Salute 22 Maggio 2020

Gravidanza e Covid, per le mamme contagiate meglio il parto naturale. Lo studio

Ferrazzi (direttore Ostetricia Policlinico di Milano): «Il parto naturale non crea infezione al nascituro, consigliato sempre l’allattamento al seno. Obesità e condizioni socio-economiche influiscono sulla gravità della malattia: più colpite donne sudamericane e africane»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Per le mamme con Covid il parto naturale è la scelta migliore, mentre obesità e condizioni socio-economiche sembrano essere due elementi che hanno avuto un ruolo importante nello sviluppo del virus nelle donne in gravidanza. A stabilirlo uno studio realizzato dal Policlinico di Milano su 42 donne che hanno partorito tra il 1 e il 20 marzo in sei punti nascita individuati da regione Lombardia come hub maternità: oltre alla Mangiagalli, il Fatebenefratelli Sacco, il Papa Giovanni XXIII di Bergamo, il San Gerardo di Monza, gli spedali civili di Brescia e il san Matteo di Pavia. Firmatario dello studio il professor Enrico Ferrazzi, Direttore dell’Unità di Ostetricia del Policlinico di Milano.

«I nostri dati per quanto riguarda le modalità del parto sono stati confermati da una casistica simile spagnola, a Madrid, su 150 madri affette da SARS-CoV-2 che hanno partorito naturalmente e senza significative infezioni del neonato – spiega il professor Ferrazzi – mentre a breve uscirà anche sul registro inglese uno studio su quasi 630 casi dove  il parto vaginale è stato predominante, intorno al 60 – 65%. Quindi se inizialmente in Inghilterra si pensava che la soluzione migliore per mamme positive al Covid fosse il parto cesareo, si è capito invece che è meglio il parto naturale dal momento che l’infezione vaginale non passa attraverso la placenta e neppure dalla mamma al bambino al momento della nascita».

LEGGI ANCHE: LA GRAVIDANZA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS, VIORA (AOGOI): «NESSUNA DONNA RINUNCI AL SUO DESIDERIO DI MATERNITÀ»

«In tutte le casistiche – prosegue il professore – si è osservato poi che sembra esserci una correlazione importante tra l’obesità e l’infezione cardio-polmonare da Covid-19. In particolare, ad avere conseguenze più gravi in tutti gli studi sono risultate le donne ispaniche sudamericane, le nordafricane, le subsahariane e per l’Inghilterra le donne di colore, le asiatiche e le pachistane. Un dato che ci porta a riflettere non tanto sulla diversa genetica dalle donne caucasiche europee, ma piuttosto alle condizioni abitative, socio-economiche e alimentari. Abbiamo avuto addirittura una ragazzina di 18 anni sudamericana che è finita in terapia intensiva dopo un cesareo d’emergenza per la complicanza della polmonite interstiziale. Infatti, questo è un virus che determina una cascata infiammatoria importante, quindi la gravità della malattia è proprio dovuta a una iper-reazione del sistema immunitario. La placenta nelle ultime settimane di gravidanza diventa un organo pro-infiammatorio, ed è quello che porta al parto, che per certi versi è un rigetto».

Confortato dai dati inglesi e spagnoli, lo studio milanese ha stabilito che l’infezione, anche se grave, non sembra in grado di attraversare la placenta e quindi di trasmettersi al bambino né durante la gravidanza né durante il parto.

«Oltre al parto naturale abbiamo cercato di mantenere mamma e neonato vicini e di stimolare l’allattamento al seno – aggiunge Ferrazzi -. Grazie alla collaborazione della Società italiana di neonatologia, qui ben rappresentata dal presidente Mosca, abbiamo differenziato le donne con scarsi sintomi, magari anche solo positive al virus, ma senza la polmonite interstiziale, ed abbiamo previsto l’allattamento al seno perché la mamma in questo modo trasferisce gli anticorpi al bambino ed abbiamo avviato una sorta di immunoterapia; al contrario, quando le condizioni della mamma non lo permettevano perché troppo gravi, abbiamo separato mamma e bambino, ma abbiamo mantenuto sempre l’allattamento al seno grazie alla spremitura con il tiralatte».

 

Articoli correlati
“Anziani, diritti e tutela senza età”, in un libro le sfide degli over 65 ai tempi della pandemia
A cura di Laila Perciballi, avvocato e referente della FNO TSRM e PSTRP, l’instant book «vuole proporre un nuovo modello di assistenza sanitaria e sociale che aiuti gli anziani a vivere nelle loro case, nel loro habitat, nel tessuto famigliare e sociale». Tra gli autori Anna Melillo, Maria Pia Gallo e Massimo Tosini
Pronto Soccorso, percorsi separati sulla carta ma in realtà non si riesce a isolare i positivi
La situazione negli ospedali romani raccontata dal segretario di CGIL Sanità Lazio e Michela Flores di Usb Sanità: «Le ambulanze sono utilizzate come camere di isolamento, in attesa di trovare un posto letto ai pazienti»
di Peter D'Angelo
Terapia del plasma, al via studi randomizzati in Italia e in Europa
Il direttore di Immunoematologia del Policlinico di Pavia: «La terapia sembra essere efficace se ci sono anticorpi sufficienti e se somministrata entro le prime 72 ore dalla comparsa dei sintomi»
di Federica Bosco
Ictus e covid-19, Lazzaro (Campus): «Drammatico calo dei pazienti in pronto soccorso»
Per paura di contrarre il COVID-19, molti pazienti non si recano al pronto soccorso: «In caso di sintomi agire presto per evitare danni permanenti»
Covid-19, Conte firma un nuovo DPCM: ecco cosa prevede e il testo completo
Bar e ristoranti chiusi dalle 18.00, didattica a distanza per il 75% delle attività alle superiori, giù le serrande di palestre e piscine. Conte: «I medici di famiglia saranno preziosi alleati nella strategia di contrasto al Covid-19. Sul tavolo c'è un rinnovo contrattuale che servirà anche a motivarli per coinvolgerli in nuovi compiti» 
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare