Covid-19, che fare se...? 12 Aprile 2022 15:04

Quanto durano i sintomi della variante Omicron?

Oltre ad avere un livello di contagiosità diverso dalla Delta, anche la durata dei sintomi delle infezioni da Omicron presenta qualche significativa differenza

Quanto durano i sintomi della variante Omicron?

La variante Omicron è ormai la versione del virus Sars-CoV-2 prevalente in tutto il mondo. Ma oltre ad avere un livello di contagiosità diverso dalla Delta, anche la durata dei sintomi delle infezioni da Omicron presenta qualche significativa differenza. Uno studio britannico, pubblicato sulla rivista The Lancet, ha concluso che la durata dei sintomi legati a Omicron è più breve di quella dei sintomi legati a Delta tra le persone che hanno avuto un vaccino di richiamo.

I sintomi di Omicron durano in media 4,4 giorni contro i 7,7 giorni di Delta

Per scoprirlo Cristina Menni del King’s College London e i suoi colleghi hanno analizzato i dati di più di 63mila persone risultate positive al virus Sars-CoV-2, tra giugno 2021 e gennaio 2022. I partecipanti, che avevano tutti ricevuto almeno due dosi di un qualsiasi vaccino anti-Covid, hanno tutti riportato la loro positività al Covid e i sintomi tramite l’app Zoe Covid. Da giugno a novembre 2021, quando Delta era la variante dominante nel Regno Unito, i sintomi del Covid-19 sono durati in media 7,7 giorni tra i partecipanti che hanno ricevuto tre dosi del vaccino anti-Covid. Da fine dicembre 2032 a metà gennaio 2022, nel periodo in cui Omicron era già la variante dominante, la durata media dei sintomi riportata dalle persone positive al virus è pari a 4,4 giorni.

Con Omicron la perdita dell’olfatto è meno comune rispetto a Delta

Omicron è noto da tempo per essere meno virulento delle precedenti varianti Covid-19. I sintomi di Omicron sono lievi e sembrano anche differire da quelli legati alla Delta. Meno di uno su cinque (17%) dei partecipanti che si sono positivizzati al Covid-19 quando Omicron ha iniziato a essere dominante hanno riportato una perdita dell’olfatto, rispetto a oltre alla metà (53%) di coloro che probabilmente avevano la Delta.

Mal di gola e abbassamento della voce sono i sintomi più comuni di Omicron

Coloro che probabilmente hanno preso Omicron avevano maggiori probabilità di riportare mal di gola e abbassamento della voce rispetto a quelli che hanno avuto la Delta. Tuttavia, quest’ultima variante era più fortemente legata a sintomi come la «nebbia cerebrale» , mal di testa e febbre. «È una lezione: dobbiamo essere molto più flessibili nel pensare a cosa sia il virus e come si presenterà», sicuramente nel Regno Unito”, ha detto al Guardian Tim Spector del King’s College di Londra. 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»
I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»
Arrivano le zecche, attenzione alla malattia di Lyme
Inverno mite e primavera con temperature elevate hanno contribuito alla diffusione delle zecche. L’area più colpita è l’Europa centrale, dove si segnala un 20,7% di infezioni, a seguire l’Asia orientale con il 15,9% e l’Europa occidentale con il 13,5%. Antonella D’Arminio Monforte, direttore della struttura complessa di malattie infettive Santi Paolo e Carlo Milano spiega come affrontarle e le possibili conseguenze
Con Omicron il rischio Long Covid è più basso
Uno studio del King's College London ha dimostrato che il rischio di sviluppare il Long Covid è più basso con Omicron
Anticorpi monoclonali e antivirali efficaci anche contro nuove sottovarianti di Omicron
Zazzi, co-presidente ICAR: «Si inizia a capire meglio quali parti della proteina spike tendono a rimanere stabili nel tempo e questo aiuta molto nei criteri di selezione dei monoclonali. Le funzioni virali colpite dagli antivirali invece non sono soggette a forte evoluzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 giugno, sono 546.396.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.334.351 i decessi. Ad oggi, oltre 11,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali