Covid-19, che fare se...? 12 Aprile 2022 15:04

Quanto durano i sintomi della variante Omicron?

Oltre ad avere un livello di contagiosità diverso dalla Delta, anche la durata dei sintomi delle infezioni da Omicron presenta qualche significativa differenza

Quanto durano i sintomi della variante Omicron?

La variante Omicron è ormai la versione del virus Sars-CoV-2 prevalente in tutto il mondo. Ma oltre ad avere un livello di contagiosità diverso dalla Delta, anche la durata dei sintomi delle infezioni da Omicron presenta qualche significativa differenza. Uno studio britannico, pubblicato sulla rivista The Lancet, ha concluso che la durata dei sintomi legati a Omicron è più breve di quella dei sintomi legati a Delta tra le persone che hanno avuto un vaccino di richiamo.

I sintomi di Omicron durano in media 4,4 giorni contro i 7,7 giorni di Delta

Per scoprirlo Cristina Menni del King’s College London e i suoi colleghi hanno analizzato i dati di più di 63mila persone risultate positive al virus Sars-CoV-2, tra giugno 2021 e gennaio 2022. I partecipanti, che avevano tutti ricevuto almeno due dosi di un qualsiasi vaccino anti-Covid, hanno tutti riportato la loro positività al Covid e i sintomi tramite l’app Zoe Covid. Da giugno a novembre 2021, quando Delta era la variante dominante nel Regno Unito, i sintomi del Covid-19 sono durati in media 7,7 giorni tra i partecipanti che hanno ricevuto tre dosi del vaccino anti-Covid. Da fine dicembre 2032 a metà gennaio 2022, nel periodo in cui Omicron era già la variante dominante, la durata media dei sintomi riportata dalle persone positive al virus è pari a 4,4 giorni.

Con Omicron la perdita dell’olfatto è meno comune rispetto a Delta

Omicron è noto da tempo per essere meno virulento delle precedenti varianti Covid-19. I sintomi di Omicron sono lievi e sembrano anche differire da quelli legati alla Delta. Meno di uno su cinque (17%) dei partecipanti che si sono positivizzati al Covid-19 quando Omicron ha iniziato a essere dominante hanno riportato una perdita dell’olfatto, rispetto a oltre alla metà (53%) di coloro che probabilmente avevano la Delta.

Mal di gola e abbassamento della voce sono i sintomi più comuni di Omicron

Coloro che probabilmente hanno preso Omicron avevano maggiori probabilità di riportare mal di gola e abbassamento della voce rispetto a quelli che hanno avuto la Delta. Tuttavia, quest’ultima variante era più fortemente legata a sintomi come la «nebbia cerebrale» , mal di testa e febbre. «È una lezione: dobbiamo essere molto più flessibili nel pensare a cosa sia il virus e come si presenterà», sicuramente nel Regno Unito”, ha detto al Guardian Tim Spector del King’s College di Londra. 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spunta la variante JN.1, nuova “sorvegliata speciale” dell’Oms. Ciccozzi: “Aumentano le reinfezioni”
Una nuova "sorella" di Omicron è stata classificata come “variante di interesse” dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, a causa “della sua diffusione in rapido aumento”. Si tratta di JN.1, rilevata in molti paesi in tutto il mondo. Inoltre, uno studio italiano che sarà pubblicato sulla rivista "Pathogen and Global Health" ha analizzato JN.1, concludendo che questa variante "va seguita e monitorata"
Long Covid: rischio sovrastimato? Comunità scientifica divisa
Tracy Beth Høeg dell’Università della California, San Francisco, e il suo team di ricerca hanno affermato che c'è una buona probabilità che il Long Covid sia stato sovrastimato. Le conclusioni del loro lavoro hanno sollevato un polverone di polemiche all'interno della comunità scientifica
Covid: Oms, Acrux diventa variante sotto monitoraggio
L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha inserito dal 18 maggio la variante XBB.2.3 di Sars-CoV-2, battezzata Acrux dagli esperti sui social, fra le varianti sotto monitoraggio (Vum), dopo che questo mutante è cresciuto nell’arco di 5 settimane, da 1,8% del totale sequenze rilevate nel mondo a 4,64% (ultimo dato, relativo al 24-30 aprile). E’ quanto […]
Usa: caccia al paziente Covid più “lungo” di sempre. Si temono mutazioni pericolose
Negli Stati Uniti è caccia aperta al paziente Covid più longevo di sempre. Più precisamente al paziente che si pensa sia positivo da più tempo. Quello che i ricercatori oggi sanno è che il paziente potrebbe vivere nell'area di Columbus, la più grande città dello stato di quasi 1 milione di abitanti,  e che è portatore di una versione altamente mutata del virus Sars-CoV-2 che «è diversa da qualsiasi cosa» che gli esperti abbiano visto
Dobbiamo temere la nuova variante identificata in Polonia?
Una nuova variante del virus Sars-CoV-2 è stata rilevata per la prima volta in Polonia. In realtà, è nuova solo perché è stata identificata di recente. Uno studio pubblicato sulla rivista Eurosurveillance, infatti, ha dimostrato che il ceppo individuato potrebbe essere in circolazione da diverso tempo. Sembra infatti che la variante sia imparentata con una già visto oltre due anni fa nell'uomo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...