Salute 6 Aprile 2020

La gravidanza ai tempi del Coronavirus. Viora (Aogoi): «Nessuna donna rinunci al suo desiderio di maternità»

La presidente Aogoi: «Le donne in gravidanza non sembrano manifestare una sensibilità maggiore all’infezione rispetto al resto della popolazione. Il virus sembra non essere trasmesso al neonato, né durante la gestazione, né durante il parto. La neomamma potrà prendersi cura del proprio bambino e allattarlo al seno»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Nessuna donna rinunci al suo desiderio di maternità». Elsa Viora, presidente dell’Associazione degli ostetrici e ginecologi ospedalieri italiani (Aogoi), invita chiunque abbia il desiderio di diventare madre a realizzarlo, a non rinunciarvi nemmeno in questo particolare momento storico. «Fatta eccezione – specifica – per coloro che soffrono di particolari patologie (come ipertensione, diabete e malattie cardiovascolari, ndr) che aumentano il rischio di complicanze in caso di infezione da Coronavirus».

Ma una persona in buona salute non ha nulla da temere: «Il rischio di una donna in gravidanza di contrarre il Coronavirus o di avere un peggioramento della malattia non è maggiore di quello a cui è esposto il resto della popolazione. Inoltre sottolinea Viora – il Covid-19 sembra non si trasmetta al feto».

In un’intervista a Sanità Informazione la dottoressa Elsa Viora chiarisce quali sono i reali rischi del Coronavirus in gravidanza, sia per la donna che per il suo bambino, offrendo consigli e suggerimenti a tutte coloro che vorrebbero un figlio, ma temono che questo non sia il momento ideale.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS E GRAVIDANZA: IL CORSO ONLINE DI FUTURA STEM CELLS PREPARA LE MAMME AL PARTO

Presidente, una donna incinta ha un potenziale di contagio più alto rispetto al resto della popolazione?

«No, le donne gravide, al contrario di quanto osservato per l’influenza H1N1 e per la SARS, non sembrano manifestare una sensibilità maggiore all’infezione rispetto al resto della popolazione, né a sviluppare particolari complicanze.  Lo dimostrano gli studi effettuati in Cina e le esperienze dirette maturate in Europa».

E in Italia, qual è la situazione?

«Anche i casi del nostro Paese ci hanno dimostrato che la gravidanza non crea ulteriori complicanze da Covid-19, come invece accade quando si contraggono altre tipologie di influenze.  Nonostante ciò, ancora non sappiamo quante donne affette da Coronavirus abbiano partorito durante questi giorni di emergenza. L’Istituto Superiore di Sanità ha avviato uno studio prospettico nazionale e, probabilmente, ne conosceremo i risultati alla fine di questo momento critico. Va sottolineato, ovviamente, che questi dati ci indicheranno soltanto le gravide sintomatiche, poiché quelle asintomatiche, come accade per il resto della popolazione che non mostra sintomi riconducibili al Covid-19, non sono solitamente sottoposte a tampone».

Se una donna in gravidanza ha sintomi riconducibili al Coronavirus cosa deve fare?

«È sempre meglio rivolgersi subito al proprio ginecologo di fiducia che, conoscendo il tipo di gravidanza in corso (ad alto o basso rischio) potrà guidare la donna verso il percorso più idoneo a sé ed al proprio bambino».

Quindi la donna sarà indirizzata anche nella scelta del luogo del parto?

«Certo, sarà seguita passo dopo passo. Sarà senz’altro più indicato partorire in un ospedale che dispone di un reparto di terapia intensiva. Tuttavia, i percorsi e le procedure per una gravida affetta da Coronavirus sono diversi da regione a regione e variano anche a seconda delle specifiche condizioni epidemiologiche di un determinato luogo in un preciso momento».

La donna sarà guidata verso un parto naturale o verso un cesareo?

«Non c’è nessuna indicazione al parto cesareo. La scelta verrà effettuata in base alle condizioni della donna e del suo bambino, come in qualsiasi altra gravida non affetta da Coronavirus».

Il parto può causare un peggioramento della patologia?

«Non ci sono casi che abbiano mostrato un aggravamento della malattia dopo la nascita del bambino».

Il neonato può infettarsi durante il parto o il feto durante la gestazione?

«I dati che abbiamo a disposizione dimostrano che nessun bambino nato da madre con Coronavirus abbia contratto il virus».

Dopo il lieto evento mamma e figlio dovranno essere separati?

«Assolutamente no. La madre potrà prendersi cura del suo bambino utilizzando le apposite precauzioni come indossare una mascherina, lavarsi accuratamente le mani e disinfettare tutte le superfici di contatto. Ovviamente saranno da evitare le coccole fino alla totale guarigione».

Il piccolo dovrà rinunciare al latte materno?

«Anche in questo caso la risposta è no: la madre può allattare al seno, ovviamente se le condizioni cliniche della donna lo permettono. È documentato che il virus non può essere trasmesso attraverso il latte materno».

Presidente, se una gravida affetta da Coronavirus può dormire sonni tranquilli, allora tutte le donne in dolce attesa possono godersi in serenità questo momento speciale della loro vita, senza  farsi prendere dal panico?

«Certo. Tutte le donne in gravidanza non solo possono, ma devono stare tranquille per il proprio benessere e per quello del bambino che portano in grembo. In particolare, coloro che non hanno contratto il virus non devono mai rinunciare alla cura di sé. Non devono avere paura di andare in ospedale, seguendo tutte le indicazioni, per effettuare i controlli previsti durante la gestazione: il personale medico e sanitario garantisce il rispetto di tutte le precauzioni necessarie e previste dai protocolli affinché le possibilità di contrarre il virus siano ridotte ai minimi termini. Rinunciando ad un’ecografia, ad un prelievo ematico o, addirittura, al parto in ospedale, si potrebbe mettere a rischio la propria salute e quella del proprio figlio molto di più di quanto lo si farebbe uscendo di casa per sottoporsi a quelle visite ed esami che gli specialisti riterranno di volta in volta necessari, a seconda del periodo di gestazione, mentre sarà posticipato ciò che è possibile rimandare».

 

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 3 luglio, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Legge 194. E se in ospedale sono tutti obiettori? Viora (AOGOI): «La struttura deve garantire il diritto all’ivg»
«Siamo passati dalle 230 mila interruzioni negli anni ’80 alle attuali 76 mila. Aumentano, invece, i ginecologi obiettori, che rappresentano circa il 69% della categoria»
di Isabella Faggiano
Il virus è più debole? L’emergenza è finita? Le risposte dagli Stati Generali dell’Infettivologia, ma è scontro tra gli esperti
Secondo la Simit, se il virus continuerà a circolare una nuova ondata è molto probabile. Ranieri Guerra (Oms) paragona il Covid con la spagnola, che tornò in autunno uccidendo 50 milioni di persone. Ma dieci esperti sostengono l'indebolimento del virus
Autisti soccorritori, ‘eroi’ dimenticati dell’emergenza. Montanari (CO.E.S.): «Fuori dai tavoli e dal Fondo di Solidarietà, solo Mattarella si è ricordato di noi»
Il Presidente del CO.E.S. Italia Moreno Montanari sottolinea: «Abbiamo avuto cinque morti e un numero imprecisato di contagiati. Ma dalle istituzioni silenzio totale». Continua la battaglia per il riconoscimento del profilo professionale: «A dicembre accordo a un passo con la Conferenza delle Regioni, poi silenzio. Urgente riforma servizio 118»
La vita dei medici youtuber nei giorni del Covid-19
Tanti professionisti sanitari hanno aperto o potenziato i propri canali social durante l’emergenza coronavirus: ne parla un’autorevole rivista scientifica
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...