Covid-19, che fare se...? 10 Dicembre 2020 12:13

Gravidanza e Covid-19, le mamme possono passare il virus ai neonati?

Le donne in gravidanza hanno un rischio maggiore di contrarre il Covid-19 in forma severa? Il Ministero della Salute ha raccolto i principali quesiti relativi alla salute delle neo mamme e dei loro bambini

Le donne in gravidanza hanno un rischio maggiore di contrarre il Covid-19 in forma severa? Coloro che hanno contratto il nuovo coronavirus possono trasmetterlo al neonato? Fin da quando è comparso il virus SARS-CoV-2 sono tantissime le domande che la popolazione e la comunità scientifica si sono posti in merito alla questione “gravidanza”. Con l’andare dei mesi è stato possibile raccogliere sempre più informazioni su questo argomento. Il Ministero della Salute ha raccolto i principali quesiti relativi alla salute delle neo mamme e dei loro bambini.

Le donne in gravidanza che hanno contratto il Covid-19 possono trasmettere il virus al feto/neonato?

Secondo il Ministero, nonostante le evidenze siano ancora poche, la trasmissione verticale del virus SARS-CoV-2 «non può essere esclusa». Ad oggi viene considerato un evento raro ma possibile. C’è da dire che si sono verificati vari casi in Italia di positività tra i neonati, presumibilmente infettati a seguito del contatto con la madre positiva durante o dopo il parto. Il Ministero comunque rassicura: «Questi bambini non presentano sintomi importanti e si tratta di una condizione che non desta particolari preoccupazioni».

Le donne in gravidanza hanno un rischio maggiore di sviluppare una forma severa di Covid-19?

La gravidanza comporta cambiamenti del sistema immunitario che possono «aumentare il rischio di contrarre infezioni respiratorie virali, tra cui quella da SARS-CoV-2». Tuttavia, ad oggi, come evidenziato dal Report dell’Iss, le donne in gravidanza «non sembrano essere a maggior rischio rispetto alle non-gravide per infezione grave da Covid-19 che richiede il ricovero ospedaliero».

Le donne in gravidanza con Covid-19 devono necessariamente effettuare un parto cesareo?

Le donne in gravidanza positive al nuovo coronavirus non devono necessariamente effettuare un parto cesareo. In relazione alle attuali conoscenze, conferma il Ministero della Salute, «non c’è indicazione elettiva al taglio cesareo nelle donne positive al nuovo coronavirus».

Le donne positive al nuovo coronavirus possono avere contatti con il neonato subito dopo la nascita?

Nei casi di madri paucisintomatiche che si sentono in grado di gestire in autonomia il neonato, madre e figlio «possono essere gestiti insieme». In un caso del genere è possibile applicare il “rooming-in” (ovvero la possibilità per le neo mamme di tenere il neonato nella propria camera da letto fin dalle prime ore di vita, anche in ospedale) applicando le «precauzioni previste per le malattie respiratorie a trasmissione aerea». Se, invece, la madre presenta un’infezione respiratoria sintomatica, va separata dal figlio. In ogni caso, la decisione di separare o meno la mamma dal neonato va presa, per ogni singola coppia, «tenendo conto dell’informazione-consenso dei genitori, della situazione logistica dell’ospedale ed eventualmente anche della situazione epidemiologica locale relativa alla diffusione del SARS-CoV-2».

Le mamme positive possono allattare al seno?

I rischi per il neonato connessi all’allattamento al seno, al momento, sono legati principalmente al contatto molto ravvicinato con la madre. Questa potrebbe trasmettere il virus attraverso le goccioline che si diffondono nell’aria respirando, parlando o starnutendo/tossendo. Il Report “Indicazioni ad interim per gravidanza, parto, allattamento e cura dei piccolissimi di 0-2 anni in risposta all’emergenza COVID-19” dell’ISS, evidenzia che «durante tale contatto, come pure durante il rooming-in e l’allattamento, è raccomandata l’adozione di misure di prevenzione quali il lavaggio delle mani e indossare una mascherina chirurgica».

Qualora la madre sia paucisintomatica, il Ministero della Salute spiega che «potrà allattare al seno adottando tutte le precauzioni possibili per evitare di trasmettere il virus al proprio bambino, lavandosi le mani e indossando una maschera chirurgica mentre allatta». Nel caso in cui si utilizzi latte materno spremuto con tiralatte manuale o elettrico, «la madre deve lavarsi le mani e seguire le raccomandazioni per una corretta pulizia degli strumenti dopo ogni utilizzo». Se vi è la possibilità, infine, si può considerare l’utilizzo di latte umano donato.

Se invece figlio e madre vengono separati in quanto quest’ultima è chiaramente sintomatica, «andrebbe evitato il ricorso automatico ai sostituti del latte materno». Al suo posto andrebbe implementata la «spremitura del latte materno o il ricorso all’uso di latte umano donato». Nei casi di infezione materna grave la spremitura del latte materno potrà non essere effettuata in base alle condizioni generali della madre. La compatibilità dell’allattamento materno con farmaci eventualmente somministrati alla donna con Covid-19 va valutata caso per caso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di regia: «Situazione in miglioramento». Da lunedì solo Valle d’Aosta in zona arancione
«La mappa dell'Ue si sta schiarendo, si vedono spot gialli anche in Europa, compresa l'Italia. Segnale positivo che viene confermato anche dalle curve in tutti i Paesi dove sono stabili o in decrescita»
Pandemia e Ssn, Landini (Cgil): «Batteremo il virus attraverso il lavoro. Cooperare tutti perché nessuno si salva da solo»
Il Segretario della Cgil ha preso parte all’Assemblea Generale Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn. Filippi: «Mmg, specialisti ambulatoriali e medici fiscali devono rientrare nel contratto collettivo nazionale della dirigenza». Lanza: «Delusi dal PNRR»
«Il burnout tra gli anestesisti rianimatori»
di Claudio Melloni, specialista in anestesia e rianimazione, già primario dei servizi di Anestesia e Rianimazione Ospedali di Lugo e Faenza
di Claudio Melloni, specialista in anestesia e rianimazione
Scudo penale nel Dl Covid: «Professionisti sanitari punibili solo per colpa grave in emergenza»
Al Senato passa emendamento chiesto da tutto il mondo della sanità. Ora il giudice dovrà tenere conto “della limitatezza delle conoscenze scientifiche al momento del fatto sulle patologie da SARS-Cov-2 e sulle terapie appropriate, nonché della scarsità delle risorse umane e materiali”. Le reazioni
Dl Covid, Evangelista (M5S): «Finalmente per operatori sanitari punibilità solo per colpa grave»
«Non si può non tenere conto della situazione e del contesto in cui i nostri sanitari hanno operato durante quest’anno per far fronte al Covid-19» sottolinea la senatrice M5S
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...