Salute 3 marzo 2015

Mamme si diventa… sempre più tardi. E i punti nascita pubblici vengono preferiti alle cliniche

L’analisi Cedap in parallelo col Rapporto Save The Children mostra un’Italia che ha ancora da imparare sull’assistenza alla maternità

Immagine articolo

Un calo demografico che progredisce anno dopo anno, registrato su un campione di 567 strutture pubbliche e private, per un totale di 541.206 eventi nascita.

Parte da qui l’analisi effettuata tramite il Cedap (Certificato di assistenza al parto) del Ministero della Salute. Il Rapporto, giunto quest’anno alla sua decima edizione, riprende dati del 2011: uno scarto temporale considerevole, ma che riesce comunque a dare un saggio sulle tendenze nostrane in ambito di natalità. Le donne italiane diventano mamme sempre più tardi, in media a 33 anni, e per il lieto evento si preferiscono, in 9 casi su 10, gli ospedali pubblici alle cliniche private. La gravidanza, inoltre, è diventata un percorso ampiamente medicalizzate – con gran parte delle gestanti che effettua almeno 4 visite ostetriche nell’arco dei 9 mesi – e che tende, più che in passato, a sfociare in parti chirurgici, con i cesarei in continuo aumento. I dati del Cedap viaggiano paralleli con quelli fotografati dal Rapporto Mamme in Arrivo ad opera dell’associazione umanitaria Save the Children.

Ad emergere sono anche le differenze territoriali che sussistono nei livelli di assistenza alle neo mamme. Il recente e tragico caso della piccola Nicole altro non che è la punta dell’iceberg di un Meridione sempre più fanalino di coda sul livello qualitativo dei punti nascita. Le strutture più “fragili” in questo senso si trovano infatti in Campania, Sicilia, Lazio e Sardegna. Disparità anche sulla rete dei consultori, che risentono della mancanza di fondi destinati: sono pochissime le regioni che hanno investito su un approccio globale alla salute materno-infantile prevedendo appositi capitoli di bilancio. Inoltre, solo 1/5 di queste strutture dispone di un’équipe completa. Altre criticità riscontrate dai novelli genitori sono lo scarso supporto delle strutture in caso di permanenza del neonato in una terapia intensiva, e la poca attenzione rispetto all’insegnamento delle tecniche di allattamento, in controtendenza rispetto al resto d’Europa dove questa pratica viene incoraggiata e divulgata.

Articoli correlati
Rapporto CeDap: 89,1% dei parti avviene negli Istituti di cura pubblici. Straniero il 20% delle madri
Il Rapporto annuale sull’evento nascita in Italia – CeDAP 2015, illustra le analisi dei dati rilevati per l’anno 2015 dal flusso informativo del Certificato di Assistenza al Parto (CeDAP). La rilevazione, istituita dal Decreto del Ministro della sanità 16 luglio 2001, n.349, costituisce a livello nazionale la più ricca fonte di informazioni sanitarie, epidemiologiche e […]
Specializzazioni, FNOMCeO invoca incontro a Miur e Salute: dare garanzie a giovani colleghi
Accesso alla formazione e formazione di qualità: è quanto chiede la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri per i giovani professionisti, laureati e abilitati, che aspettano di iscriversi alle Scuole di Specializzazione
Nuovo codice di condotta per il salvataggio dei migranti: non tutte le Ong firmano
Tra le Ong presenti all’incontro, solo Save the Children ha firmato il codice. Da segnalare, tra coloro che si oppongono, Medici Senza Frontiere. Il Viminale: «Chi non accetta il codice è fuori dal sistema organizzato per il salvataggio in mare»
Antibiotico-resistenza, Ministro Lorenzin: «Combatterla coinvolgendo le associazioni e i pazienti»
Dopo che l’OMS ha reso note le 12 famiglie di batteri immuni agli antibiotici il Ministero della Salute lancia il monito: «Fronteggiare l’emergenza con un Piano nazionale che sarà pronto in primavera»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...