Salute 11 Aprile 2022 12:33

Long Covid: la nebbia cognitiva dopo un anno dalla malattia, soprattutto tra i giovani

Uno studio realizzato dal centro di ricerche Aldo Ravelli dell’Università degli studi di Milano, dall’IRCCS Santi Paolo e Carlo e dall’Istituto Auxologico Italiano IRCCS lo conferma. Ferrucci (professoressa di Psicobiologia e Psicologia Fisiologica Uni Mi): «A dodici mesi un 30% di pazienti ha disturbi di memoria, un 20% di attenzione, mentre tende a diradarsi più velocemente nei soggetti vaccinati»

La nebbia cognitiva, dall’inglese brain fog, uno degli effetti del cosiddetto Long Covid, è destinata a rimanere per molto tempo e è presente anche a distanza di un anno dalla malattia in particolare nei giovani. La conferma arriva da uno studio realizzato dal centro di ricerche Aldo Ravelli dell’Università degli Studi di Milano, dall’IRCCS Santi Paolo e Carlo e dall’istituto Auxologico Italiano IRCCS. A coordinare i lavori la professoressa Roberta Ferrucci che evidenzia i risultati della ricerca pubblicata di recente sull’European Journal of Neurology.

«La nebbia cognitiva è caratterizzata da cali di concentrazione, vuoti di memoria, affaticamento mentale e rallentamento delle funzioni cognitive. I pazienti denotano perdita di lucidità, smarrimento. Il nostro studio ha dimostrato che, non solo sono presenti cinque mesi dopo la guarigione nel 60% dei pazienti, ma persistono anche nei dodici mesi successivi la guarigione nel 50% dei casi. Il 30% ha evidenziato disturbi di memoria e il 20% di attenzione».

Unica nota positiva è che la “brain fog” tende a diradarsi più velocemente nei soggetti vaccinati. «Recenti studi realizzati oltre oceano e in Europa, hanno dimostrato che i vaccinati hanno un rischio di avere o sviluppare sintomi da Long Covid ridotti del 40%, compresa la nebbia cognitiva» rimarca la professoressa Ferrucci.

Rivolgersi ad un centro specializzato per la riabilitazione cognitiva

Convivere con questo disturbo, che genera confusione e smarrimento, può causare problemi in ambito lavorativo e sociale in particolare nei soggetti più giovani; pertanto, la professoressa Ferrucci consiglia di rivolgersi ad un centro specializzato per intraprendere percorsi riabilitativi.

«Da noi – all’IRCCS Santi Paolo e Carlo – ci sono ambulatori specifici per il long Covid gestiti da neurologi a cui si può accedere con il Sistema sanitario nazionale per fare una priva valutazione neurologica e, in caso di diagnosi di nebbia cognitiva e di funzioni cognitive compromesse, si può accedere ad un centro di neuropsicologia dove intraprendere un percorso di riabilitazione».

Anche gli asintomatici possono essere colpiti

La nebbia cognitiva colpisce indistintamente uomini e donne in ogni fascia di età, anche se sembra avere maggiore impatto nei soggetti più giovani e non fa sconti neppure a chi ha avuto una forma lieve di Covid, «Dal nostro studio è emerso che non esistono differenze sulla gravità della patologia e anche un asintomatico può sviluppare effetti Long Covid, tenendo conto che a seconda delle varianti i sintomi sono differenti: mentre l’unico sintomo che resta confermato per tutte le varianti è proprio la brain fog».

Multivitaminici per attenuare i sintomi

Quale supporto farmacologico sia necessario per uscire da questo tunnel è una delle sfide in corso. «Non esistono linee guida specifiche, ma vengono utilizzate di solito multivitaminici, vitamina B12 e i protocolli di riabilitazione cognitiva».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Con Omicron il rischio Long Covid è più basso
Uno studio del King's College London ha dimostrato che il rischio di sviluppare il Long Covid è più basso con Omicron
“Non sono più io”, la testimonianza di una donna affetta da Long Covid
Ericka dopo due anni dalla malattia ancora non riesce a riprendere il lavoro perché le sono state diagnosticate diverse patologie: dalla stanchezza cronica, alla perdita di memoria, fino alla tachicardia e all’insonnia
Long Covid, qual è il ruolo della neuroinfiammazione?
Il Rettore Salvatore Cuzzocrea al 15th World Congress on Inflammation (5-8 giugno, Roma): «Nonostante i numerosi dubbi ancora da chiarire sul Long Covid, ad oggi sappiamo che il trattamento precoce della neuroinfiammazione ricopre un ruolo chiave nella prevenzione dei disturbi post Covid di natura neurologica e psichiatrica»
Long Covid, scoperti biomarcatori predittivi negli adolescenti
Uno studio del Cnr indica, nei giovani che si sono ammalati, nuovi e precoci biomarcatori, potenzialmente predittivi del Long Covid
Pediatria, al via il 77° Congresso SIP. Riflettori puntati su medicina di precisione, di genere e ricerca scientifica
La presidente della SIP Annamaria Staiano: «Il filo conduttore di questa edizione sarà la partecipazione dei giovani alla ricerca scientifica che, con l’innovazione tecnologica, rappresenta la chiave di volta per la cura di malattie croniche e rare, che riguardano circa il 20% della popolazione pediatrica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali