Salute 3 Dicembre 2020 12:05

Covid e gravidanza, studio ISS: su 875 donne con virus nessuna morte, il 2% in terapia intensiva

Una rete ISS monitora le donne positive in gravidanza: alla luce dei dati, la trasmissione del virus da madre a neonato sembra possibile ma molto rara e non influenzata dalla modalità del parto, dall’allattamento o dal rooming-in

Covid e gravidanza, studio ISS: su 875 donne con virus nessuna morte, il 2% in terapia intensiva

Durante i primi mesi dell’emergenza sanitaria di Covid-19 sono state registrate 875 donne positive al SARS-CoV-2 e in dolce attesa. Nessuna morte materna, la maggior parte ha sviluppato una malattia da lieve a moderata e il tasso di cesarei è rimasto in linea con quello nazionale antecedente la pandemia.

È quanto emerge dallo studio sull’infezione da SARS-CoV-2 in gravidanza, al parto e in puerperio, coordinato dall’Italian Obstetric Surveillance System (ItOSS) dell’ISS, la rete di sorveglianza che raccoglie dati sulla mortalità materna.

I dati dell’indagine ISS: in Lombardia il 53% dei casi complessivi

Dal 25 febbraio al 30 settembre 2020 sono stati segnalati 875 casi di donne positive al Covid-19 di cui si hanno informazioni sociodemografiche e materne e il dettaglio del percorso clinico assistenziale e terapeutico. Il progetto coinvolge tutti i punti nascita del Paese in cui vengono assistite donne con infezione confermata da SARS-CoV-2 in atto o pregressa. Nelle 667 donne che hanno partorito il tasso di incidenza dell’infezione da SARS-CoV-2 è pari a 2,9 casi per 1000 parti a livello nazionale: 5,3/1000 nel Nord; 1,6/1000 nel Centro; 0,6/1000 al Sud del Paese e 8,9/1000 in Regione Lombardia che ha segnalato il 53% dei casi complessivi.

Solo il 2% delle donne ricoverate in terapia intensiva

La maggior parte delle 667 donne ha sviluppato una malattia da lieve a moderata e solo il 2% è stato ricoverato in terapia intensiva. Il 18,6% ha sviluppato una polmonite interstiziale da Covid-19; la percentuale di parti pretermine ha riguardato il 13% delle gravidanze ma il 71% di questi casi è da ricondurre alla decisione di anticipare il parto e non alla sua insorgenza spontanea. Il tasso di tagli cesarei è stato pari al 34%, in linea con il tasso nazionale.

Le regioni del centro-sud hanno mantenuto l’abituale maggiore percentuale di cesarei rispetto al nord del Paese. Il 51% delle donne ha potuto avere accanto una persona durante il travaglio/parto e il 54% dei neonati è potuto rimanere accanto alla mamma, di questi il 27% ha praticato il contatto pelle-a-pelle. Durante il ricovero il 69% delle mamme e dei neonati hanno potuto condividere la stessa stanza e il 76% dei piccoli ha ricevuto il latte materno.

Su 681 neonati 19 positivi al virus dopo la nascita.  Solo uno ha avuto complicazioni

Questi dati, relativi alla prima ondata della pandemia, mostrano un trend in miglioramento delle pratiche assistenziali del peri-partum. Nei mesi iniziali, per prudenza, le mamme sono state più spesso separate dai bambini alla nascita; poi, grazie a una migliore organizzazione dell’assistenza, i dati descrivono maggiore attenzione nel favorire il contatto madre-bambino, il rooming-in e l’allattamento.

Al 30 settembre sono state registrate 6 morti in utero e una morte neonatale non riconducibili al coronavirus e nessuna morte materna. Alla luce delle evidenze disponibili, la trasmissione del virus da madre a neonato sembra possibile ma molto rara e non influenzata dalla modalità del parto, dall’allattamento o dal rooming-in. Sul totale dei 681 neonati presi in esame solo 19, pari al 2,8%, sono risultati positivi al virus dopo la nascita; solo uno ha avuto complicazioni respiratorie risolte dopo il ricovero in terapia intensiva.

«Lo studio – commenta la responsabile Serena Donati – descrive modelli e modalità assistenziali adottate per fronteggiare la prima ondata dell’emergenza sanitaria di Covid-19 in ambito perinatale. Dai dati raccolti – prosegue – emerge che, salvo in rari casi gravi della donna, i benefici del parto vaginale, del contatto madre-bambino e dell’allattamento sono molto superiori ai rischi dell’infezione, e vanno pertanto promossi nonostante la pandemia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Smog: esposizione in gravidanza compromette neurosviluppo del bambino
Uno studio condotto a Taiwan ha dimostrato che l'esposizione allo smog in gravidanza può causare ritardi nello sviluppo motorio e psicosociale del bambino durante la sua crescita
Iss: repentino aumento dei contagi, ora 5 Regioni a «rischio alto»
Alla vigilia della scadenza dell'obbligo delle mascherine anche sui trasporti, i nuovi dati del monitoraggio settimanale indicano un aumento repentino dei contagi
West Nile: nuovo caso in Sardegna, emergenza in crescita
Continua a cresce l'emergenza West Nile in Italia. Ieri è stato registrato l'ottavo caso in Sardegna. La donna non è in condizioni gravi
Gravidanze indesiderate, è record in Campania. Il progetto per promuovere empowerment femminile e contraccezione
L’iniziativa, promossa dalla Fondazione Scuola di Alta Formazione Donne di Governo insieme a Organon, ha come obiettivo la formazione e l’informazione di ragazzi, famiglie, e operatori in materia di sessualità consapevole
Infezioni sessualmente trasmesse in calo: “solo” merito della pandemia? Attenzione all’estate
Nel 2020 si è registrato un calo delle diagnosi delle infezioni sessualmente trasmesse, in buona parte dovuto al minor numero di test. Ma la scarsa consapevolezza preoccupa: in Italia sono diminuiti i vaccini contro il papilloma. Squillace (infettivologo): «Indagare sul fenomeno del chemsex, ovvero l’uso di sostanze tossiche per incrementare la durata delle prestazioni sessuali fino a 24 ore consecutive: disinibiscono e alterano la percezione del rischio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa