Salute 13 Aprile 2018 10:42

«Quando si rischiava di diventare blu, bevendo argento colloidale». La pseudoscienza svelata dal Cicap di Piero Angela

«Noi del Cicap verifichiamo tutto ciò che riguarda il paranormale: le pseudoscienze, l’astrologia, i fantasmi, i tarocchi e gli ufo» spiega il chimico intervenuto al Congresso di Medicina e Pseudoscienza. Che sottolinea: «Oggi l’informazione è estremamente semplificata quanto più è amplificata dai media e tutti si illudono di avere una laurea in medicina quando tutto ciò che hanno è Internet e Google». GUARDA LA GALLERY

«Quando si rischiava di diventare blu, bevendo argento colloidale». La pseudoscienza svelata dal Cicap di Piero Angela

Quante volte abbiamo sentito dire: «Per questa malattia prova questo rimedio alternativo.  Non so se è efficace, ma sicuramente non fa male». Ma è vero che curarsi in modo alternativo sia sempre sicuro, efficace e privo di controindicazioni? Niente di più falso secondo Luigi Garlaschelli, intervistato a margine del Congresso Nazionale di Medicina e Pseudoscienza che si è svolto a Roma. Come socio e responsabile per le sperimentazioni del Cicap (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze fondato, tra gli altri, da Piero Angela) si è spesso confrontato con terapie alternative di vario tipo. Ai microfoni di Sanità Informazione il noto divulgatore scientifico ha lanciato un avvertimento sui rischi di questi trattamenti: nei casi migliori si dimostrano inutili, in quelli peggiori possono provocare effetti collaterali come l’argiria, la colorazione grigio-bluastra della pelle che si può manifestare in seguito all’assunzione di argento colloidale come antibiotico “naturale”.

Perché siamo ancora così attratti dalle pseudoscienze?

«Siamo attratti dalle pseudoscienze perché, a parte i ciarlatani che ci guadagnano, la pseudoscienza offre delle soluzioni apparentemente semplici. Il corpo umano è estremamente complesso ma il fatto che qualcuno dica che il cancro si cura con il bicarbonato e il limone, ci tranquillizza. Oggi l’informazione è estremamente semplificata quanto più è amplificata dai media e tutti si illudono di avere una laurea in medicina quando tutto ciò che hanno è Internet e Google».

LEGGI ANCHE: PIERO ANGELA: «LA SCIENZA È UNA E NON È DEMOCRATICA. OCCORRE DISTINGUERE I FATTI DALLE OPINIONI»

[metaslider id=24471]

In cosa consiste il test del Cicap per smascherare le bufale in tema di salute ed alimentazione?

«Noi del Cicap verifichiamo tutto ciò che riguarda il paranormale: le pseudoscienze, l’astrologia, i fantasmi, i tarocchi e gli ufo. Una parte di queste persone che pensano di avere capacità paranormali si occupano anche di salute, come i pranoterapeuti. La pranoterapia è quella disciplina secondo la quale semplicemente imponendo le mani – senza neanche toccare il paziente – si guariscono molte patologie. I pranoterapeuti non sono medici, ma fanno diagnosi, ed è per questo che il Cicap interviene. In che modo? Il pranoterapeuta, bendato, deve distinguere, più di una volta, un paziente sano da quello che lui sente “malato” con i suoi poteri, semplicemente avvicinando le mani. Una cosa molto semplice e fatta alla cieca che permette di capire se lui distingue chi è malato da chi è sano perché se sbaglia è chiaro che il fenomeno non esiste, e non c’è nessun potere. Per quanto riguarda l’omeopatia, ricordo un test fatto all’Università di Parma, quando abbiamo verificato se un certo preparato omeopatico giovasse alla calcificazione delle ossa dei polli d’allevamento. Ad ogni pollo è stata fatta una tac per quantificare il livello di calcificazione. Il risultato è stato negativo: non c’era nessuna differenza tra i polli trattati con omeopatia e quelli non trattati, nonostante chi l’avesse proposto ne garantiva l’efficacia».

LEGGI ANCHE: OMEOPATIA NO. PIERO ANGELA: «NON HA MAI DIMOSTRATO LA SUA EFFICACIA. ATTENTI A SEGUIRE I CATTIVI MAESTRI»

La medicina alternativa si può affiancare alla medicina tradizionale?

«Solo come “effetto placebo”, che è comunque importante, se il paziente ci crede e per farlo stare meglio. Bisogna ricordare che, per verificare l’efficacia di un farmaco, si confrontano un gruppo di persone a cui è stato somministrato un placebo e un gruppo che ha assunto un farmaco vero. Se ci sono differenze, abbiamo la dimostrazione che il farmaco funziona. Quindi il rischio non è seguire terapie alternative o complementari, il rischio è non seguire terapie che sono dimostrabilmente efficaci: troppo spesso veniamo a conoscenza di episodi in cui le persone muoiono perché sono state curate con omeopatia anziché chemioterapia. Questo è un pericolo per il pubblico e per i pazienti».

La medicina alternativa non deve sostituire quella tradizionale

«Esiste una sola medicina: quella che funziona. Tutte le altre sono placebo o sono “mode” e bisogna stare attenti a seguirle. Prima di tutto viene la medicina scientifica che si può associare ad altre terapie solo sotto controllo di un medico.  Alcune di queste non sono poi così innocue: ci sono stati episodi e mode in cui si beveva l’argento colloidale e dopo un po’ di mesi le persone diventavano blu come i puffi, uno stato patologico che non è reversibile e che non raccomanderei a nessuno…».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Fondazione AIRC: con Le Arance della Salute, una mobilitazione collettiva contro il cancro
L’anno di Fondazione AIRC inizia con una nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi che invita ad agire concretamente per fare la differenza, per se stessi e per gli altri, attraverso l’adozione di sane abitudini e il sostegno alla ricerca
Tumori del sangue, creato algoritmo che potrebbe migliorare diagnosi e cure
I ricercatori di Genomics England, dell'Università di Trieste e del Great Ormond Street Hospital for Children dell’NHS Foundation Trust hanno sviluppato un nuovo algoritmo per rendere più accurata l'analisi del sequenziamento completo del genoma, effettuato con tecniche di Whole Genome Sequencing (WGS) in pazienti con tumori del sangue
di V.A.
L’Intelligenza artificiale di Google batte i medici in carne e ossa su anamnesi e diagnosi
Un sistema di intelligenza artificiale (AI) addestrato a condurre interviste mediche ha eguagliato, o addirittura superato, le prestazioni dei medici in carne e ossa nel conversare con pazienti simulati e nell'elencare possibili diagnosi sulla base della loro storia medica dei pazienti. Queste sono le conclusioni di uno studio pubblicato sul server di prestampa arXiv e riportato in un articolo riportato su Nature
Tumori: via a “Dance For Oncology”, corsi di ballo gratuiti studiati per i pazienti
Per la prima volta in Europa si lancia un’iniziativa gratuita in tutta la Penisola. È promossa dalla neonata associazione D4O e ideata da Caroline Smith. Sono offerti corsi di danza gratuiti e appositamente studiati per i pazienti. Hanno aderito 15 scuole (altre 35 inizieranno a gennaio) e 20 centri oncologici e associazioni
Tumori: disagio psicologico per oltre il 50% dei pazienti, ma depressione non curata nel 70% dei casi
Il 20% delle persone con tumore è colpito da depressione, il 10% da ansia e oltre il 50% sviluppa disagio psicologico. Questi disturbi hanno un impatto negativo sulla qualità di vita e sulla sopravvivenza dei pazienti oncologici. Ma sono individuati e curati solo nella minoranza dei casi. Per questo l'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) ha richiesto una reale integrazione dell’assistenza psicosociale nella pratica clinica quotidiana
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Patologie dei polmoni, ‘Respiriamo Insieme’: “Una legge ad hoc per il riconoscimento dell’asma grave”

La Presidente Barbaglia: "Necessario assegnare un codice specifico e riconoscere numerose prestazioni fondamentali, al fine di garantire a tutti i pazienti una tempestiva e corretta diagnosi, follow-u...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...