Salute 8 Aprile 2022 11:30

I nove sintomi della variante Omicron che colpiscono i vaccinati e i due segni precoci dell’infezione

Sebbene il vaccino protegga dalle forme più gravi dell’infezione è comunque possibile ammalarsi anche se si è vaccinati completamente. Da uno studio norvegese, pubblicato sulla rivista Eurosurvelliance, è stato possibile individuare i sintomi più comuni nelle persone che hanno ricevuto due dosi di un vaccino anti-Covid

I nove sintomi della variante Omicron che colpiscono i vaccinati e i due segni precoci dell’infezione

La variante Omicron è attualmente quella dominante in tutto il mondo. E’ stata rilevata per la prima volta nell’Africa meridionale e a Hong Kong nel novembre 2021, ma ora si è diffusa ovunque. Sebbene il vaccino protegga dalle forme più gravi dell’infezione è comunque possibile ammalarsi anche se si è vaccinati completamente. Da uno studio norvegese, pubblicato sulla rivista Eurosurvelliance, è stato possibile individuare i sintomi più comuni nelle persone che hanno ricevuto due dosi di un vaccino anti-Covid.

I sintomi più comuni della variante Omicron sono otto più uno

I segni più comuni rilevati nell’ambito dello studio sono otto: tosse, naso che cola, affaticamento, mal di gola, mal di testa, dolori muscolari, febbre e starnuti. A questi gli esperti hanno poi aggiunto la nausea. Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno intervistato 111 (su 117) ospiti di una festa che si è tenuta il 26 novembre 2021, nell’ambito della quale si è verificato un focolaio di Omicron. Del gruppo intervistato, 66 sono stati casi di Covid-19 confermati e 15 sospetti. Dei 111 partecipanti, l’89 per cento ha ricevuto due dosi di un vaccino mRNA e nessuno aveva fatto ancora il richiamo.

La metà dei raffreddori son attualmente infezioni Covid-19

I risultati mostrano anche che tosse, naso che cola e affaticamento sono tra i sintomi più comuni nelle persone vaccinate, mentre starnuti e febbre sono meno diffusi. La natura dei sintomi rende difficile alle persone distinguere Covid-19 da un comune raffreddore. Ma secondo Tim Spector, il cervello dietro l’app ZOE Symptom Study, circa il 50 per cento dei «nuovi raffreddori» attualmente sono in effetti Covid.

Due segnali premonitori che potresti avere Omicron

Gli esperti suggeriscono anche che ci sono due sintomi distinti che potrebbero essere un segno della positività al virus Sars-CoV-2 e sono stanchezza e vertigini/svenimento. Più che semplicemente sentirsi stanchi, l’affaticamento può tradursi in dolore fisico, provocando debolezza o dolori muscolari, mal di testa e persino vista offuscata e perdita di appetito. Angelique Coetzee, medico privato e presidente della South African Medical Association, ha detto che quando la variante Omicron è esplosa in Sud Africa la stanchezza era uno dei sintomi principali. Mentre un report della Germania ha suggerito che esiste un legame tra svenimenti e Omicron. Una conclusioni a cui si è giunta dopo che i medici di Berlino hanno scoperto che il Covid stava provocando svenimenti ricorrenti in un paziente di 35 anni ricoverato in ospedale.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...