Salute 22 Maggio 2020

Gravidanza e Covid, per le mamme contagiate meglio il parto naturale. Lo studio

Ferrazzi (direttore Ostetricia Policlinico di Milano): «Il parto naturale non crea infezione al nascituro, consigliato sempre l’allattamento al seno. Obesità e condizioni socio-economiche influiscono sulla gravità della malattia: più colpite donne sudamericane e africane»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Per le mamme con Covid il parto naturale è la scelta migliore, mentre obesità e condizioni socio-economiche sembrano essere due elementi che hanno avuto un ruolo importante nello sviluppo del virus nelle donne in gravidanza. A stabilirlo uno studio realizzato dal Policlinico di Milano su 42 donne che hanno partorito tra il 1 e il 20 marzo in sei punti nascita individuati da regione Lombardia come hub maternità: oltre alla Mangiagalli, il Fatebenefratelli Sacco, il Papa Giovanni XXIII di Bergamo, il San Gerardo di Monza, gli spedali civili di Brescia e il san Matteo di Pavia. Firmatario dello studio il professor Enrico Ferrazzi, Direttore dell’Unità di Ostetricia del Policlinico di Milano.

«I nostri dati per quanto riguarda le modalità del parto sono stati confermati da una casistica simile spagnola, a Madrid, su 150 madri affette da SARS-CoV-2 che hanno partorito naturalmente e senza significative infezioni del neonato – spiega il professor Ferrazzi – mentre a breve uscirà anche sul registro inglese uno studio su quasi 630 casi dove  il parto vaginale è stato predominante, intorno al 60 – 65%. Quindi se inizialmente in Inghilterra si pensava che la soluzione migliore per mamme positive al Covid fosse il parto cesareo, si è capito invece che è meglio il parto naturale dal momento che l’infezione vaginale non passa attraverso la placenta e neppure dalla mamma al bambino al momento della nascita».

LEGGI ANCHE: LA GRAVIDANZA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS, VIORA (AOGOI): «NESSUNA DONNA RINUNCI AL SUO DESIDERIO DI MATERNITÀ»

«In tutte le casistiche – prosegue il professore – si è osservato poi che sembra esserci una correlazione importante tra l’obesità e l’infezione cardio-polmonare da Covid-19. In particolare, ad avere conseguenze più gravi in tutti gli studi sono risultate le donne ispaniche sudamericane, le nordafricane, le subsahariane e per l’Inghilterra le donne di colore, le asiatiche e le pachistane. Un dato che ci porta a riflettere non tanto sulla diversa genetica dalle donne caucasiche europee, ma piuttosto alle condizioni abitative, socio-economiche e alimentari. Abbiamo avuto addirittura una ragazzina di 18 anni sudamericana che è finita in terapia intensiva dopo un cesareo d’emergenza per la complicanza della polmonite interstiziale. Infatti, questo è un virus che determina una cascata infiammatoria importante, quindi la gravità della malattia è proprio dovuta a una iper-reazione del sistema immunitario. La placenta nelle ultime settimane di gravidanza diventa un organo pro-infiammatorio, ed è quello che porta al parto, che per certi versi è un rigetto».

Confortato dai dati inglesi e spagnoli, lo studio milanese ha stabilito che l’infezione, anche se grave, non sembra in grado di attraversare la placenta e quindi di trasmettersi al bambino né durante la gravidanza né durante il parto.

«Oltre al parto naturale abbiamo cercato di mantenere mamma e neonato vicini e di stimolare l’allattamento al seno – aggiunge Ferrazzi -. Grazie alla collaborazione della Società italiana di neonatologia, qui ben rappresentata dal presidente Mosca, abbiamo differenziato le donne con scarsi sintomi, magari anche solo positive al virus, ma senza la polmonite interstiziale, ed abbiamo previsto l’allattamento al seno perché la mamma in questo modo trasferisce gli anticorpi al bambino ed abbiamo avviato una sorta di immunoterapia; al contrario, quando le condizioni della mamma non lo permettevano perché troppo gravi, abbiamo separato mamma e bambino, ma abbiamo mantenuto sempre l’allattamento al seno grazie alla spremitura con il tiralatte».

 

Articoli correlati
Covid, medici del territorio senza tutele né indennizzi in caso di contagio. Le reazioni dei sindacati
SMI: «Inail e assicurazioni private prevedano copertura». FISMU: «Nostra denuncia caduta nel dimenticatoio»
Miocardite e Covid-19: curato sedicenne al San Matteo di Pavia
Il ragazzo, ricoverato per miocardite acuta, era positivo al SARS-CoV-2 ma ha mai avuto sintomi o segni della malattia. Il caso clinico oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»
«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»
di Isabella Faggiano
L’appello delle Società scientifiche: «Rischio cessato? Non ci sono basi scientifiche. Mantenere misure»
Un network di società scientifiche raccoglie l'appello della Simit contro il virus: «Non è virus più o meno aggressivo, è risposta singolo umano più o meno efficace»
L’ingegner Vacca: «Giusto il lockdown, ma le pandemie sono sempre esistite. L’epidemia più terribile è quella dell’ignoranza»
Nel suo ultimo libro “La misura del virus” l’ingegner Roberto Vacca descrive l’equazione di Volterra, modello matematico con cui ha previsto la fine dei decessi da Covid-19 in Italia. Poi sottolinea: «Nel 1957 con l’asiatica morirono in 37 mila. L’epidemia di Covid non è una tragedia epocale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...