Salute 11 Aprile 2022 12:33

Long Covid: la nebbia cognitiva dopo un anno dalla malattia, soprattutto tra i giovani

Uno studio realizzato dal centro di ricerche Aldo Ravelli dell’Università degli studi di Milano, dall’IRCCS Santi Paolo e Carlo e dall’Istituto Auxologico Italiano IRCCS lo conferma. Ferrucci (professoressa di Psicobiologia e Psicologia Fisiologica Uni Mi): «A dodici mesi un 30% di pazienti ha disturbi di memoria, un 20% di attenzione, mentre tende a diradarsi più velocemente nei soggetti vaccinati»

La nebbia cognitiva, dall’inglese brain fog, uno degli effetti del cosiddetto Long Covid, è destinata a rimanere per molto tempo e è presente anche a distanza di un anno dalla malattia in particolare nei giovani. La conferma arriva da uno studio realizzato dal centro di ricerche Aldo Ravelli dell’Università degli Studi di Milano, dall’IRCCS Santi Paolo e Carlo e dall’istituto Auxologico Italiano IRCCS. A coordinare i lavori la professoressa Roberta Ferrucci che evidenzia i risultati della ricerca pubblicata di recente sull’European Journal of Neurology.

«La nebbia cognitiva è caratterizzata da cali di concentrazione, vuoti di memoria, affaticamento mentale e rallentamento delle funzioni cognitive. I pazienti denotano perdita di lucidità, smarrimento. Il nostro studio ha dimostrato che, non solo sono presenti cinque mesi dopo la guarigione nel 60% dei pazienti, ma persistono anche nei dodici mesi successivi la guarigione nel 50% dei casi. Il 30% ha evidenziato disturbi di memoria e il 20% di attenzione».

Unica nota positiva è che la “brain fog” tende a diradarsi più velocemente nei soggetti vaccinati. «Recenti studi realizzati oltre oceano e in Europa, hanno dimostrato che i vaccinati hanno un rischio di avere o sviluppare sintomi da Long Covid ridotti del 40%, compresa la nebbia cognitiva» rimarca la professoressa Ferrucci.

Rivolgersi ad un centro specializzato per la riabilitazione cognitiva

Convivere con questo disturbo, che genera confusione e smarrimento, può causare problemi in ambito lavorativo e sociale in particolare nei soggetti più giovani; pertanto, la professoressa Ferrucci consiglia di rivolgersi ad un centro specializzato per intraprendere percorsi riabilitativi.

«Da noi – all’IRCCS Santi Paolo e Carlo – ci sono ambulatori specifici per il long Covid gestiti da neurologi a cui si può accedere con il Sistema sanitario nazionale per fare una priva valutazione neurologica e, in caso di diagnosi di nebbia cognitiva e di funzioni cognitive compromesse, si può accedere ad un centro di neuropsicologia dove intraprendere un percorso di riabilitazione».

Anche gli asintomatici possono essere colpiti

La nebbia cognitiva colpisce indistintamente uomini e donne in ogni fascia di età, anche se sembra avere maggiore impatto nei soggetti più giovani e non fa sconti neppure a chi ha avuto una forma lieve di Covid, «Dal nostro studio è emerso che non esistono differenze sulla gravità della patologia e anche un asintomatico può sviluppare effetti Long Covid, tenendo conto che a seconda delle varianti i sintomi sono differenti: mentre l’unico sintomo che resta confermato per tutte le varianti è proprio la brain fog».

Multivitaminici per attenuare i sintomi

Quale supporto farmacologico sia necessario per uscire da questo tunnel è una delle sfide in corso. «Non esistono linee guida specifiche, ma vengono utilizzate di solito multivitaminici, vitamina B12 e i protocolli di riabilitazione cognitiva».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’antivirale Paxlovid riduce il rischio di Long Covid
L'antivirale Paxlovid sviluppato contro Covid-19, non solo riduce le probabilità di ospedalizzazione e morte, ma diminuisce anche il rischio di sviluppare il Long Covid. Almeno questo è quanto emerso da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori del Dipartimento Veterans Affairs degli Stati Uniti
Malattie cardiovascolari nelle donne, specie nel post Covid. Nasce un progetto per sostenerle
Realizzata dal Gruppo San Donato, l’iniziativa vuole fare una fotografia dello stato di salute della popolazione femminile post Covid. Serenella Castelvecchio (responsabile Prevenzione Cardiovascolare e medicina di genere): «Lavoro necessario per cure sempre più personalizzate»
Long Covid, dopo 12 mesi crescono solo i sintomi psichiatrici
Uno studio tutto italiano condotto per 12 mesi denuncia un aumento dei sintomi psichiatrici. La Sinpf denuncia «una situazione difficilissima per la psichiatria italiana alle prese con un drammatico calo di risorse, strutture, personale e completamente dimenticata dal PNRR»
Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?
I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola
Cosa succede se ho il Long Covid e mi reinfetto?
Le reinfezioni mentre si è alle prese con il Long Covid saranno sempre più comuni. E questo può portare a un peggioramento dei sintomi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 febbraio 2023, sono 671.921.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.845.807 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...