Salute 11 Aprile 2022 12:33

Long Covid: la nebbia cognitiva dopo un anno dalla malattia, soprattutto tra i giovani

Uno studio realizzato dal centro di ricerche Aldo Ravelli dell’Università degli studi di Milano, dall’IRCCS Santi Paolo e Carlo e dall’Istituto Auxologico Italiano IRCCS lo conferma. Ferrucci (professoressa di Psicobiologia e Psicologia Fisiologica Uni Mi): «A dodici mesi un 30% di pazienti ha disturbi di memoria, un 20% di attenzione, mentre tende a diradarsi più velocemente nei soggetti vaccinati»

La nebbia cognitiva, dall’inglese brain fog, uno degli effetti del cosiddetto Long Covid, è destinata a rimanere per molto tempo e è presente anche a distanza di un anno dalla malattia in particolare nei giovani. La conferma arriva da uno studio realizzato dal centro di ricerche Aldo Ravelli dell’Università degli Studi di Milano, dall’IRCCS Santi Paolo e Carlo e dall’istituto Auxologico Italiano IRCCS. A coordinare i lavori la professoressa Roberta Ferrucci che evidenzia i risultati della ricerca pubblicata di recente sull’European Journal of Neurology.

«La nebbia cognitiva è caratterizzata da cali di concentrazione, vuoti di memoria, affaticamento mentale e rallentamento delle funzioni cognitive. I pazienti denotano perdita di lucidità, smarrimento. Il nostro studio ha dimostrato che, non solo sono presenti cinque mesi dopo la guarigione nel 60% dei pazienti, ma persistono anche nei dodici mesi successivi la guarigione nel 50% dei casi. Il 30% ha evidenziato disturbi di memoria e il 20% di attenzione».

Unica nota positiva è che la “brain fog” tende a diradarsi più velocemente nei soggetti vaccinati. «Recenti studi realizzati oltre oceano e in Europa, hanno dimostrato che i vaccinati hanno un rischio di avere o sviluppare sintomi da Long Covid ridotti del 40%, compresa la nebbia cognitiva» rimarca la professoressa Ferrucci.

Rivolgersi ad un centro specializzato per la riabilitazione cognitiva

Convivere con questo disturbo, che genera confusione e smarrimento, può causare problemi in ambito lavorativo e sociale in particolare nei soggetti più giovani; pertanto, la professoressa Ferrucci consiglia di rivolgersi ad un centro specializzato per intraprendere percorsi riabilitativi.

«Da noi – all’IRCCS Santi Paolo e Carlo – ci sono ambulatori specifici per il long Covid gestiti da neurologi a cui si può accedere con il Sistema sanitario nazionale per fare una priva valutazione neurologica e, in caso di diagnosi di nebbia cognitiva e di funzioni cognitive compromesse, si può accedere ad un centro di neuropsicologia dove intraprendere un percorso di riabilitazione».

Anche gli asintomatici possono essere colpiti

La nebbia cognitiva colpisce indistintamente uomini e donne in ogni fascia di età, anche se sembra avere maggiore impatto nei soggetti più giovani e non fa sconti neppure a chi ha avuto una forma lieve di Covid, «Dal nostro studio è emerso che non esistono differenze sulla gravità della patologia e anche un asintomatico può sviluppare effetti Long Covid, tenendo conto che a seconda delle varianti i sintomi sono differenti: mentre l’unico sintomo che resta confermato per tutte le varianti è proprio la brain fog».

Multivitaminici per attenuare i sintomi

Quale supporto farmacologico sia necessario per uscire da questo tunnel è una delle sfide in corso. «Non esistono linee guida specifiche, ma vengono utilizzate di solito multivitaminici, vitamina B12 e i protocolli di riabilitazione cognitiva».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Long Covid: rischio sovrastimato? Comunità scientifica divisa
Tracy Beth Høeg dell’Università della California, San Francisco, e il suo team di ricerca hanno affermato che c'è una buona probabilità che il Long Covid sia stato sovrastimato. Le conclusioni del loro lavoro hanno sollevato un polverone di polemiche all'interno della comunità scientifica
Long Covid: più vicini a un test del sangue per la diagnosi
I pazienti con Long Covid presentano chiare differenze nella funzione immunitaria e ormonale rispetto alle persone senza sindrome post-infezione. Questo significa che nel plasma potrebbero esserci molecole specifiche in grado di aiutarci a identificare coloro che hanno il Long Covid da chi no
Long Covid: il rischio aumenta quanto più a lungo dura l’infezione
Anche la durata dell'infezione è un importante fattore predittivo del Long Covid, responsabile della persistenza dei sintomi anche dopo settimane e mesi dalla fine della malattia. A dimostrarlo è uno studio italiano
di V.A.
Long Covid: scoperto meccanismo autoimmune dietro complicanze cardiache
Nella metà dei casi, i pazienti ricoverati per Covid-19 con conseguente danno cardiaco soffrono di complicanze al cuore per diversi mesi dopo le dimissioni. Un gruppo di ricercatori Humanitas ha studiato il meccanismo all’origine del fenomeno: una reazione autoimmune che potrebbe spiegare la varietà delle manifestazioni - anche non cardiache – del Long Covid. I risultati pubblicati su Circulation.
Long Covid, per chi è vaccinato non è peggio di un’influenza
C'è un nuovo buon motivo per vaccinarsi contro Covid-19. Tra coloro che si sono sottoposti alle iniezioni, infatti, le possibili sequele dell'infezione sarebbero quasi identiche a quelle di una comune influenza. O almeno è questo quanto emerso da uno studio condotto a Queensland (Australia), che ha vaccinato il 90 per cento della popolazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Salute

Diabete di tipo 2: remissione possibile con stile di vita sano, benefici anche per cuore e reni

Il diabete di tipo 2 può essere "curato" perdendo peso e, in generale, adottando uno stile di vita sano, riducendo significativamente il rischio di malattie cardiovascolari e renali. Queste son...
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...