicap interviene. In che modo? Il pranoterapeuta, bendato, deve distinguere, più di una volta, un paziente sano da quello che lui sente “malato” con i suoi poteri, semplicemente avvicinando le mani. Una cosa molto semplice e fatta alla cieca che permette di capire se lui distingue chi è malato da chi è sano perché se sbaglia è chiaro che il fenomeno non esiste, e non c’è nessun potere. Per quanto riguarda l’omeopatia, ricordo un test fatto all’Università di Parma, quando abbiamo verificato se un certo preparato omeopatico giovasse alla calcificazione delle ossa dei polli d’allevamento. Ad ogni pollo è stata fatta una tac per quantificare il livello di calcificazione. Il risultato è stato negativo: non c’era nessuna differenza tra i polli trattati con omeopatia e quelli non trattati, nonostante chi l’avesse proposto ne garantiva l’efficacia».

LEGGI ANCHE: OMEOPATIA NO. PIERO ANGELA: «NON HA MAI DIMOSTRATO LA SUA EFFICACIA. ATTENTI A SEGUIRE I CATTIVI MAESTRI»

La medicina alternativa si può affiancare alla medicina tradizionale?

«Solo come “effetto placebo”, che è comunque importante, se il paziente ci crede e per farlo stare meglio. Bisogna ricordare che, per verificare l’efficacia di un farmaco, si confrontano un gruppo di persone a cui è stato somministrato un placebo e un gruppo che ha assunto un farmaco vero. Se ci sono differenze, abbiamo la dimostrazione che il farmaco funziona. Quindi il rischio non è seguire terapie alternative o complementari, il rischio è non seguire terapie che sono dimostrabilmente efficaci: troppo spesso veniamo a conoscenza di episodi in cui le persone muoiono perché sono state curate con omeopatia anziché chemioterapia. Questo è un pericolo per il pubblico e per i pazienti».

La medicina alternativa non deve sostituire quella tradizionale

«Esiste una sola medicina: quella che funziona. Tutte le altre sono placebo o sono “mode” e bisogna stare attenti a seguirle. Prima di tutto viene la medicina scientifica che si può associare ad altre terapie solo sotto controllo di un medico.  Alcune di queste non sono poi così innocue: ci sono stati episodi e mode in cui si beveva l’argento colloidale e dopo un po’ di mesi le persone diventavano blu come i puffi, uno stato patologico che non è reversibile e che non raccomanderei a nessuno…».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Crioablazione, e il tumore muore… di freddo. Come funziona l’innovativa tecnica mini-invasiva
Il professor Enrico Ragone dell'ospedale Monaldi di Napoli: «Scelta preferibile per quei pazienti che è sconsigliabile sottoporre ad anestesia generale o su cui è impossibile intervenire con la chirurgia tradizionale»
Chi è Je.suis.doc, medico su TikTok da 40mila follower: «Così ho avvicinato i giovani alla medicina»
Clip mimate e sequenze musicali per interagire con gli adolescenti e parlare di salute. Carlo Esposito: «TikTok mi ha permesso di catturare l’attenzione dei giovanissimi in modo semplice e immediato»
«Da grande voglio fare il medico ma…». Quando il test di Medicina ti cambia la vita
Quattro aspiranti camici bianchi si raccontano a Sanità Informazione: chi ha superato l’ostacolo del numero chiuso e chi ha lasciato il sogno nel cassetto
Recovery Fund, Fnopo: «Evento storico. Implementare ostetrica di famiglia e di comunità»
«D’ora in poi non sarà più possibile, né credibile, rimandare la realizzazione di progetti di riforma della rete assistenziale portando a motivazione la mancanza di fondi adeguati» precisa la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO)
Medicina di continuità assistenziale, Lombardia punta sul numero unico europeo
Gallera (assessore al Welfare): «Continuità assistenziale e trasporto per i dializzati attivo in tutta la Regione entro fine anno». Zoli (AREU): «Con l’interpretariato telefonico e l’informatizzazione del servizio pazienti e medici più tutelati»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...