Salute 22 Maggio 2020

Gravidanza e Covid, per le mamme contagiate meglio il parto naturale. Lo studio

Ferrazzi (direttore Ostetricia Policlinico di Milano): «Il parto naturale non crea infezione al nascituro, consigliato sempre l’allattamento al seno. Obesità e condizioni socio-economiche influiscono sulla gravità della malattia: più colpite donne sudamericane e africane»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Per le mamme con Covid il parto naturale è la scelta migliore, mentre obesità e condizioni socio-economiche sembrano essere due elementi che hanno avuto un ruolo importante nello sviluppo del virus nelle donne in gravidanza. A stabilirlo uno studio realizzato dal Policlinico di Milano su 42 donne che hanno partorito tra il 1 e il 20 marzo in sei punti nascita individuati da regione Lombardia come hub maternità: oltre alla Mangiagalli, il Fatebenefratelli Sacco, il Papa Giovanni XXIII di Bergamo, il San Gerardo di Monza, gli spedali civili di Brescia e il san Matteo di Pavia. Firmatario dello studio il professor Enrico Ferrazzi, Direttore dell’Unità di Ostetricia del Policlinico di Milano.

«I nostri dati per quanto riguarda le modalità del parto sono stati confermati da una casistica simile spagnola, a Madrid, su 150 madri affette da SARS-CoV-2 che hanno partorito naturalmente e senza significative infezioni del neonato – spiega il professor Ferrazzi – mentre a breve uscirà anche sul registro inglese uno studio su quasi 630 casi dove  il parto vaginale è stato predominante, intorno al 60 – 65%. Quindi se inizialmente in Inghilterra si pensava che la soluzione migliore per mamme positive al Covid fosse il parto cesareo, si è capito invece che è meglio il parto naturale dal momento che l’infezione vaginale non passa attraverso la placenta e neppure dalla mamma al bambino al momento della nascita».

LEGGI ANCHE: LA GRAVIDANZA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS, VIORA (AOGOI): «NESSUNA DONNA RINUNCI AL SUO DESIDERIO DI MATERNITÀ»

«In tutte le casistiche – prosegue il professore – si è osservato poi che sembra esserci una correlazione importante tra l’obesità e l’infezione cardio-polmonare da Covid-19. In particolare, ad avere conseguenze più gravi in tutti gli studi sono risultate le donne ispaniche sudamericane, le nordafricane, le subsahariane e per l’Inghilterra le donne di colore, le asiatiche e le pachistane. Un dato che ci porta a riflettere non tanto sulla diversa genetica dalle donne caucasiche europee, ma piuttosto alle condizioni abitative, socio-economiche e alimentari. Abbiamo avuto addirittura una ragazzina di 18 anni sudamericana che è finita in terapia intensiva dopo un cesareo d’emergenza per la complicanza della polmonite interstiziale. Infatti, questo è un virus che determina una cascata infiammatoria importante, quindi la gravità della malattia è proprio dovuta a una iper-reazione del sistema immunitario. La placenta nelle ultime settimane di gravidanza diventa un organo pro-infiammatorio, ed è quello che porta al parto, che per certi versi è un rigetto».

Confortato dai dati inglesi e spagnoli, lo studio milanese ha stabilito che l’infezione, anche se grave, non sembra in grado di attraversare la placenta e quindi di trasmettersi al bambino né durante la gravidanza né durante il parto.

«Oltre al parto naturale abbiamo cercato di mantenere mamma e neonato vicini e di stimolare l’allattamento al seno – aggiunge Ferrazzi -. Grazie alla collaborazione della Società italiana di neonatologia, qui ben rappresentata dal presidente Mosca, abbiamo differenziato le donne con scarsi sintomi, magari anche solo positive al virus, ma senza la polmonite interstiziale, ed abbiamo previsto l’allattamento al seno perché la mamma in questo modo trasferisce gli anticorpi al bambino ed abbiamo avviato una sorta di immunoterapia; al contrario, quando le condizioni della mamma non lo permettevano perché troppo gravi, abbiamo separato mamma e bambino, ma abbiamo mantenuto sempre l’allattamento al seno grazie alla spremitura con il tiralatte».

 

Articoli correlati
Covid-19, ISS: «Al momento in Italia nessuna situazione critica»
Il Ministro Speranza: «Dati monitoraggio incoraggianti, avanti con cautela»
Covid-19, cosa fare dopo l’infezione? Le indicazioni degli pneumologi
Le prime evidenze cliniche indicano che nei mesi successivi all’infezione da SARS-CoV 2 i polmoni possono presentare alterazioni fibrotiche. Secondo alcuni studiosi, almeno il 30% dei pazienti affetti da COVID-19 potrà avere tali alterazioni. In altre parole, il passaggio del SARS-CoV2 può lasciare cicatrici importanti a livello polmonare, cicatrici che possono evolvere provocando una insufficienza […]
Consulcesi contro chi specula sulle morti da Covid-19: «Non trasformiamo i medici da eroi a capri espiatori»
Il Presidente Tortorella: «Oltre il 70% delle denunce contro sanitari vengono archiviate, intasando i tribunali. Tra turni massacranti e mancanza di protezioni, sono medici e sanitari le vittime di questa pandemia»
Covid-19 e disabilità, il presidente Fand e Anmic: «Fase 1 è stata drammatica, delusi da mancata attenzione ai caregiver»
L'appello di Nazaro Pagano per il rifornimento di dispositivi di sicurezza adatti e per condizioni di lavoro sicure per persone con disabilità. Bene i fondi riservati nei decreti, ma «essenziale che a settembre gli alunni con disabilità non siano esclusi da quello che dovrebbe essere un diritto sacrosanto»
Covid-19, l’ipotesi del professor Giordano (Temple University): «Cittadini del sud Italia potrebbero essere protetti da scudo genetico»
Secondo lo studio pubblicato su Frontiers Immunology, uno specifico assetto genetico potrebbe essere alla base della suscettibilità alla malattia da SARS-CoV-2 e della sua severità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 giugno, sono 6.185.523 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 372.377 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 31 maggio: Ne...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco